Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 53044 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Malessere post cannabis

Salve, sono un ragazzo di 18 anni. Ho iniziato a fare uso di cannabis un anno fa, all'incirca. Non ho mai presentato alcun malessere dopo aver fumato, se non ultimamente. Non ho mai fumato regolarmente lo stesso quantitativo di marijuana, capitava la giornata in cui fumavo un paio di canne, capitava quella in cui ne fumavo molte di più o di meno. La situazione ha iniziato a degenerare solo ultimamente. Ogni volta che provo a fare più di qualche tiro insignificante, presento diversi malori. Inizio a sudare freddo (specialmente dalle mani), il volto si sbianca, tremolii improvvisi e difficilmente controllabili mi attraversano il corpo accompagnati da un forte senso di disagio e da una fastidiosissima tachicardia . Le prime volte era terribile, la sensazione era quella di morire. Non riuscivo a controllare i tremolii che spesso si trasformavano in vere e proprie convulsioni. La prima volta che mi successe chiesi a chi era con me di chiamare un'ambulanza (e ciò è un dato rilevante, dato che non ho mai chiesto di farlo, anche in casi estremi). Ho provato a smettere (senza alcun problema), poi a fare qualche tiro. Ma ogni volta si ripete tutto questo. Solo che adesso, conoscendo gli effetti, cerco di stare tranquillo e aspettare che passi. Ho fatto addirittura dei tentativi per osservare e riuscire a descrivere meglio ciò che provavo in quel momento. La durata di questo malessere varia dai 10 ai 30 minuti. Nei primi minuti i malori sono più marcati e meno controllabili, man mano che aspetto diminuiscono tachicardia e convulsioni, fino ad essere controllabili. I consigli che mi hanno dato sono stati, ovviamente, tutti riconducibili al fatto di smettere di fumare per un periodo più lungo, poi nel caso, riprovare. Ma la mia domanda più che un consiglio è soprattutto questa, a cosa è dovuto tutto questo? Perché improvvisamente il mio corpo reagisce così? Vi ringrazio in anticipo, sia per l'attenzione che per la risposta :)

Risposta:

 Ciao, quello che ti succede è piuttosto frequente tra le persone che ci scrivono: la marijuana può dare reazioni psico-fisiche molto intense, anche dopo un periodo in cui l'uso non aveva dato problemi. Il perchè di questo cambiamento è da ricercare a diversi livelli: 1) un dosaggio superiore o una maggiore concentrazione della sostanza rispetto a quello abituale; 2) un contesto in cui non eri a tuo agio; 3) uno stato emotivo di vulnerabilità dovuto ad un periodo di stress e ansia. E' ragionevole pensare che ci sia un misto dei tre aspetti, per cui l'effetto di una canna più forte, a cui non eri preparato, genera uno stato d'ansia/panico con i vari sintomi che hai descritto e innesca un circolo vizioso in cui da quel momento associ le canne successive alla brutta esperienza provata. E' per questo che l'unico consiglio corretto è quello che hai già ricevuto. Se l'aspettativa è quella di tornare a provare gli effetti iniziali, quelli piacevoli, la realtà invece è che una volta innescato questo meccanismo, la risposta ansiosa si ripete, anzi, rischia di diventare stabile (e presentarsi anche senza fumare). Prova davvero a smettere per un po', drasticamente, perchè così giri il coltello nella piaga.

Commenti

Salve, e grazie per aver risposto.
Scarterei le prime due motivazioni. La prima poiché i malori si presentano indipendentemente dalla quantità e dalla qualità della sostanza utilizzata (ma sono fattori che ne influenzano l'intensità e la durata, dato che se fumo relativamente poco i malori saranno lievi ma fastidiosi, mentre se ne fumo di più i malori saranno marcati ed incontrollabili). La seconda, invece, poiché ho provato in diversi contesti: con amici all'aperto, da solo sul divano di casa mia, o con la mia ragazza. E la reazione è stata sempre la medesima. La terza è quella che mi sembra più opportuna, visto che sono stato protagonista di un esperienza molto traumatica non molo tempo fa (legata, oltre tutto, al mondo delle sostanze stupefacenti). Mi ritrovo molto in questa vostra affermazione "l'effetto di una canna più forte, a cui non eri preparato, genera uno stato d'ansia/panico con i vari sintomi che hai descritto e innesca un circolo vizioso", ed in effetti realizzo che tutto questo è iniziato dopo che mi sono sentito male la prima volta (con una dose eccessiva di hashish all'interno di un cilum) esperienza alla quale non ero effettivamente preparato.
Colgo l'occasione per ringraziarvi di nuovo, salutarvi e ringraziarvi per il servizio che offrite e le informazioni che scambiate. Un saluto!