Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 53072 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Scrivo qui perché non ho ricevuto risposta alla domanda che iniziava con "Salve. Intanto vorrei farvi i complimenti e ringraziarvi per il servizio che offrite. Vorrei raccontare la mia esperienza"

Io penso che le sostanze abbiano contribuito insiemi ai vari altri fattori che ho elencato a far insorgere questi attacchi di panico, non penso che siano IL motivo per il quale ho avuto attacchi di panico. Penso che nell'ultimo anno ho accumulato ansie e stress e che il tutto sia stato sprigionato dal mio organismo in questa maniera. Effetti pesanti nei giorni a seguire dopo l'assunzione quest'anno non ne ho mai avuti, gli attacchi di panico sono insorti dopo 1 mese che avevo assunto l'ultima volta qualcosa. Allo psicologo ho parlato della marijuana ma ho evitato di parlare del resto, sicuramente sono informazioni importanti. Ovviamente so che farei meglio a lasciar perdere e evitare di assumere mdma a capodanno (molto probabilmente eviterò), ma quello che vorrei sapere è un parere meramente scientifico: vado incontro inevitabilmente ad altri attacchi di panico, magari di entità maggiore, o è un qualcosa che dipende soltanto dalla mia suggestione e dal mio autocontrollo? Non sono molto spaventato dagli attacchi che ho avuto, li inquadro come qualcosa di naturale e non grave. E' per questo motivo che vi pongo la domanda, vorrei prendere una decisione ferma a riguardo proprio per evitare di cadere in tentazione per il fatto di non temere conseguenze. Grazie di nuovo.

Risposta:

Ti avevamo già risposto e pubblicato, ma se non metti la tua mail - come hai fatto adesso - non riesci a trovare la risposta. Volentieri la ripubblichiamo

 Ciao, parli di uso moderato e consapevole di sostanze. Nonostante tutto però sembra che queste stiano prendendo il sopravvento sul controllo che fino ad oggi ritienevi essere in grado di esercitare nel gestirle.

E non tanto per la frequenza nell'uso, quanto nella pesantezza degli effetti. Ovviamente non si può parlare di cronicità nell'uso (o abuso) di questa sostanze, ma di effetti collaterali piuttosto frequenti e pesanti dopo il oro utilizzo (ansia e attacchi di panico).

Se utilizzare sostanze alla fine dell'anno? In un certo senso la risspota te la sei già data quando dici che a mente lucida non riesci a fare a meno di pensare che le sostanze siano legate agli effetti pesantemente negativi che hai già provato.

Lo psicologo può averti tranquillizzato, ma la sua diagnosi à priva di una informazione fondamentale per essere credibile: il tuo uso di sostanze.

 

Commenti

Non avete risposto al mio commento alla vostra risposta, che è quello che vi ho appena scritto!