Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 53072 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

sono a rischio?

salve, il 26 luglio 09 mi hanno ritirato la patente causa alcool.Un mese fa circa o fatto due tiri di numero da una canna, la settimana scorsa ho fatto uso di cocaina ed lsd, a ferragosto invece ho preso una pastiglia di exstasy e qualche botta di ketamina.La mia domanda è, se tra un mese e mezzo circa mi fanno le analisi del sangue e urine quale sostanza potrebbero trovarmi?premetto che ho 20 anni e sono uno che mangia quel che vuole senza ingrassare, questo per farvi capire un po il mio metabolismo.Attendo a breve una vostra risposta grazie mille.

Risposta:

Abbiamo dettagliatamente risposto ai tuoi quesiti ad altri lettori.

Puoi trovare queste risposte facendo una ricerca e scrivendo nel box “Domande agli Operatori” le singole sostanze con accanto la parola “urine”.
Non è possibile affermare con certezza che le urine, al prossimo accertamento, risulteranno negative.
Intitoli la tua mail “Sono a rischio?”.
I rischi che stai correndo non riguardano solo il ritiro della patente: considera che stai consumando più sostanze, anche contemporaneamente, in un breve periodo di tempo. E che sei molto giovane.
Quelli maggiori riguardano quindi la tua salute e il tuo rapporto con le sostanze.
Capita molto spesso di sottovalutare o banalizzare il comportamento che si ha con le sostanze, come le si consuma, con quale modalità:  avere problemi con le sostanze non significa soltanto sviluppare una forma di dipendenza.
 Se hai voglia di tenerci informati, siamo a tua disposizione
 
 

 

Commenti

Vi ringrazio della vostra risposta.Quindi sarei a rishio in quanto le ho prese in poco tempo e sostanze diverse?Vuol dire qualcosa il fatto che extasy, ketamina e sopratutto lsd li ho presi in quantità piccola..cmq da una parte sono contento che mi abbiano ritirato la patente per sei mesi così ho il tempo di riflettere e certamente di smettere con tutto, anche perchè forse è l'unico modo.Ultima domanda molti amici miei di 30, 33 anni che da l'età di 14,15 anni fanno uso di extasy,cocaina e ketamina (ovviamente anche hashis), per quanto ancora andranno avanti?io per fortuna ho cominciato "tardi" con le droghe pesanti a 18 anni.grazie ancora

Usare più sostanze insieme è sempre un rischio.
Le diverse combinazioni di sostanze assunte non permettono di conoscere tutti gli effetti che ne derivano e il mix può avere conseguenze inaspettate, sgradevoli e di difficile gestione. E in alcuni casi esse possono anche essere estremamente pericolose.
Hai usato sostanze che hanno in comune l’effetto allucinatorio: quando effetti similari si sommano, aumentano notevolmente anche i rischi (come ad es., quello di avere un bad trip, di vivere stati angosciosi o confusionali).
A questo si sommano a loro volta gli effetti specifici delle singola sostanza, quello eccitante per l’ecstasy, quello anestetico e dissociativo  per la ketamina.
Un periodo di astensione ti sarà sicuramente utile.
Scrivici ancora se può esserti di aiuto o semplicemente per un confronto, magari utilizzando la mail che trovi in fondo alla pagina cliccando su CONTATTI.
Infine, non possiamo sapere “per quanto ancora andranno avanti” i tuoi amici.
Non conosciamo la loro storia personale. Non sappiamo, ad esempio,  quanto e come consumano, con quali dosaggi, modalità e frequenza, se si sono mai rivolti ai servizi, volontariamente o per aver commesso un illecito.
Da quello che scrivi possiamo fare delle supposizioni.
Ovvero che che stai parlando di un consumo, anzi di un policonsumo, che dura da diversi anni e che non è sporadico.
Se questa ipotesi è corretta,  è difficile pensare che le sostanze non condizionino la qualità di vita dei tuoi amici,  e questo condizionamento a volte può essere  prepotente.