Back to top

Ayahuasca sui colli

Voto 

L’esperienza

De Los Cielos Ayahuasca di Luis Tamani

Il luogo dell’incontro si trova sulle colline toscane, dove prima sorgeva un convento. Il salone centrale è vasto, una fila di colonne massicce corre lungo la parte sinistra, separandolo dalle scale che conducono ai piani superiori. Quando arrivo ci sono già molte persone sistemate sui materassini, con bottiglie d’acqua e rotoli di carta al fianco, ma non saprei dire quanti siamo grazie all’ampiezza del locale che permette una certa distanza fra un partecipante e l’altro. Al centro un modesto allestimento con qualche candela per lo sciamano che deve ancora arrivare. Sono nervosa, è la prima volta che partecipo al rito dell’ayahuasca, mi è stato detto che lo sciamano viene da un villaggio dell’Amazzonia brasiliana e che insieme a lui ci sarà un giovane cantante. La musica ha un ruolo di spicco. Alcuni si sottopongono alla cerimonia purificatrice del kambo, ovvero all’applicazione diretta, attraverso una bruciatura sulle braccia o sui polpacci, del farmaco che secerne la rana bicolore della foresta amazzonica. Io ho deciso che sono qui solo per lei, la liana (waska) dei morti o degli spiriti (aya), secondo il nome quechua, morti e spiriti tuttavia che non possono essere intercambiabili: non tutti gli spiriti sono stati corpi, non tutti provengono dai morti. (...)

continua a leggere qua:

https://www.zestletteraturasostenibile.com/piante-sacre-ayahuasca-sciamanesimo-e-coscienza-ecologica/

 

Aggiungi un nuovo commento