Back to top

Crack

Voto 

Buonasera a tutti, spero che possiate dare una risposta ad una domanda che ho da tempo...
Se il crack non crea dipendenza fisica, cosa posta un consumatore a fumare tutto il giorno con tutti i problemi che comporta? Se la dipendenza è solo psicologica non sarebbe sufficiente fumare solo 1 o 2 volte al giorno?
Ho fatto questa domanda ad uno che fuma e mi ha dato una risposta incomprensibile, poi mi ha detto che non potrei capire... Ma se uno volesse farlo ogni tanto rischia davvero di finire così? E per quale motivo?

Commenti

Ciao,

Ciao,

tu commetti due enormi errori di valutazione. Il primo è credere che la dipendenza psicologica sia "solo" una parte secondaria della dipendenza, quando in realtà è il punto cardine della dipendenza. Se fosse solo fisica, sarebbe una pacchia, tutto si risolverebbe semplicemente scalando gradualmente le dosi. Il problema è che non ci si riesce, proprio per colpa della parte psicologica.

Il secondo è portare su un piano razionale un comportamento che scaturisce dalla parte inconscia, quindi irrazionale, del cervello.Certo che "basterebbe" dividersi le fumate e farlo solo 1-2 volte al giorno, il problema è che non è possibile, perché quando si inizia a fumare il crack,il dipendente va avanti fino a che non ha esaurito ogni risorsa.

Se incominci ad usarlo, ci sono ottime probabilità che anche tu ne diventi dipendente, e non è una cosa che dipende dalla volontà o meno del soggetto. Tutti quando iniziano dicono "lo faccio solo qualche volta e poi basta", nessuno incomincia con l'idea di diventare un tossico.

Un saluto

 

In realtà ce ne sono eccome

In realtà ce ne sono eccome di risposte razionali. Di Esperimenti scientifici, pubblicazione di articoli, libri su associazioni neuronali ecc ne è pieno il mondo, basta informarsi. C'è un perché fisico/reale alla voglia che tu credi essere solamente sottointesa come emozione. Ti invito a fare delle semplici ricerche, ti assicuro che ciò che scoprirai potrà solo che distanziarti dalla curiosità di provare, se è a quello che alludevi. 

Ciao, sono il ragazzo del

Ciao, sono il ragazzo del post originario; in realtà la prima volta che ho fumato è stato più di un anno fa, ma solo per curiosità; adesso invece mi chiedo se uno volesse fumare ogni tanto rischia davvero di restarci sotto come tutte le persone che ho incontrato? Cioè per quale motivo loro "devono" fumare sempre se non hano dipendenza fisica? Ti ringrazio se puoi mettermi i link delle ricerche che dici, io non ho trovato niente che risponda alla mia domanda.

provo a spiegare quanto ha

provo a spiegare quanto ha detto TPM in altro modo, anche se certo non lo so fare in modo molto scientifico: il fatto che una dipendenza non sia fisica, non vuol dire che non ci siano elementi chimici che sono comunque "fisici" e reali, molto precisi, che creano la dipendenza. la dipendenza psicologica non è solo qualcosa di immaginario nel cervello, è una modificazione complessa che si attiva sui recettori del cervello che porta a degli scompensi nel loro funzionamento: usare cocaina si associa ad un meccanismo di ricompensa nel cervello, ma soprattutto con un uso man mano più costante porta a uno scompenso della dopamina nel cervello. di conseguenza quando la si usa la dopamina è a bomba, finito l'effetto si ha il down perchè la dopamina manca, nel periodo successivo (che puo durare anche settimane/mesi) questa mancanza di dopamina porta depressione molto pesante sintetizzando di molto gli effetti avversi. in altre parole il fatto che la dipendenza non sia fisica vuol dire solo che non si ha, come per ero/alcool/benzo un'astinenza che porta malessere "fisico", ma la dipendenza da cocaina comporta anch'essa degli scompensi chimici nel cervello pesanti che fanno stare male sebbene male "solo psicologicamente". 

continuando l uso quindi da una parte si vuole costantemente riprovare l effetto che si puo provare solousando, inoltre man mano si sta bene solo usando, sempre piu male non usando; nel frattempo con la coca si inizia a stare male anche usando, paranoie/ansia/psicosi, ma siccome si sta male non usando si usa lo stesso.

non è facile capire senza passarci, ma alla fine il discorso è questo: è una di quelle cose che se non si capiscono a pieno non ci si perde nulla, ma a priori capirlo permette di comprendere che così funziona per tutti. se usi, piu usi: la dipendenza si crea, non centra nulla se sei un figo, quanto stai attento, se sei intelligente...a seconda di come usi, perchè usi, quanto e con chi usi, la dipendenza varia, ma la dipendenza si crea in tutti quelli che usano.

Stupefatto

Ciao,

Ciao,

quindi se ho capito bene tu dici che tutti quelli che fumano sono "chimicamente" depressi ed è per questo che devono fumare sempre.

Però la mia domanda era soprattutto cosa porta uno che vuole farlo ogni tanto ad aumentare un pò alla volta il numero delle assunzioni... Cioè fumare crack ogni tanto ti porta a sviluppare una depressione che poi ti spinge a fumare sempre ? Questo non mi è ben chiaro.

 

dunque direi che la

dunque direi che la depressione in sè legata al consumo continuativo di crack è uno degli elementi che interviene nel mantenere la dipendenza nel lungo periodo. nel breve invece quello che porta al passaggio dall uso "ricreativo" e/o saltuario ad uno costante e problematico dipende da molti altri fattori, che sono personali/situazionali/culturali ecc. 

sottovalutazione: chi non è passato da una dipendenza, oppure non l ha mai riconosciuto, non lo capisce finche non ci è dentro e anche li prima di capirlo ci sono diversi fattori che portano ad ammetterlo a se e agli altri prima o dopo o mai. 

motivazione: noia, divertimento, depressione, problemi mentali, situazione traumatiche piu o meno persistenti...il perchè si usa è uno dei principali elementi che incide su una dipendenza, quando e con quale velocità si crea, in che misura e con quale grado di gravità e persistenza nel tempo. chi inizia per risolvere problemi gravi, piu o meno evidenti e riconosciuti, sono molti in percentuale anche per gli ambienti stessi nei quali solitamente l uso si diffonde. il problema poi è che quando l uso nasce effettivamente come saltuario e come ludico, si pongono tutte le BASI perchè prima o poi il tipo di uso cambi, perchè una cosa è certa: ricchi, belli, intelligenti o meno, la vita non è facile per nessuno, nessuno nasce felice e men che meno lo rimane per sempre, tutti hanno dei problemi e prima o poi tutti passano periodi bui.

ambiente: volenti o nolenti iniziare a farlo significa entrare nel giro, a meno che non si sia cosi saggi da farlo da soli, ma di solito anche questa saggezza la si raggiunge pagandola cara quando è tardi...fumare con qualcuno porta inevitabilemente ad aumentare le situazioni nelle quali è possibile cadere. 

e così via. in generale la differenza tra per esempio alcool e coca/roba è la velocità e la facilità con la quale la dipendenza si crea: la percentuale di persone che passano dal provare o usare poco alla dipendenza spinta è elevatissima. questo sia per i fattori sopra, che per le caratteristiche della droga stessa. la coca fumata da un high potentissimo e rapidissimo, tanto quanto è rapida e spiacevole la discesa; piu ne hai, piu ne usi, piu ne vorresti; piu soldi hai, poi spendi, piu spendi piu devi spendere ancora; piu la si usa, piu si perde stabilità psicologica, si perdono soldi, lavoro, famiglia, amici, casa...piu i problemi si accumulano, piu serve fumare per risolverli. la cosa brutta poi, anche nella fase iniziale, è che anche se la maggior parte delle persone tossiche o no non lo dice, la verità vera è che: la droga è bella, buona come niente altro, non si può provare un high cosi bello in altro modo...per qualcuno l effetto puo non semrbare cosi pazzesco, per qualcuno l effetto migliore è dato da altre droghe, qualcuno lo capisce dopo un certo num di volte...ma quando lo si capisce, quando lo si prova, soprattutto quando lo si associa all unico metodo per risolvere problemi anche solo per qualche min o per stare bene in mezzo a un mare di merda o di vita semplicemente tediosa, si sa che esiste, è li, quando serve è sempre li che aspetta. l errore è provare, credere di essere piu furbi degli altri, oppure essere davvero piu furbi degli altri e credere che questo possa riparare dalla dipendenza, credere che conoscere ogni cosa al mondo sia sempre sopportabile e che abbia conseguenze risolvibili. in fondo si tratta di dover valutare una cosa che non si puo valutare finche non si è dentro: lo stare bene come niente altro al mondo per poco tempo, per poi fottersi tutto e non stare mai piu bene. finche non si prova il crack non si puo capire l effetto, finche non si cade nella dipendenza non si puo capire lo schifo, dopo è troppo tardi e si puo solo dover capire come uscirne: il prezzo è troppo alto, è un investimento pacchissimo, tutti cercano di dirtelo, lo sai, ma te ne fotti.

Stupefatto

Aggiungi un nuovo commento