Back to top

Erba e paranoie esistenziali

Voto 

Salve, sono un ragazzo di 20 anni appena compiuti, fumo da circa 7-8 mesi quotidianamente (quando si può), ma comunque molto spesso e anche abbastanza. La prima canna l'ho fatta prima quasi un anno fa e ricordo che mi presi subito male, ma non che non mi piacesse l'effetto, il "rincoglionimento" e l'euforia, anzi! Però mi sentivo debole, INDIFESO, nel senso che quando fumo mi sembra di perdere le abilità sociali, non riesco più a fare una battuta a tono alto e simpatico, quando parlo normale mi sembra di avere un tono da funerale.. direte 'sono paranoie tue tranquillo', e invece ho paura di no perchè, in breve, io ho staccato letteralmente col mondo chiudendomi in casa per 3 anni di fila, dai 15 (il cuore dell'adolescenza) ai 18 mi chiusi in casa, lasciai la scuola, gli amici, TUTTO, vedevo solo la mia famiglia. A 18 ripresi gli studi da privatista (quindi niente scuola normale) e l'anno scorso mi sono diplomato. Nello stesso tempo mi iscrissi a basket e conobbi un amico con cui esco tutt'ora e fumo. Ora ho pochissimi amici (4-5 che io ritengo pure parecchio sfigati, passatemi il termine) e molti conoscenti con cui appunto fumo, ma ogni volta sono paranoie esistenziali nel vero senso della parola, la mia giornata è così: mi sveglio, mi specchio per molto tempo poichè mi ritengo brutto, 20 anni e mai una trombata qualcosa vorrà dire (ok che ho la scusante che sono stato 3 anni chiuso, però dai), faccio colazione, mi organizzo con i miei per prendere il fumo, esco il pomeriggio e appena metto piedi fuori casa dio bono è la fine. Faccio due passi e penso: "schiena dritta, sguardo avanti, chissà quella ragazza cosa ha pensato di me, chissà quei tipi se mi hanno visto ridicolo mentre cerco di apparire sicuro", mi vedo con i miei amici e mi rendo conto di quanto cazz* io sia STUPIDO. Sono inibito socialmente dio santo, non prendo mai l'iniziativa di parola, parlo solo accodandomi ai discorsi altrui senza poi aggiungere nulla di importante ma dicendo solo cose scontate e ovvie, quando cerco di fare qualche battuta mi rendo conto di avere sempre quel tono apatico/triste che, e direi pure, di certo può essere la battuta più bella del mondo (e modestamente alcune buone mi escono xD) ma detta con una voce come la dico io si taglierebbe le vene chiunque. Il problema è che nella mia testa suona bene, diciamo che "il mio cervello è ok", il suo lavoro lo fa, poi quando la passa a "me" (seguitemi vi prego) esce fuori una cosa obrobriosa, e me ne rendo conto quando l'ho detta che 8 volte su 10 mi prenderei a schiaffi da solo e mi chiedo perchè gli altri non lo facciano. (E QUI SONO ANCORA SANO)

Quindi mi vedo con i miei amici e andiamo a fumare, ecco bastano 5 tiri (e non sono uno che regge poco, anzi) che mi zittisco più di quanto già faccio, parlo ancora meno per paura di dire cose non interessanti (e infatti pure da sano è così come vi ho detto, infatti non ride mai nessuno alle mie battute proprio per il tono e la "fotta" che manca quando le dico) e penso sempre di avere la faccia e gli occhi tristi. Ho provato a darmi delle spiegazioni, e penso sia colpa appunto di quei 3 anni chiuso davanti a un pc, in cui non ho sperimentato nulla a livello sociale/sentimentale, però boh il passato è passato, ora bene o male due tre amici ce li ho, ho tanti conoscenti con cui fumare, non vedo PERCHE' DIAVOLO NON RIESCA A GODERMI IL PRESENTE E PENSO SEMPRE A COME POTEVO ESSERE SE NON MI FOSSI FERMATO.Certo che poi anche quando sono uscito non è che tutte le tipe mi saltassero addosso eh, anzi il contrario.. probabilmente ora sono così giù perchè ho realizzato di non piacere, ma poi mi rispondo (e sì io mi faccio un sacco di discorsi in testa e questo mi ammazza letteralmente di fatica) che per piacere a tipe e amici devo essere solare, sicuro, quindi cosa faccio? Fingo di dimenticare quei 3 anni e che io sia come gli altri, così sembro sicuro, sembro solare e avrò anche io amici e ragazze. Funziona? Assolutamente no. Non riesco a fingere di avere avuto esperienze che non ho avuto, mi sento inesperto in tutto. Ora direte: prova a resettare tutto e fattele ORA queste esperienze. Beh non ci riesco, perchè vivo 24 ore su 24 triste, depresso proprio perchè a 20 anni un 12enne ha avuto più esperienze e ha più carattere/sicurezza di me.Vabbè inutile dire che quando fumo (anche da solo a casa) il solo e unico pensiero del viaggio è: "MA IO FACCIO DAVVERO COSI' SCHIFO?! INTENDO SIA DI FACCIA (e qui mi specchio ore) CHE DI CARATTERE, mi dico: "Guardati che razza di schifo sei venuto su a 20 anni, insicuro, senza alcuna esperienza, senza nessuna idea di giusto e sbagliato, sei VUOTO."Pensandoci penso molte cattiverie su di me, ma le penserei ugualmente se io fossi un ragazzo normale (e se dio vorrà lo sarò in un'altra vita penso ormai) e vedessi uno nelle mie condizioni, non per niente quando ripenso a me a 15 anni (anno in cui la mia vita si distrusse) non posso che provare odio verso quel ragazzino viziato che per pigrizia preferì abbandonare scuola e ritirarsi a casa.

 

Insomma scusate se sono stato estremamente prolisso ma ci tenevo ad essere il più dettagliato possibile. Se volete cambiate il titolo in "Ritratto di uno schifo" o una roba così.

Grazie ancora per la pazienza e nulla, anche se nessuno risponderà bene o male mi sono un po' sfogato.

Commenti

Re: Erba e paranoie esistenziali

ciao.. fumare le canne in quel periodo cioè quando il cervello è ancora in sviluppo può non farci maturare bene e anke io ne so qualcosa. c è un unica soluzione ke ovviamente è la piu difficile.. smetti senza vie di mezzo devi smettere e basta. anche perchè fidati ke queste paranoie possono solo ke aumentare. Senza canne ti ritroverai senza una cosa a cui aggrapparti cioè senza quella cosa ke non ti ha mai fatto pensare ai problemi o ke faceva passare tutto, e lì piano piano farai uscire il tuo carattere anke se sei gia cresciuto

Re: Erba e paranoie esistenziali

Io ho fumato, e posso dire che mi ha alutato a farmi un analisi di chi sono e dei difetti che avevo ecc.ecc. ma la mia conclusione fù che il mio io non lo potevo cambiare e che ci dovevo convivere,piú provavo a modificarmi e piú veniva fuori quello che non volevo essere ma fú un percorso importante. Tutto questo fá parte dell'adolescenza e quello che dici tu sono si paranoie ma diventeranno un valore aggiunto quando troverai la tua dimensione, quello di vedersi dall'esterno é un pregio che non tutti hanno, l'importante é decidere di darsi un limite per poter vivere meglio senza dover analizzare tutto e tutti accettare te e gli altri fino a quando crescendo vedrai che i tuoi non erano problemi ma fasi della tua crescita.
Un giorno riderai ti vergognerai di quello che hai pensato,fatto,detto vedendo le cose in un modo piú obbiettivo, consapevole che questo sei tu.
Io ora ho 47 anni ho famiglia e continuo il mio percorso e devo concentrare tutte le mie attenzioni a loro io sono quello che sono, ogni giorno cerchi di non fare gli stessi errori, a volte ci riesci a volte no pazienza!
Provabilmente tornando indietro si rifarebbero gli stessi errori.
Vivi piú sereno possibile se hai voglia di fumare fuma basta che sta bene con te e gli altri!
Forza che dura!

Re: Erba e paranoie esistenziali

Ascolta mè trovati qualcosa che ti piace fare veramente, e dedicati a questo. Non importa se all'inizio farai fatica, resisti e vai avanti vedrai che tutto il resto alla sua ora verrà anche troppo. Ciao amico.

Re: Erba e paranoie esistenziali

Ciao ragazzo di 20 anni,
sono capitata su questo sito quasi per caso e ancora più casualmente ho letto la tua lettera/sfogo e devo dirti che, sebbene tu racconti dei tuoi problemi e delle tue difficoltà, confesso che mi sono divertita.
Credo che tu abbia un buon senso dell'umorismo e questo è già un notevole punto a favore.
Io sono un po' più grande di te, ho 52 anni e anche io ho trascorso alcuni anni a fumare. Poi ho smesso e ora sono anni che non lo faccio più.
Ti posso dire che il disagio che tu senti, il senso di inadeguatezza che tu hai è veramente tipico della tua età. Anche io, se riguardo indietro, mi ricordo che a 20 anni mi sentivo meno bella, meno in gamba, meno sicura, meno decisa di tutti gli altri miei coetanei. Non avevo le idee chiare su nulla e il futuro era semplicemente un buco nero. Putroppo non tutti hanno la fortuna di avere idee chiare su di sè e sul futuro, ma questo non deve farti pensare che non si possa comunque raggiungere la felicità.
Quando anche io mi sono accorta di essere intrappolata in una sorta di vicolo cieco di insicurezza e di tristezza, ho raccolto le forze e mi sono letteralemte data un calcio nel culo. Ho cominciato a muovermi. Ho cercato un lavoro, un lavoro qualsiasi, tanto non sapevo che cosa volevo fare. Poi ho iniziato a coltivare un interesse - la storia dell'arte - scelto in maniera anche superficiale fra le varie cose che forse mi potevano interessare che conoscendo sempre di più è diventata una vera passione.
Anche con il lavoro ho proceduto con il metodo di prove ed errori, cioè fai delle cose - è molto importante proprio farle materialmente - per poi capire se quel lavoro è proprio quello che ti piace e poi via via, per esclusione, sono arrivata a fare veramente un bellissimo lavoro. Certo all'inizio non sapevo cosa esattamente volevo fare, a 20 anni quasi nessuno lo sa.
Però, mi sono "buttata nella vita a capofitto" con l'idea che me la volevo giocare tutta la mia possibilità e il pensiero che mi ha ulteriormente dato una spinta è stato il fatto che comunque non avevo alternative. O facevo così oppure tanto valeva buttarsi giù da un ponte.
Il risultato è stato che è solo con le esperienze, di lavoro, affettive, di studio e conoscenza che arrivi davvero al punto cruciale che è la conoscenza di te stesso. Tutti questi sono semplicemente dei mezzi per capire chi sei, quali sono i tuoi punti deboli, ma anche i tuoi punti di forza - e credimi, tutti ce li abbiamo. Se ti conosci bene, diventa poi più facile anche gestire la tua vita perchè eviterai di ritrovarti in situazioni che non ti corrispondono e ti interessano, mentre diventerai sempre più abile nel procurarti le situazioni e le compagnie che sono maggiormente in sintonia con te.
Per molti anni ho pensato che il fumare mi aiutasse ed effettivamente forse una mano nel rilassarmi me l'ha anche data, ma erano veramente delle cannette leggere leggere, fino a che anche io, come tanti, sono approdata agli attacchi di panico e a quel punto ho definitivamente smesso. Tuttavia, non mi mancano e riesco ora comunque a rilassarmi con altri sistemi, per es. con la meditazione.
Ti faccio tanti auguri per il tuo futuro e ti posso solo dare un consiglio: buttati nella vita, giocatela tutta la tua possibilità e vedrai che accanto ad alcune batoste che riceverai e per le quali non dovrai assolutamente abbatterti, avrai anche dei grandissimi momenti di felicità che ti faranno dire: ne è valsa proprio la pena.

Re: Erba e paranoie esistenziali

Bo veramente non so cosa dirti , io ho iniziato a fumare circa 3 anni fa , e riflettendoci ora prima di allora non ero molto sveglio anche nella vita sociale, o con le ragazze e nuove conoscenze... Invece ora sono cambiato molto, ho più personalità e sono anche più maldestro, non so se abbia influenzato o no il mio cambiamento ma mi ha aiutato anche nei momenti di tristezza .. Comunque certe volte mi capita di avere prese di ansia, ma io credo che dipenda molto dalla testa, e soprattutto smetti di fumare erba passa al fumo che sicuramente ti fa in maniera diversa

Re: Erba e paranoie esistenziali

ciao allora io ho 21 ormai 22 anni, tra meno di un mese ,e ho iniziato molto presto a fumare tipo 14 anni le sigarette...da un anno quasi due non ne fumo neanche una...
posso dirti che a 15 anni ho iniziato con le canne non sempre qualche vota,a 16 anni vera dipendeza tutti i giorni...passavo le serate a fumare canne e fare rap con gli amici nei parchi; questo anche e soprattutto negli anni successivi...come te non sono un play boy però ho avuto modo di uscire con ragazze e poterle conoscerle anche intimamente, cosa che non sò dirti il perchè mi fermavo sempre per mio volere... la storia più lunga che ho avuto e stata un mese ed era pure distante circa 200 kilometri da me due anni fa..
tipo 6 anni fa giravo in una compagnia di più o meno 20 anche di più persone,miste ragazze e ragazzi le serate che faccevamo erano sabati sera a base di alcol e marijuana nei parchetti ... non tutti fumavano,io ovviamente si ! tanto che la procuravo a tutti i miei amici.(che . fumavano). la maggior parte della compagnia erano coppie io no ! sempre solitario (non che mi dispiaceva) la compagnia col tempo si e divisa,non tutta rimaniamo una decina tutt'ora negli anni abbiamo conosciuto altre persone... facendole entrare
negli anni ci sono state storie d'amore rotte casini come ovvio ecc. ecc.
ce stato un periodo nel quale fumavo sempre ma sempre, sempre che in giro mi vedevano come il tossico del paese cosa che non mi fregava un cazzo,perché cera gente che faceva peggio in giro !!
ce stato un periodo che fumavo e avevo un botto di paranoie,anche se fumavo giornalmente
ad dirti la verità anche un periodo che fumavo pochissimo e sballavo subito.
non mi sentivo più me stesso, non ho mai smesso da 6 anni definitivamente, non sempre qualche settimana fumo quando capita adesso almeno un paio alla settimana dipende poi anche di più !
da qualche mese non esco più di casa per una stupida discussione con un mio amico che ero sempre assieme ! tipo vacanze assieme,gite assieme,feste assieme
tutto assieme non ci parlo più da mesi e non lo vedo più! però con gli altri esco assieme quando capita. due o tre della compagnia
non vado più a ballare in discoteca da qualche mese e siamo in estate cosa,impossibile che non andavo a ballare il sabato sera fino a qualche mese fa !
la mia giornata tipo e : mi alzo presto al mattino lavoro quasi tutto il giorno,arrivo a casa mangio senò dormo la sera siccome uscivo con gli amici sempre , adesso se capita vedo degli amici ogni tanto, non quello che ci ho litigato,cosa che me ne frega il cazzo !!!
i miei genitori sanno che fumo le canne da anni e rompono il cazzo
i miei mi danno sempre dietro di ogni cosa che faccio appena apro gli occhi il mattino mi danno dietro!!
tra qualche settimana parto per Amsterdam e ci vado da solo! visto che non so con chi andare i miei amici non verrebbero! visto che e anni che dicono andiamo ad Amsterdam poi non ci andiamo!!
io come te avevo le paranoie pero boh mi sono sempre fatto i cazzi miei e lasciato passare le cose... se siete o sei così paranoico e depresso non fumare!! cercatevi un lavoro che vi occupi la maggior parte del vostro tempo,anche lavorare la domenica (io lavoro anche la domenica) non pesarci lascia andare la vita avanti che ce chi sta peggio di te ! come chi sta peggio di me! quindi occupa il tuo tempo il meglio possibile e non pensare a certe puttanate!

Aggiungi un nuovo commento