Back to top

funghetti

Voto 

Non mi era mai capitato di trovare  e provare dei funghetti allucinogeni, pur essendo sempre stato molto incuriosito da ciò.Qualche anno fa decido con un amico di andare in vacanza ad amsterdam e cosi durante il secondo giorno di vacanza li compro.Per le cinque di sera andiamo a mangiare un panino in modo che verso tarda serata abbiamo lo stomaco vuoto( i funghi è meglio prenderli a stomaco vuoto) Essendo la prima volta decidiamo di dividerci una scatola (30g freschi) in due, qualita messicano, quindi non dei piu forti.Alle ore  otto e mezzo nove mangiamo i funghi in albergo e poi usciamo; nelle istruzioni che ti danno negli smart shop è consigliato non bere alcol e non fumare hashish o maria, ma noi tra un coffeeshop e un pub beviamo e fumiamo tranquillamente.Entrima in un pub dove si puo fumare, un locale molto carino, psichedelico, ricco di acquari e strane luci e io mi accorgo che non riesco a girare uno spinello, cosi lo faccio girare al mio amico; fumiamo finiamo la birra e decidiamo di uscire, nonappena mettiamo piede fuori dal locale incomincia il viaggio. Entriamo come in un tunnel, un  sogno, colori nitidi ma visione della realtà distorta, cammianiamo tra la gente e ci sembra  che le persone ci scorrano affianco come se fossimo in un fiume,l'impressione è quella di camminare velocissimo, per un attimo mi è sembrato di essere alex di Arancia Meccanica che cammina con i suoi 3 drughi.Siamo nella zona a luci rosse e camminando tra fiumi di gente e prostitute dietro alle vetrine decidimo di avvicinarci verso casa.Tra un viaggio e l'altro arrivano  le 2 di notte e i locali stanno chiudendo, incomincia a prenderci un attacco di ridarella allucinante, isterica el punto che diventa fastidioso il fatto di non riuscire a stare seri.Continuamo a camminare e a viaggiare( allucinante quello è in grado di creare il nostro cervello), si aternano momenti di lucidità a momenti in cui entri nel viaggio,in un sogno in cui "non sogni".Non riusciamo più a tornare a casa, siamo senza mappa, decidiamo allora di mangiare qualcosa( sostanza zuccherine) per farci scendere un po la botta, entro in un locale e compro due ciambelle  e riesco no so come perche non ricordo a parlare al tipo e a pagarle( scondo me in quel momento devo avergli dato tutto quello che avevo nel portafoglio), mangiamo e nel frattempo sempre viaggiando troviamo la strada del nostro albergo,una via lunga 10 km che decidiamo di percorrere tutta per essere sicuri che prima o poi avremmo raggiunto il nostro hotel.La  strada è dritta deserta e anche un po brutta a un certo punto in terra vedo una miriade di vetri rotti e sangue dappertutto, io e il mio amico ci spaventiamo e incominciamo ad allungare il passo, probabilmente era semplicemente una bottiglia rotta e il sangue erano schizzi di birra.Gli effetti dei funghetti incominciano a calare e finalmente arriviamo in albergo.Entriamo  in stanza e ci addormentiamo quasi subito.Al mattino ci svegliamo benissimo.E' strano come quasi tutta la serata si sia concentrata sul trovare la strada di casa, io ricordo che per tutta la sera domandavo al mio amico:" è questa la strada di casa?"Un esperienza spettacolare e significativa, asssolutamente positiva con sensazioni  piacevoli.Insomma un esperienza che non dimenticherò  mai più per il resto della  mia  vita.

Davide  da Genova

 

Commenti

Aggiungi un nuovo commento