Back to top

Infarto dopo serata a base di cocaina (o illusione?)

Voto 
+
-143
-

Salve.

Un paio di giorni fa, precisamente nella notte tra l'1 e il 2 di questo mese, mi sono visto con 5 amici facendo uso di cocaina dalle 23:20 circa sino alle 3:30 del mattino, con intervalli più o meno regolari di un'ora e 15 minuti tra una striscia e l'altra, fumando dopo ogni dose la consueta "bagnata" (sigaretta leggermente inumidita dai granelli di coca). Ho anche bevuto un po'. L'effetto è stato sostanzialmente positivo sino alle 5 del mattino, se non che, poco dopo essere rientrato ed essermi disteso nel letto, ho iniziato a sentirmi spossato (il che mi sembrava una cosa normalissima, considerata la consueta fase di down della coca, e considerato che anche il giorno prima, seppur in maniera più blanda, avevo fatto uso di cocaina e avevo bevuto parecchio alcol, riuscendo però a dormire in maniera pressoché istantanea e senza alcun problema fisico) ma incapacitato nel prendere sonno. Si sono aggiunti man mano che passavano il tempo sensazioni sgradevoli che mi percorrevano tutto il corpo, la cui percezione veniva probabilmente aumentata dalla crescente paranoia, tra cui un innalzamento della temperatura corporea soprattutto nella zona alta del corpo, accelerazione del battito, fitte nella parte superiore della schiena (tra la base del collo e le vertebre toraciche, che si estendevano sino alle spalle), braccia e gambe. Quando ad un certo punto ho iniziato a sentire il fiato corto e il polso sinistro pulsare, ho provato la sensazione di lasciarci le penne di lì a poco: tremori, ansia, paura, perdita della lucidità. Mi sono alzato dal letto di scatto per bere un po' d'acqua, terrorizzato. Questo per un paio di volte nell'arco di 40 minuti (da notare che a questo punto del racconto erano quasi le 7 del mattino). Poi ho iniziato a calmarmi e i sintomi sono andati lentamente scemando senza ripresentarsi (o ripresentandosi in maniera molto blanda e probabilmente alimentati da psicosi), ma non ho più dormito sino alle 15. Risvegliatomi alle 17:30, dopo aver trascorso una giornata in condizioni fisiche disastrose, sono letteralmente crollato dalle 23 sino alle 11:30 del mattino seguente. Ora sono ancora sveglio perché ben riposato, con un leggero mal di testa alla parte sinistra del capo, ma anche perché impaurito. A volte mi sembra di rivivere gli stessi sintomi di quella notte. Capita anche di non pensarci, magari perché preso da altre cose, ma alla minima pulsazione "strana", alla minima scossa in testa (cosa che sto percependo), o al minimo tremore al braccio, sento che sta per succedere qualcosa. Sono stato già male per cocaina in estate, dopo giorni di assunzione continua, con problemi legati però alla stomaco (ebbi dei crampi fortissimi) risolti dal buscopan, e non è che adesso mi senta male, perché mi sono già abbondantemente ripreso, ma percepisco ancora degli spiacevoli residui che mi fanno pensare spesso al peggio. Stavo pensando di avvisare il medico, la cosa che mi frena è che la situazione sembra essere migliorata da sè. Secondo voi è grave? Vi è già capitato? Posso stare tranquillo? Alla fine non sono un cocainomane "storico", faccio uso di coca da un anno e mezzo, ma praticamente prima di metà luglio del 2019 non la toccavo, e per un mese o poco più, ossia prima del 31 e di questa esperienza che vi ho raccontato, non ne avevo proprio sentito parlare. Nonostante fumi (anche marijuana) assiduamente, sono sempre stato un ragazzo in salute. Ho 20 anni, pratico sport praticamente da sempre, con un cuore (almeno pare) in ottime condizione, e dalle ultime analisi i valori del sangue e delle urine erano praticamente perfetti. Uso la coca per uso ricreativo, ma questa cosa mi ha terribilmente spaventato. È normale tutto questo o devo correre ai ripari?

Commenti

L'ho sospeso e non ho

L'ho sospeso e non ho intenzione di farne uso, di sicuro non per ora. Più che altro so bene che capiteranno altre occasioni in cui mi verrà offerta (dato che nella stragrande maggioranza dei casi non la pago), e non mi dispiacerebbe usarla per passare una serata con gli amici in discoteca, ma di sicuro non vorrei risentirmi così male. C'è ancora il rischio di restarci secco anche riducendone le dosi assunte?

". C'è ancora il rischio di

". C'è ancora il rischio di restarci secco anche riducendone le dosi assunte?"

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Assolutamente si, con la cocaina il rischio esiste sempre, anche a dosi bassissime.

Ci sono droghe adatte a noi

Ci sono droghe adatte a noi ed altre no. La coca non fa per te. Detto questo il tuo mi sembra un attacco di panico. Ne ho sofferto, può venire per mille motivi, i sintomi sono quelli, si attenua con le benzodiazepine (xanax, EN, Valium). Ma non essendo un dottore, se ti senti così smetti. In fondo per cosa uno si droga? Per divertirsi e stare bene, se ti fa l'effetto opposto smetti.

Non ti serve la coca, non ci

Non ti serve la coca, non ci fai nulla, è artificiale, attinge alla tua parte più debole. E, oltre a causare danni a cuore e altri organi, può portare attacchi di aggressività, momenti di panico e relativi attacchi. Di sicuro, andando ad intervenire sulle terminazioni nervose, devasterà i tuoi denti (per esempio). 

Una sola cosa devi fare, lasciatela alle spalle, mandala al diavolo, falle il dito medio. Non c'è niente di ricreativo nella coca, è solo distruzione.

Aggiungi un nuovo commento