Back to top

Son passati tanti anni ...

Voto 

Son passati tanti anni da quando iniziai . Era il 1984. Mai più lasciata, ragazzi. Quindi chi ha in mente di provare l'ero sappia che è un tunnel da cui molto difficilmente si esce. Certo, noi eravamo più ingenui di voi, non se ne sapeva molto, al tempo uscivano le prime trasmissioni sulla Rai come "droga che fare", ma eravamo digiuni. E ti facevi, in due. Era complicato trovare i soldi . 70.000 lire erano come 70 euro di oggi... per una sola volta. E poi trovare il tipo, cercarlo, stare attenti ai pacchi , tanti,... non era una vita facile. Oggi per assurdo è più facile. Telefono e zac , con pochi euro. Va be, se vi interessa vi racconterò gli anni 80 ma mi raccomando: chi ancora non l'ha provata non lo faccia, mai ( lo so che la curiosità è tanta) . Chi ci è dentro, be..... Ciao a tutti

Commenti

Re: Son passati tanti anni ...

Distrutto, parla per te. Io non mi sparo proprio: ne sono uscito e me la spasso.
Mi dispiace per te e per altri con la testa fottuta, ma fino a un certo punto...
Evita le bestemmie, per favore.
Buonanotte
Placido

Re: Son passati tanti anni ...

Significa che se c'è della gente che si rovina, ma io non ci posso fare niente, me ne faccio una ragione, mi spiace, ma mica mi do martellate nelle parti intime. E non mi sento superiore per questo.

Re: Son passati tanti anni ...

Ciao Vabenecosi piacere di conoscerti, ti rispondo anche io perchè se parli del 1984 intuisco che sei abbastanza grande anche + di me (io 48).Comunque per adesso volevo solo dire che non deve spararsi nessuno e nessuno deve permettersi anche solo di pensarlo. Se non lo penso io allora significa che non deve pensarlo davvero nessuno. Con questo non voglio lasciare intendere che penso che i miei problemi sono maggiori degli altri, che io so questo, che io, che io, che io, ecc... ognuno di noi ha la propria storia personale che piu pesante chi meno, ma nessuno deve anche solo pensare di farla finita altrimenti..... beh altrimenti significa tante cose, ma una in particolare, e cioè che fate vincere lei, quella grandissima puttana schifosa che ci ha rubato tutto, fisico, dignità, denaro, ma soprattutto l'anima. Io ho cominciato i primi del 90 quindi ho solo sentito parlare dell'eroina anni 80. E so anche che ancora prima, nel decennio precedente, il 70 era ancora peggio. Come hai detto tu, c'era disinformazione, ma soprattutto (questo nel 70) assenza di sert. Provate a immaginare....io ho solo paura a immaginare quel periodo.
Comunque.... evitiamo queste botte di negatività. Credo che questo sito serva principalmente per aiutarci l'uno con l'altro, quindi dobbiamo sforzarci di essere positivi. A tal proposito colgo l'occasione per ringraziare gli amministratori, gli operatori, gli psicologi che gestiscono questo portale e ci danno la possibilità di confrontarci e di parlare liberamente

Re: Son passati tanti anni ...

Ciao, io e te siamo dei sopravvissuti .
Quasi tutti i miei amici sono morti per una cosa o per un'altra.
Malattie collaterali.
A me mi ha distrutto il fegato salvato in estremis dall'epatite c , sottovalutata ( il mostro allora era l'aids) e poi cisteffelea , emorroidi, denti, tutti direttamente legati al consumo.
Ho iniziato nel 1984 ( quest'anno mi danno la pensione, sono 35 anni).
Mamma mia che sbattimenti!
Dovevi trovare il tipo che spesso spariva per giornate e c'era la piazza dove ci si incontrava per le informazioni e per metterci insieme per i soldi.
Devo scappare ci sentiamo dopo.

Re: Son passati tanti anni ...

io devo sopravvivere per forza. Non ho nessuno, sono solo, ...tanti problemi (ultimamente poi... lasciamo stare, ho scritto dei commenti su questo). Devo farcela. Almeno per adesso non è il momento di chiudere gli occhi. Non credo di aver visto tutto di una esistenza pulita. Qualcos'altro deve esserci. Io ho solo avuto la fortuna di riuscire a fermarmi ogni volta in tempo (anche se poi ho ricominciato). Mai dormito per strada, mai un'overdose... forse mi ha salvato questo, nel momento tragico ho avuto paura cosi come oggi non ho paura di ammettere di averne avuta e di essermi fermato. Cmq ho visto tanta gente morire anche io... quante storie. mah! pazienza. Siamo qui a raccontarcela ed è una fortuna

Re: Son passati tanti anni ...

Mi dispiace x le parole che mi escono ultimamente dalla testa....Solitamente in questi mesi mi sono sfogato ogni tanto,senza troppi casini.Sono anche molto vicino al mio compleanno e questo è un fattore negativo in più per me, perché non sopporto di fare finta che le cose vadano nel verso giusto,con sorrisi finti annessi.Scusate.

Re: Son passati tanti anni ...

tranquillo.. gli scleri ogni tanto capitano a tutti. Mettiti in testa che sei meglio di me e di tanti. Lo vedi? oggi fai pure il compleanno :) questo mi fa ricordare cosa mi disse una volta un mio amico riguardo il fatto di "non farsi".In breve.. mi disse

Tanto il tempo passa lo stesso.

Anche se oggi stai male, il tempo passa lo stesso e domani starai meno male di oggi. Un po di pazienza :)

Volemose bene (come dicono a roma) siamo qui tutti per la stessa missione

Re: Son passati tanti anni ...

Daje raga distruttore e un pischello giovane a penso che tutti noi ci ricorderemo che a 21 21 anni eravamo fumatrici credo più di lui spero solo che.non sia come sti scemi 20 tenni che girano troppo cretino e cintenti di esserlo,da un paio di post posso dire che mi è simpatico un po troppo tragico ma forte bella frate'
Per gli anni 80 io ne ho 40 di anni ma la situazione ancora non era cambiata era difficile rimediare i soldi,la roba era bianca chiusa nel pezzo sopra delle sigiretto quEl Pull che si stacca e si BUTTA chiaro? Poi tutti italiani la vendevano poi dopo 12/15 anni
Comunque è vero non ci cascate perché è come fosse la donna più bella del.mondo poi ti viene voglia di raccontarlo a tutti e non te scordi mai come cavolo hai.goduto con lei e così prima o poi gli ritelefoni per na sverTina Ciao raga

Re: Son passati tanti anni ...

Il mio inizio, primi anni 80, mi ha permesso di conoscere la bianca.
Costava un botto ma mi ha fatto innamorare di un amore che dura ancora oggi.
La mia grande capacità è che ho sempre usato la testa pensando che c'è sempre un dopo.
Lottando con me stesso ho sempre evitato i casini che ti distruggono la vita.
Mi hanno sfiorato certo, son stato fortunato, ma ho cercato sempre di limitare i danni, cosicché oggi ho una famiglia, un lavoro, una casa.
Ai tempi 70.000 lire erano tanti , i sert ti davano il meta

Re: Son passati tanti anni ...

Il mio inizio, primi anni 80, mi ha permesso di conoscere la bianca.
Costava un botto ma mi ha fatto innamorare di un amore che dura ancora oggi.
La mia grande capacità è che ho sempre usato la testa pensando che c'è sempre un dopo.
Lottando con me stesso ho sempre evitato i casini che ti distruggono la vita.
Mi hanno sfiorato certo, son stato fortunato, ma ho cercato sempre di limitare i danni, cosicché oggi ho una famiglia, un lavoro, una casa.
Ai tempi 70.000 lire erano tanti , i sert ti davano il meta a scalare, 20 , 19 18 e poi due settiimane nisba.
Non piu di 20 nel 1985.
Oggi non si sa cosa ci si inietta ma la vita è tutt'altra.
Ti fai con gli spiccioli, trovi in du secondi il tipo e il meta quanto ne vuoi.
Inoltre la polizia nemmeno ti guarda.
Altri tempi

Re: Son passati tanti anni ...

"Ti fai con gli spiccioli, trovi in du secondi il tipo e il meta quanto ne vuoi.
Inoltre la polizia nemmeno ti guarda."

Concordo... una delle cose che non riesco a togliermi dalla mente è che i primi anni 90 c'era della roba che SOLTANTO L'ODORE. riusciva a farmi stare meglio. Cioè io stavo male, riuscivamo a trovare la roba.. appena aprivi quel sacchettino solo con l'odore mi ripigliavo... Ma oggi che schifezza c'è? ma che è sta cosa? ma è roba questa? ma perchè qualcuno non prende 0.1 di questa cosa che gira e non la manda a energy control per capire cosa c'è dentro? ma c'è l'eroina? in che percentuale? bohhhh... io comunque oggi dopo un mese che non tocco roba ho beccato dal mio amico 10 ml di meta e me lo sono bevuto. Sto benissimo e me ne frego della roba.Piano piano... un po di pazienza e con un po di forza se ne esce del tutto

Re: Son passati tanti anni ...

Piccola storiella ( vera) . Marocchino incarcerato X detenzione (1 etto eroina ) percentuale diacetilmorfina 0,9 % e quindi scarcerato ... il resto impossibile da esaminare ci vogliono troppi soldi e non c'è interesse .

Re: Son passati tanti anni ...

Questo è interessante.
Cosa c'è in un grammo di oggi?
Qualcuno sa di qualche analisi?
Com'è possibile che prima ci volevano soldi a iosa ed oggi ti fai con le monetine?
Ma è eroina o no?
Io mi ricordo prealpi a milano.
I sacchetti di due grammi da duecentomila lire, dovevi fare con altri ragazzi 6 sacchetti e fare un gruppo.
Chi ne comprava uno chi due, chi tre, poi fatto il gruppo passava il tipo, ritirava il milione e duecento e dopo un quarto d'ora passava in motorino e lanciava il sacchetto.
Era inizi anni 90.
Chi andava a milano a ritirare poi vendeva in provincia ad altri per tirare su i soldi per farsi lui stesso e ritornare ad acquistare il giorno dopo.
Gente che aspettava la sera che arrivava da milano il tipo, oppure se ne parlava domani mattina, tutti in attesa del primo che arrivava in piazza e che aveva ritirato la sera prima.
Che periodi, quanti pacchi, quanti sbattimenti.
Oggi è tutto diverso probabilmente anche la roba.
Ma alla mia età non ci si sbatte piu, non ne hai piu voglia, ti fai senza entusiasmo e con il meta che ti rende la vita migliore liberandoti dall'astinenza.
Io ci riesco a fare una vita normale.
Prendo il meta la mattina, vado a lavoro e alla sera dopo cena mi faccio la mia pera, una sola e solo la sera, a fine giornata.
C'è chi si fa un goccio, chi una canna, io una pera.
Due pezzi mi durano 4 gg poi mi fermo per un po, poi riprendo , in questo modo controllo l'astinenza e non butto tanti soldi .
Oramai il mio vizio di quasi 40anni mi costa poco, mi chiede ancora meno.
Faccio i miei controlli sanitari e vivo la vita non rinunciando a nulla.
Non faccio del male a nessuno ed ho trovato un equilibrio , a 56 anni...

Re: Son passati tanti anni ...

Complimenti! Beato te che riesci a limitarti e controllarti così bene, io purtroppo non ci riesco... nonostante prenda il sub mi faccio, cerco di evitare di farlo tutti i giorni avendo le urine da fare al sert e ci tengo che escano pulite, ma non sempre ci riesco..
Se ne ho, la finisco tutta subito, prima riuscivo a prendere 2 buste da 10 euro e farle durare 3/4 gg... ora ne prendo 4 o 5 e mi durano al massimo 2/3 giorni.. non riesco a limitarmi e levarmi sto vizio di merda. Sto pulita per un po’, poi ci ricado e ogni volta faccio più fatica a smettere, mi invento mille storie per non fare le urine e farmi sgamare al sert e dai miei, mille sbatti per i soldi e andate dal tipo tra lavoro famiglia ecc.. eppure non riesco a farne a meno, nonostante sappia che mi sto rovinando la vita da sola e che stavolta saranno veramente cazzi amari quando i miei lo scopriranno, ma me ne sbatto. Domani è lunedì e si va dal tipo.

Re: Son passati tanti anni ...

Non è semplice, hai più che ragione.
Posso chiederti quanti anni hai e da quanto ti fai?
L'ero e' un amore che finché dura ti porta via tutto.
Quello che bisogna fare è cercare di imporsi dei limiti.
Anche se ce l'hai devi resistere e importi un orario, prima o poi ci riesci e ti dedichi ad altro.
La cosa importante è che il meta ti copra e non soffri di astinenza.

Re: Son passati tanti anni ...

Ho 29 anni e mi faccio più o meno da 6 anni, da 4 vado al sert e prendo la terapia, già provato a scalare ma con disastrose ricadute... purtroppo a me prende molto il craving, la terapia lo copre del tutto a meno di usare dosaggi
Molto alti, che però non voglio perché a lavoro non posso essere una zombie.
Il mio problema principale è che uso lanroba nei periodi di forte stress o per consolarmi quando le cose vanno di merda, ho ancora molti nodi da sciogliere per poter stare meglio mentalmente. Sicuro se fossi più felice non ci ricadrei così tanto.
Si, hai ragione, provo a darmi un limite ma non sempre riesco, ad esempio mi faccio lunedì/martedì/mercoledì e poi pausa per avere le urine pulite il
Lunedì mattina al sert... ma non sempre riesco a stare 4 gg pulita.
Mah, spero che prima o poi le cose migliorino, senza troppi casini. E trovate le palle per smettere del tutto visto che comunque la depressione con la roba non mi passa, anzi aumenta sempre di più...

Re: Son passati tanti anni ...

Ho tanti anni di esperienza, quest'anno sono 35.
E ripeto, l'ero è pari ad un innamoramento.
Ognuno ha i suoi tempi ma questo amore in ogni caso passa o almeno diminuisce.
Non dura.
La capacità sta nel capire quando è la volta buona.
Io avrei potuto smettere più volte, ma non voglio farne a meno.
Ciò che mi aiuta è il meta, sono a 60 a mantenimento.
Il meta pian piano mi ha staccato dalla roba e oggi la uso solo per divertimento, per riempire le serate.
Scalare non posso , se scalo la voglia mi assale , invece cosi riesco a frenare e a dire , si vado a comprare, oppure, no, per questa settimana non se ne parla.
So che io non smetterò mai, l'importante è che la roba non mi porti via nulla.
Ora non riesce piu a farmi del male ma ad essa ho dedicato la mia gioventù.
Oggi per assurdo è un paradiso rispetto a quando ho iniziato io. Ti fai con pochi euro, trovi subito e il sert non ti crea noie.
Sarebbe bello smettere, forse un giorno, o forse mai.
Mettete dei limiti aiutandovi con il meta, grazie a Dio c'è lui.

Re: Son passati tanti anni ...

Per l'amor di Dio!
L'ho scritto sin dall'inizio che piuttosto che provare è meglio darsi degli schiaffoni.
L'eroina è un tunnel da cui non ne esci più .
i pochissimi che ne escono lo fanno dopo anni e anni di sofferenza inenarrabili e di battaglie.
Mai provare, mai.
I miei consigli sono per chi è già dentro e dall'alto (o basso, fate voi) dei 35 anni di consumo, vi dico che poi anche il rapporto con la sostanza cambia.
La frenesia giovanile passa e se ti aiuti con il meta (un grazie agli operatori) riesci a trovare un equilibrio.
Ma Questo è solo per chi come me usa da decenni la roba.
Chi è incuriosito non lo faccia, mai.
Io ho buttato la mia gioventù dietro la roba, i tipi, la ricerca del denaro.
Non è vita ragazzi, credetemi.
Per chi invece è nell'inferno sappia che prima o poi tutto si attenua, diventi più forte, riesci ad importi.
Non so perché ma ne sono felice.

Re: Son passati tanti anni ...

Riccordiamoci sempre che ci sono ragazzini convinti di essere piu forti e tosti di altri..magari adesso.
Penseranno pure di gestire l eroina
Ma tu vabenecosi lo sai benissimo
Che non è cosi.

Re: Son passati tanti anni ...

Sarastark , purtroppo finché si fa uso non ne vieni fuori dalla depressione e come il serpente che si mangia la coda . Guarda anche io sono sempre stata attenta ai limiti , ci vuole disciplina . Ma se si vuole uscire da sto circolo di depressione si deve affrontare il grande lavoro . Non importa se non riesci a sciogliere tutti i tuoi nodi purtroppo ci sono anche nodi che è impossibile sciogliere, io ho deciso che li accetto così . adesso non uso più eroina da un po' , basta con questi alti e bassi troppo forti , mi tengo questo "basso "con la bpn sempre a scalare con la lentezza dell millenaria tartaruga morlak . Ma X provare a vedere di farcela bisogna uscire da questo circolo e creare qualcosa di migliore . E se lo posso pensare io che di anni ne ho un bel po , ancor meglio lo puoi fare te . Un passo alla volta , un sasso dopo l'altro , uno sbaglio dopo l'altro . Ma chiedi questa cosa è lascia aperta questa porta , non importa se inciampi ogni 2x3 . C'è la farai . Lo so xche lo già fatto .

Re: Son passati tanti anni ...

Ciò che mi spaventa dei giovani di oggi......
Vi racconto pochi giorni fa ero ad un parco qui da Mr piano finanziario giochi da bambini scivoli altalene reti ecc nulla a pagamento,stavo io con i miei 3 bambini di 7 e 6 anni (due so gemelli) più una loro amichetta di 5 anni e la mia ex compagna bhe allora inizio con erano 4 5 giovani che sentivano musica chiamo tipo rap e pop poi sono arrivati triste alla fine sono entrati due che camminavano tipo robocop
E uno dei questi a na certa arriva con un Cicchetto di coca e sta sigaretta puzzava de plastica e ha dato un tiro per uno a 3 4 di loro maschi e femmine tutti ad.un solo tiro di cicchetto ha urlato mammamia che bomba con la voce da verdone quando parlava con Brega (siamo un gruppo di ragazzi) di sicuro mi capite,
Quindi il capo branco che aveva al max un anno più di tutti avrebbe tipo spiegato pseudococa e poi col fare da Escobar aveva offerto un ciccommento alle donzelle li intorno, ecco il problema che.non mi so spideare:perché si usa la droga x farsi grandi,farsi notare per essere meglio di te?? Io mi sfonnipotente da quando avedo 14 anni mo ne ho 40 ma mi sono sempre nascosto da tutti con qualcuno fidato m in isolamento a drogasse adesso la droga serve.per far vedere che sei il mejo da ciò che capisco da sti giovani così mi preoccupo per i miei figli che magari i forse sicuri o si faranno influenzare.o a loro volta.per farsi notare di più faranno na cazzate del.genere.
Non so davvero il significato rega' voi sapreste darmi una risposta senSata?
Alla fine quei bimbi stavano esagerando.visto che quello è un parco bambini e nessuna figliola dele tante presenti parlava e la puzza di canne Cicchetti di plastica o l'idoneità che sia aveva invaso le giostre dei miei figli così ho mandato la mia ex che è tipo me a dirgli di spostarsi a fare ste cose che per noi possono anche distruggersi il culo ma non d avanti ai bambini il capoccia di loro si è fatto avanti ha annoiato mi ha guardato pochi secondi in lontananza io gli ho annoiato e lui ha risposto che a
Abbiamo ragione e si sono spostati fuori dal parco almeno Dove c'erano bimbi.
Noi non siamo super.eroi ma gli altri col caxx o li.mandavano via gli facevano so occhiate e poi le rifacciamo a me e la mia ex come per dire angeli questi commenti sta puzia così la gente te azzarit a te e i pischello pensano che far vedere che uno se bomba forte si diventa mejo de na star di Hollywood ma dove cazzo finiranno sti pori figli mia

Re: Son passati tanti anni ...

Stasera non esco ti ho risposto.
Spero che l'incomprensione sia chiarita.
La mia esperienza e i miei suggerimenti sono per chi è dentro.
Chi ancora non lo è, e sta meditando di passare all'eroina, sappia che è il peggior errore della sua vita.
Non c'è nulla di peggio.
Non si controlla l'eroina, all'inizio forse, ma poi ti trascina e solo fortissimi caratteri riescono a porsi dei limiti.
Ma, nonostante ciò, anche loro, cedono il più delle volte.
È buttare decenni di vita che avresti potuto usarli in altro modo.
Ora, a distanza di 35 anni dal primo buco, grazie all'esperienza e al meta, riesco a controllarla.
Un alleato importante il meta.
Gli anni attenuano la sete e capisci come puoi aggirarla.
Evitate ragazzi, evitate.

Re: Son passati tanti anni ...

Ciao,
fai attenzione, perché anche se hai anni di esperienza e sicuramente riesci a tenere a bada l'aspetto psicologico, ogni pera può portare gravi danni a vene e cuore. Ma non sono certo io a doverti insegnare queste cose.

A leggere le vostre storie mi

A leggere le vostre storie mi viene la pelle d'oca ,rivedo come in uno specchio tutto il fardello che mi porto dopo oltre 30 anni di abuso .Iniziai a 18 anni a bucarmi di eroina  oggi ne ho 52e ci sto riprovando per la terza volta a smettere dopo averlo fatto a 28 anni ad a 35 ,in entrambi i casi ci son ricascato dopo essermi ricostruito la mia vita .Eppure l cose mi andavano bene perchè io difficilmente ricado di fronte alle difficoltà del reinserimento sociale .Sono arrivato alal conclusione che noi tossici abbiamo sempre un buon motivo per drogarci ,sia che le cose vanno male ,come anestetico del dolore ,sia quando vanno bene ,come premio alla bravura in una sorta di delirio di onnipotenza .Son riuscito entrambe le volte a distruggere tutto di buono avevo fatto, lavoro affetti  rapporti matrimonio ,ho praticamente distrutto psicologicamente me stesso e chi mi amava ,2 fratelli ed un cugino  morti per uso di sostanze ,carcere ,strada ,degrado .Fino a qualche anno fa pensavo non avrei piu smesso ,anche perchè avevo trovato un certo compromesso  con l'eroina che rendeva sostenibile (almeno economicamente ) il vizio .Eh si che ne avevo tanta fra le mani per cui andavo avanti.3 anni fa il primo buco di cocaina ,me ne era capitata una partita a buon prezzo e pensai di gestirla come l'eroina .Ho fatto un botto che ancora ne sento l' eco .Paradossalmente l'aver perso il controllo ha reso la mia td insostenibile per cui fortunatamente ho dovuto scegliere se vivere ancora e con fatica ho smesso,sono 2 anni .Forse è proprio la paura che mi sta salvando ma è dura .

La  droga sa attendere .

Si, le storie anni 80 mi

Si, le storie anni 80 mi affascinerebbe ascoltarle/leggerle. 

Nella mia “esperienza” con la sostanza ho sempre accompagnato, in questi 5 anni, le letture dell’epoca -se qualcuno fosse interessato posso lasciare la lista di libri/romanzi sul tema-.

le storie di vita vissuta dei sopravvissuti del’84 mi interessano moltissimo.

se ti va di raccontare

ciao e grazie mille

Ciao....mi piacerebbe molto

Ciao....mi piacerebbe molto leggere questi i tuoi libri/romanzi di cui parlavi in un messaggio che trattano il tema sull'eroina degli anni 80....ti va di condividerli con me? Cmq piacere...io sono 13 purtroppo che uso eroina la fumo perché il mio compagno fà solo questo, mentre io da 10 anni uso anche cocaina in vena ogni giorno e a volte ci aggiungo anche un po' di roba. Ma solitamente l'eroina la uso solo su stagnola, mi faccio la mia pera di coca mentre il mio compagno fuma la sua stagnola e quando mi sono scese un po' le paranoie e le ansie post coca, mi tranquillizzo totalmente fumando un grammo di roba con lui. Questa è la mia serata, ogni giorno della mia vita da ben 13 anni...e naturalmente per arrivare a sera assumo metadone dal 2008, 6 ml di quello concentrato. Insomma è una merda ma vado avanti....ho un lavoro, il mio compagno anche lavora in ufficio, all'apparenza siamo persone normalissime...ma ogni nostra decisione, ogni progetto, ogni scelta la facciamo in base alla roba. 

ciao, 

ciao, 

Anche io ho una storia di uso cronico ad alta funzionalità (che tradotto significa utilizzo Eroina N3 con regolarità ma ho un ottimo lavoro e una vita normale), ma in effetti gli aghi mi sono per fortuna sconosciuti.

Per iniziare suggerisco La scimmia sulla schiena, di Burroughs. È un classico, ma meno straniante de Il pasto nudo, quindi piacevole per scoprire come già negli anni 40/50 la vita dei tossici era identica a quella che in Italia sarebbe arrivata nel ‘78.

Pompeo, di Andrea pazienza. È la sua ultima opera, in cui racconta la fase finale della sua dipendenza. Un capolavoro.

Devozione, Antonella Lattanzi. Crudo ma verissimo. La Lattanzi si è immersa nel mondo dei tossici di strada di fine 2000, e ne ha tirato fuori un romanzo molto bello.

Ci sono anche titoli più “banali” (Christian F è nostra madre, Cesare Ferretti nostro Zio).

Se ti mancano alla lista, per completezza posso menzionarli :)

occhio alla penna!

Vorrei provare a rispondere

Vorrei provare a rispondere ai commenti di vabenecosi senza dare  l' impressione di giudicare o di mettere puntini sulle i  perche' quel che crede e  fa' alla fine sono affari di chi scrive.

Ho iniziato con l' eroina (in realta' morfina in fiale le prime volte) verso la meta' degli anni '70 e ho qualche annetto in piu' dei 56 di vabenecosi, per dare un contesto passato e presente al periodo al quale vabenecosi si riferisce.

Ho smesso di assumere ero da circa un annetto ma soprattutto ho smesso con il metadone e l' alcool che negli ultimi tempi erano diventati un problema ancora piu' serio dell' ero.

La mia storia, come molte altre, e' la fotocopia sputata di quella di vabenecosi.

E concordo pienamente quando dice che ad una certa' eta' non si ha piu' voglia di tanti sbattimenti molto meno invece quando dice che il meta, seppure riferito a tossici dal pelo lungo, ti rende la vita migliore con una vita normale senza rinunciare a nulla.

Dipende da che vita vuoi perche' non posso credere che per chi abbia famiglia come noi chi ci sta' vicino la viva come normalita', non posso credere che quando devi viaggiare faccia piacere nascondere sostanze in ogni luogo, non posso credere che quando ti metti alla guida di un veicolo ti possa sentire come qualsiasi altro ed infine non posso credere che uno in qualche modo si possa sentire piu' forte perche' con il tempo e l' esperienza riesce ad imposi sulla sostanza. 

Con questi presupposti sembrerebbe piuttosto che la sostanza abbia fatto il suo lavoro  fino in fondo con il passare del tempo riuscendo quella si ad imporsi e facendoti credere di essere in qualche modo il piu' forte.

Forse in casi simili parlare di riduzione del danno sarebbe piu' appropriato.-

 

 

 

Ma che vita sarebbe poi . Certo siam tutti diversi ma io mai vie di mezzo ,o mi sfondavo di tutto ciò che mi capitava fra le mani e fosse in qualche modo possibile scioglierlo in una siringa  .Quando smetto però smetto con tutto.

Non siam tipi da vie di mezzo ma o dentro o fuori ,almeno per me è stato così .sperò sia la volta buona anche perchè io ho fatto davvero terra bruciata ,non mi è rimasto piu nulla .

Certo affrontare la vita ed i problemi da lucido ,relazionarsi con le persone    quando ti senti così fragile a causa di tanti tanti anni dove la tua crescita emotiva è rimasta al palo causa sostanze ti fa sentire piccolo piccolo.Ti trovi davanti ad una parete verticale da scalare ,il mondo che è andato avanti e tu che ti ritrovi più indietro di prima.Per questo è facile ricadere ,perchè a  questa tempesta di sensazioni  non siam abituati e le vogliamo zittire ad ogni costo perchè fa male. Son qualcosa di talmente spaventoso da desiderare una pausa un momento di decompressione ,tutto lecito ,peccato che  noi tossici sappiamo bene qual'è la medicina per i mali dell'anima.

Noi non siam piu fessi degli altri ,forse solo piu sensibili solo che questa sensibilità deve essere per noi una marcia in piu non un handicap.

In bocca al lupo a tutti

 

 

 

E a volte lo è una marcia in

E a volte lo è una marcia in più , questa sensibilità. Riesce a coinvolgere a legare , a creare . "Questa forza " poi avrei bisogno di spinte dalle relazioni attorno , ma pochi che si diano , che ci credano   ,  che facciano funzionare l'energia costruttiva . E allora mi stanco e ritorno indietro a riposarmi . 

Bisogna essere  perseveranti

Bisogna essere  perseveranti ,noi tossici siamo abituati all' immediato soddisfacimento dei nostri bisogni ,poco abituati alla costanza ed al sacrificio .La vita normale è fatta anche di questo ,i vuoti è legittimo riempirli ma ci vuole anche tempo .Io mi son accorto che tutte le persone hanno i loro problemi le loro fragilità ed insicurezze per cui  non abbiamo di fronte a noi persone risolte ma piu spesso si tratta di 2 imperfezioni che si incontrano .

In fondo abbiamo tutti bisogno di sentirci accettati ,considerati ed amati e questi son bisogni imprescindibili.Solo che l'essere umano è maestro a rendere difficile una cosa che di per se sarebbe facile cioè riconoscere che siamo anche deboli  bisognosi  e che nessuno è perfetto.Tutto questo in una società che ti vuole sempre all'altezza ,prestante ,brillante ,dove la spregiudicatezza la prevaricazione e l'individualismo sono innalzati a valore diventa difficile esprimere i propri bisogni reali ,si teme di apparire vulnerabili ed essere feriti .Tutto un grande inganno che porta ad una grande solitudine e frustrazione interiore. Per gente come noi questa superficialità è letale. A logica sembra facile ,ma l'uomo spesso non lo è e si muove in base alle paure perchè ognuno ha i suoi vissuti e piu che accogliere l'altro spesso ne siamo diffidenti.

Noi tossici aneliamo alla libertà piu di tanti ne abbiamo bisogno come l'ossigeno,la libertà di essere e sentirsi adeguati per come siamo anche se non corrispondiamo ai modelli imposti nella nostra epoca.A questo non possiamo rinunciare altrimenti soccombiamo. Per questo scrivo non siamo da vie di mezzo .

Ti racconto un aneddoto .Paradossalmente io non mi son mai sentito libero come quand feci coming out sulla mia tossicodipendenza .Non dovevo piu portare avanti un immagine socialmente accettabile ,niente piu timori ad entrare in farmacia ,basta nascondersi o aspettare che non ci fosse nessuno ed andare dallo spacciatore  .Potevo essere quello che ero ,cioe un tossico .per quanto possa sembrare strano mi sentii alleggerito a non dover mostrare una realtà finta ,non dovevo piu apparire ma potevo essere.

Questo per farti capire quanto il bisogno è imprescindibile.  

Ricordo bene quando appena

Ricordo bene quando appena alzato al mattino prima ancora di qualunque altra cosa prendevo il mio metadone e mi "sentivo forte", la giornata in qualche modo svoltava senza il quotidiano bisogno prioritario del tossico.

Andavo a dormire gia' pensando al mattino e che anche per domani e per i giorni successivi  era fatta, ero a posto.

La tranquillita' del tossico quando ha la sostanza. 

Ci stava anche che in giornate particolari dove avevi voglia di qualcosa di piu', magari cosi tanto per, ci aggiungevi una bottarella di ero o un po' di alcool e ti sentivi a posto, chi t'ammazza, la gestisci alla grande o perlomeno sei convinto che sia cosi.

Confronto a quello che eri costretto a fare prima sembra una vittoria assoluta o comunque un compromesso non di poco conto.

Gli sbattimenti ai quali dovevi sottostare prima come trovare i soldi, il tempo, il tipo, quasi scappare di casa per iniziare la caccia, la paura di venir beccato, raccontare minchiate in giro per giustificare le tue lunghe assenze tutto ad un tratto puff, andati!

In piu' l' accettazione sociale nei confronti di chi e' al corrente della tua situazione che almeno stai provando a fare qualcosa, che prendi qualcosa in qualche modo legale.

Ti resta tutto il tempo che vuoi per cose come famiglia, lavoro, hobby, rapporti personali, cioe' per le cose normali che quando invece hai la necessita' primaria del reperimento della sostanza passano in secondo piano facendoti sentire una specie di merda secca e quindi  potrebbe dare l' impressione di una vita perlomeno accettabile.  

Volevo dire a Distrutto che

Volevo dire a Distrutto che lui sa benissimo che esistono persone che ne sono uscite, anche con tanti anni di recupero...

Ha visto ed ha toccato con mano che una strada c è...anche se il suo lamento continua.

 

Certo che il suo lamento,

Certo che il suo lamento, come quello di molti altri, continua.

Ha mi pare 21 o 22 anni, e'  abbastanza "normale", nell' ordine delle cose che continui.

Fa' male perche' forse ci ricorda qualcuno ma non possiamo farci niente o comunque niente di concreto se non provare a dare consigli spesso addirittura vissuti come molesti  e che andranno quasi sicuramente disattesi

E' vero che si tende a rapportare le esperienze degli altri alle nostre e ancor piu' spesso a come stiamo nel momento in cui postiamo le cose ma a quella eta' probabilmente ne deve ancora scalare di montagne e relative discese prima di arrivare a farsi una qualche idea, ci siamo passati piu' o meno tutti alla sua eta'.

Per averlo visto e provato personalmente dubito delle persone che dicono che quando ci sono dentro hanno smesso e ci sono riuscite la prima volta senza pagare pegno, dubito persino che siano stati tossici e comunque non mi fiderei, direi che nella migliore delle ipotesi raccontano balle

A quell' eta' chi e' che pensa di smettere una volta agganciato, hai ancora forze da vendere, rabbia dentro, casini da chiarire, spesso senza legami affettivi di un certo e tipo e quindi anche sentendo che qualcosa non va' la vita e' ancora una autostrada da percorrere a proprie spese, spese che devi vedere e vivere con i tuoi occhi con i tuoi errori.  

Fatto, l'esamino intendo, e

Fatto, l'esamino intendo, e continuo a dubitare.

E si che mi pareva di essere stato abbastanza comprensibile parlando di mia esperienza personale e di come stiamo nel momento in cui postiamo.

Ma mettiamo anche che mi possa sbagliare, che abbiamo esperienze diverse, ci sta tutto a questo mondo, anche  non dubitare di altri e che sara mai, ma forse ho toccato qualche nervo scoperto perche'  qualcuno possa prendersela tanto.

Pjate na tisana va la'! 

Aggiungi un nuovo commento