Back to top

Classifica LANCET sui danni delle droghe (la tabella tradotta è tratta Focus)

Voto 

Commenti

classifica leggibile

1. Eroina
2. Cocaina
3. Barbiturici
4. Metadone
5. Alcol
6. Ketamina
7. Benzodiazepine
8. Anfetamine
9. Tabacco
10. Buprenorphine
11. Cannabis
12. Solventi
13. 4-MTA
14. LSD
15. Methylphenidato
16. Steroidi
17. GHB
18. Ecstasy/MDMA
19. Nitrati
20. Khat

-

molto interessante vedere la reale pericolosità di barbituri e benzodiazepine, spesso abusate dalla gente come fossero aspirine...

Re: -

questa classifica fa un po' di casino.... Sebbene sia anche molto famosa ha delle grosse pecche. Tanto per cominciare dipende, per tutte le sostanze, dall'uso che se ne fa. Se consideriamo un utilizzo quotidiano allora non mi spiego come l'mdma potrebbe essere meno nocivo di cannabis ed LSD (che utilizzata quotidianamente a causa della grandissima tolleranza che genera dopo 3 o 4 giorni non farebbe più nulla), dal momento che porterebbe a gravissime alterazioni dei livelli di serotonina e a problemi di depressione e apatia, sbalzi di umore e tanti altri problemi del genere. Così come non capisco come possa la buprenorfina avere circa la stessa dipendenza della cannabis e dipendenza di gran lunga minore dell'alcool, quando chiunque di tanto in tanto beve, e il rapporto gli alcolizzati sono una ridotta percentuale, mentre di quelli che usano buprenorfina voglio vedere piuttosto quanti sono a non essere dipendenti..... Che io sappia, per esperienze di persone a me vicine, il grado di dipendenza generato dalle buprenorfine non è lontano da quello dell'eroina, anzi, pare che sia ancora più difficile smettere. (Per chi non lo sapesse, la buprenorfina è un oppiaceo utilizzato nel trattamento di disintossicazione da eroina).
Tornando al mio discorso iniziale, sembrerebbe piuttosto un discorso basato sull'uso saltuario delle sostanze in questione, solo che in tal caso per molte non avrebbe nemmeno senso parlare di danno fisico, nè di danno sociale dal momento che quelli provengono dall'uso continuativo.

Sì, c'è un po' di casino. Mi sa che al suo tempo è stata fatta tanto per dire "guardate che MDMA, LSD e cannabis che sono illegali fanno molto meno male delle altre, anche di quelle legali". E su questo non ci piove, da questo punto di vista la classifica è stata utile. Però se pur fatta con questo scopo credo che l'avrebbero potuta fare meglio. Sarei curioso di leggere lo studio allegato alla classifica.

Re: -

e poi mi dispiacerebbe tanto se la reazione delle persone, invece di essere "wow MDMA, LSD e cannabis che sono illegali fanno molto meno male delle altre, anche di quelle legali" fosse quella di dire "beh, ma se l'alcool è quasi come la coca adesso mi faccio pure quella"........

Re: -

Mi pare strano che l'MDMA sia così in fondo alla lista a grossa distanza da benzodiazepine, tabacco, cannabis.

Re: -

l'MDMA è una sostanza relativamente sicura, per un'overdose ci si dovrebbe calare come minimo 5 o 6 grammi se si è molto piccoli di stazza, e la dose media è 0,15g, e se arrivi a 0,5 stai fuori come un ciuccio. Tra l'altro la dipendenza da MDMA è legata quasi completamente all'ambiente. Chi la prende tutte le settimane lo fa perchè va a determinati tipi di feste tutte le settimane e lì se non prende l'md si sente a disagio e non si diverte, e non perchè c'è un bisogno di assumere la sostanza. Anzi, dal momento che la "salita" non è mai facile spesso precedentemente all'assunzione c'è anche un po' d'ansia, il che ne limita ancora di più la dipendenza. Inoltre gli unici danni provocati sono delle alterazioni dei livelli di serotonina, che a meno di abusi davvero eccessivi dopo un po' si ristabilizzano.
Alcuni studi però riferiscono che, mentre LsD, psilocibina (il principio attivo dei funghi allucinogeni), DMT ecc (le triptamine per capirci) agiscono solo sui recettori della serotonina non provocando quindi danni fisici al cervello, l'MDMA, agendo contemporaneamente su serotonina e dopamina potrebbe risultare neurotossica (creare danni fisici al cervello). Però ai giorni nostri l'importante a quanto pare è dare la notizietta, e non lo studio in sè, tant'è che di studi se ne fanno così tanti, tutti in contrasto tra loro, tutti che terminano dicendo "potrebbe" e nessuno che porta mai a nulla.

risposta a "POTRESTE SPIEGARMI COME MAI IL TABACCO E LA CANNA...

Per rispondere alla domanda bisogna risalire alla logica dell'informazione che hai letto.
Forse il senso che tabacco e cannabis fanno meno male perchè hanno effetti psicoattivi più blandi dell'LSD che è una sostanza che provoca effetti allucinogeni quindi può portare a situazioni di malessere psichico anche molto grave, stati di paranoia, i cosiddetti BAD TRIP ( cattivi viaggi).
Questo tipo di rischio con il tabacco non esiste e con la cannabis è molto raro.
In questo senso l'affermazione si potrebbe ritenere vera, ma se guardiamo la cosa da altri punti di vista e quindi se prendiamo in considerazione i rischi legati al consumo prolungato, alla probabilità alta di ammalarsi di patologie polmonari o cardiache che tabacco e anche cannabis possono portare, l'affermazione risulta falsa e si può dire che questi sono più rischiosi dell'LSD.
Con la stessa logica anche l'MDMA ha i propri rischi specifici e quindi non si può dire che sia sicura o più sicura di altre droghe se non in relazione alle proprie particolari caratteristiche.
Oltre a questo con le droghe illegali non si può mai sapere - se non si effettuano test sulla loro effettiva composizione - di cosa si tratta in realtà e quali sono le sostanze (addittive, tagli) che contengono.
Alcune di queste, come dimostrato in altri paesi proprio rispetto all'MDMA, sono molto più pericolose della sostanza originaria.
Quindi non ragionare sulla potenza degli effetti è una strada sbagliata e pericolosa .

.

pensa ad uno che fuma per vent' anni e uno che si fa di md per vent' anni......nn so chi ne esce meglio...

risposta

intendi il tabacco spero....no perchè la cannabis (dopo aver letto libri, visto documentari ecc...) non ho ancora capito come faccia ad essere nociva all organismo umano quando invece è più efficace di molti medicinali chimici e molto meno pericolosa.......(non tiratemi fuori la scusa ''fumala per vent anni e poi voglio vedere come sei'' perchè seguendo questa logica posso replicare dicendo che se mangio una tavoletta di cioccolata al giorno a vent anni non ci arrivo neanche.....

la marjuana fa schifo

Guarda che qualsiasi cosa che ti fumi provoca tumore. Perchè produce catrame, ti puoi fumare anche leccio, foglie secche, corteccia di quello che ti pare. La combustione produce catrame, che va a depositarsi nei polmoni, e... non penso che faccia bene, o che addiritura curi qualcosa. Poi nello spinello c'è anche la sigaretta. Inoltre la marjuana aumenta la pressione cardiaca, come se stessi correndo da mezzora. Il che è evidente che dopo uno spinello, non puoi fare corsa leggera, o un escursione. Poi non tirare fuori tu la scusa della tavoletta di cioccolato, perchè non so chi è che ti ha detto di mangiare una tavola di cioccolato al giorno. Comunque il cioccolato non causa tumore, questo è certo! L'altro puntoè che voi la fumate essendo sani, quindi non capisco cosa dovete curare, forse il cervello, ma vi sta facendo l'effetto contrario.

la marjuana fa schifo

Ciao riconosco il fatto che tu hai ragione sul punto che la combustione produce catrame, quindi qualsiasi cosa tu fumi produci catrame per i tuoi polmoni ma un errore che hai commesso è che chi fuma marjuana (se sa qualcosa) non usa la sigaretta ma la fuma pura; al massimo ne è presente proprio una punta tanto da far si che non si spegne.
Poi il cioccolato non causa tumore...vero! Peccato che può provocare altre malattie gravi se mangiato con noncuranza.
Stessa cosa per la marjuana. E' tossica se usata in modo sconsiderato ma viene usata anche come medicinale oltre che come erba dei sogni.
La marjuana da quel che ho letto non cura malattie fisiche, ma mentali o emotive come la depressione e cose simili dato che oltre a un senso di rilassamento produce anche un effetto euforico.

cura di malattia emotive

veramente il consumo di cannabis è legato all'insorgere di stati depressivi e psicotici in soggetti predisposti. non so dove ti documenti te, ma pubblicazioni recenti (vedi: Cannabis-Induced Bipolar Disorder with Psychotic Features: A Case Report, Psychiatry (Edgemont) 2009;6(12):44-48) sembrerebbero indicare il contrario.
Inoltre come sostanza che va agire sul sistema dopaminergico e sulla modulazione del rilascio di endorfine (che mediano la sensazione di appagamento) produce una progressiva atrofizzazione (o meglio assuefazione, nel senso che per attivare questi circuiti sono necessari stimoli sempre maggiori) degli stessi sistemi -tipica di tutte le sostanze da abuso e dipendenza- con conseguente progressiva desensibilizzazione del soggetto agli stimoli naturali che dovrebbero attivare i circuiti di appagamento suddetti. il che si può tradurre, a lungo termine, in stati depressivi e apatici: la sostanza d'abuso diviene l'unico stimolo in grado di produrre appagamento e serenità.

Re: cura di malattia emotive

" Tutto è veleno, e nulla esiste senza veleno. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto."

Non state a perdere tempo su quali di queste droghe sia la più pericolosa, l'abuso è il pericolo vero.
Una persona deve sapersi gestire,ognuno deve essere responsabile di sè e di conseguenza deve sapersi regolare con le sostanze che prende, come lo si fa per il cioccolato per non ingrassare.
E' comodo decretare quali sostanze posso usare e quali invece non devo usare, così si evita la responsabilità di gestire la propria libertà.
Non so voi, ma per me la vita è una, non credo nella vita dopo la morte, perciò quando sarò in procinto di andarmene, potrò dire di avere sperimentato tante cose, anche pericolose, ma di avere provato delle esperienze che di sicuro NULLA se non quelle sostanze vi possono far provare. L'uomo si è drogato più o meno da quando si è distinto dalle scimmie, e continuerà a farlo, perchè la vera dipendenza che l'uomo non riesce ad assuefare è la sua curiosità.

Re: cura di malattia emotive

"Non so voi, ma per me la vita è una, non credo nella vita dopo la morte, perciò quando sarò in procinto di andarmene, potrò dire di avere sperimentato tante cose, anche pericolose, ma di avere provato delle esperienze che di sicuro NULLA se non quelle sostanze vi possono far provare. "

Ignoro chi tu sia, ma le tue parole sono la trascrizione esatta dei miei pensieri.

Re: cura di malattia emotive

sei soltanto un pollo per come la pensi, ed il problema è che molti la pensano come te! e sarà proprio quando sarai in procinto di andartene che dirai sono stato davvero un coglione! altrochè dire di aver sperimentato. pollo

Re: cura di malattia emotive

Caro mio non è così, io che ho provato quasi tutto se potessi ritornare indietro non lo rifarei. Eppure la pensavo come te circa dieci anni fa. Certa roba ti brucia il cervello e quando te ne accorgi ormai è tardi e passi il resto della vita nella merda pur non assumendo più niente

Re: cura di malattia emotive

la filosofia spiccia che fai tu non puo essere applicata a tutte le sostanze in maniera uguale...stai paragonando la forza di volonta' che ci vuole per controllarsi nel mangiare cioccolata per non ingrassare,a quella che ci vuole per gestire l'eroina o la cocaina.....per non.....morire....bhaa

Re: cura di malattia emotive

Cavolate. Vai in comunita' e parla con qualcuno che ha provato tutte le varie sostanze. L'esperienza di chi condivide un punto di vista palesemente incompleto come il tuo manca semplicemente di esperienza. Ma l'esperienza conviene farsela sugli sbagli altrui. Esci dal tuo giro di convinzioni e certezze e confrontati con uno che si trova in comunita'. Senti quali sono gli effetti anche solo dopo dieci anni; le persone che porti a stare male, le situazioni fuori controllo, l'infelicita', l'ingestibilita' dei rapporti pure con te stesso. Ripercorri la tua vita indietro fino al momento in cui sei nato. E' l'unico modo per non entrare in una spirale difficile da gestire. Un'invito, vuoi provare? Allora un po' di "cautela". Prova a smettere con una droga e a rimanere pulito per un anno prima di provarne un altra. Ti renderai conto di quanto sia difficile gestirsi. E scoprirai che la vera soddisfazione sta nel sApersi controllare. La droga e' un mondo di carrltapesta.

Re: cura di malattia emotive

visto che ne parli presumo che in una comunità ci sia stato... mi auguro che tutto quello che stia dicendo sia alla luce della tua esperienza... perchè sulle esperienze degli altri non ti crei nulla...

informiamoci

Prima di scrivere, dovreste sapere cio che dite, il principio della marijuana, per citare qualche esempio PUO CURARE l'asma, la sclerosi, glaucomi, nausea e vomito.
Ed inoltre è proibita per ragioni politiche ed economiche:
La PRIMA MACCHINA fu inventata da Ford lo sappiamo tutti ed indovinate un po' da cos'era alimentata?? ETANOLO DI CANAPA, un combustile efficace e meno inquinante. Da qui traete voi le facili conclusioni dei petrolieri e dei governi

Inoltre è la pianta produttrice numero uno di biomassa sulla terra.=Risolverebbe il probelma dell'inquinamento.

soluzioni?

la canapa è una delle colture più facili da "praticare", non ha bisogno di tutta quest'acqua quindi una coltivazione di questa pianta potrebbe nascere anche nei caldi paesi del terzo mondo, magari dando anche una spinta positiva alla loro economia
e comunque nonostante implicherebbe grandi sforzi per la ricerca di territori utili è comunque meglio di continuare a sfruttare i giacimenti di petrolio con tutti i danni ambientali (inquinamento) e sociali (guerre) che ne derivano!

Re: bello e impossibile

impossibilè??? la mc donald ha piantumato mezza africa con le sue colyivazioni intensive e con i suoi macelli illegali....ed è impossibile far crescere una pianta spontanea,? trivellare tutto il pianeta è più possibile?

Re: bello e impossibile

2 ettari di canapa valgono circa come 45 di foresta amazzonica in quantità di cellulosa , inoltre c'è tutto un discorso legato ad alimentazione e produzione di vestiti , infatti la pianta maschio della canapa , quella più fibrosa può essere riutilizzata per qualsiasi cosa. Inoltre la canapa rifertilizza il terreno in cui viene pintata e ha un bassissimo bisogno di acqua essendo una graminacea. Se coltivassimo canapa avremmo meno bisogno di deforestare quindi alle foreste pluviali faremmo anche un favore a mio avviso , e faremmo un favore anche a noi stessi perchè potremmo autoprodurci qualsiasi tipo di cosa necessitiamo , dall'isolante termico fino alle automobili. è solo dagli anni sessanta che questa pianta è vietata in buona parte del mondo e le scoperte fatte tante volte per orchestrazioni politiche sono state nascoste. In conclusione questa pianta dovrebbe essere o meglio studiata o meglio conosciuta perchè se la gente conoscesse la sua storia non ne sarebbe poi così tanto contraria , anche perchè la maggior parte dei preconcetti che abbiamo derivano da bigotti cristiani che l'hanno demonizzata nel corso del tempo , e se proprio vogliamo metterla sul religioso c'è pure scritto nella bibbia che dovremmo usare tuttee le piante che nostro signore ci ha donato. Sarò un hippie di merda ma in ogni caso mi ritengo una persona meglio informata di tante altre.

Re: bello e impossibile

Concordo su tutto, mi senti però di correggerti sulla famiglia della canapa: appartiene alle Cannabacee (insieme al luppolo tra l'altro), non c'entra nulla con la famiglia delle graminacee

Re: bello e impossibile

Condivido pienamente tutto quello che hai detto.
Molti non sanno che la marijuana è stata illegalizzata soprattutto perché era una diretta concorrente di grandi industriali quali Hearst e dupont. Hearst ,che produceva i suoi giornali con foreste da legname, avevo visto nella canapa una minaccia troppo grande per il suo impero poiché la produzione di carta di canapa stava davvero prendendo il sopravvento. Lo stesso per dupont, proprietario Di una delle più grandi industrie petrolchimiche del tempo,il cui impero era destinato a crollare.
Quindi è stata resa illegale esclusivamente per interesse di qualche figlio di puttana e fidatevi che se non ci fosse stato questo egoismo oggi il pianeta non sarebbe in queste condizioni di merda . E tutte le persone ignoranti che hanno preconcetti su questa pianta dovrebbero un attimo informarsi. Concludo col dire che legalizzare la cannabis sarebbe solo un grosso vantaggio e inoltre chi la vorrà fumare potrà chi non vorrà non lo farà. Io ho solo 16 anni ma sono molto più informato di tante persone che si credono dei perfetti cittadini e che considerano i fumatori come criminali e gente inutile alla società quando in realtà ci sono moltissimi consumatori che hanno combinato più di voi nella vita.

Re: informiamoci

Certo che la maria ha proprietà terapeutiche, scientificamente documentate ed usate in medicina in alcuni stati.
Tutte le sostanze psicoattive possono avere effetti benefici.
Ma un conto è seguire una terapia per problemi di salute, tutt'altro è fumarsi una canna al giorno per svago.
Oppure anestetizzarsi non per un'operazione chirurgica, ma per sballarsi.
Sono due cose totalmente diverse.

Re: la marjuana fa schifo

ci sarebbe da informarsi meglio,
l'erba è un ottima cura contro la schizzofrenia, contro gli stadi d'ansia, contro il glaucoma, ma se questo si verrebbe a sapere le case farmaceutiche....
capisci??

Re: la marjuana fa schifo

Ogni cura è soggettive (Comunque si scrive "Schizofrenia ) a me una canna mi fa venire gli attacchi di panico detti D.A P. Quindi nn spariamo stronzate. A qualcuno può far bene ed a altri no.

Pagine

Aggiungi un nuovo commento