Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 51539 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Novità altro

Le conseguenze del proibizionismo, come 'ndrangheta e camorra si finanziano

(aduc droghe)-"Chi parla di mafia diffama il Paese? Chi parla di mafia difende il Paese". Lo scrive Roberto Saviano su LA REPUBBLICA. "Le organizzazioni criminali contano molto: solo con la coca i clan fatturano sessanta volte quanto fattura la Fiat. Calabria e Campania forniscono i piu' grandi mediatori mondiali per il traffico di cocaina. Si arriva a calcolare che 'ndrangheta e camorra trattano circa 600 tonnellate di coca l'anno, ed e' una stima per difetto. La 'ndrangheta - come dimostrano le inchieste di Nicola Gratteri - compra coca a 2.400 euro al kilo e la rivende a 60 euro al grammo, guadagnando 60.000 euro. Quindi con meno di 2.400 euro di investimento iniziale, percepisce una entrata pulita di 57.600 euro. Basta moltiplicare questa cifra per le tonnellate di coca acquistate e distribuite da tutte le mafie italiane e diventa facile capire la quantita' di denaro di cui dispongono, al netto di cemento ed estorsioni. E raffrontarla con il peso industriale delle imprese leader - che hanno molti meno profitti - per comprendere il potere che oggi hanno realmente nel paese e in Europa le organizzazioni criminali. Proprio dinanzi a fatti come l'attentato di Reggio Calabria diventa imperativa la necessita' di capire. E' la conoscenza che permette di capire cosa stia accadendo. E non raccontare questa azione come un episodio avvenuto in un altro mondo, in un altro paese. Un paese di quelli lontani dove una bomba o un morto rientrano nel quotidiano. Le organizzazioni criminali italiane quando agiscono e quando decidono di mandare un segnale, sanno perfettamente cosa fanno e dove vogliono arrivare. La bomba non e' stata messa davanti a una caserma, ne' alla sede della Direzione Antimafia, ma alla Procura generale. Il messaggio, dunque, e' rivolto alla Procura Generale. E forse - ma qui si e' ancora nel territorio delle ipotesi - a Salvatore Di Landro, da poco piu' di un mese divenuto Procuratore generale. Da quando si e' insediato, il clima non e' piu' quello che le 'ndrine reggine conoscevano. Le cose - continua Saviano su LA REPUBBLICA - stanno cambiando e le 'ndrine non apprezzano questo cambiamento. Preferirebbero magari che le difficolta' burocratiche e certe gestioni non proprio coraggiose del passato possano continuare. Le mafie sanno che la giustizia italiana e' complicata e spesso cosi' lenta che e' come se un bambino rompesse un vaso a sei anni e la madre gli desse uno schiaffo quando ne ha compiuti trenta. Se volessero, le cosche potrebbero far saltare in aria tutta Reggio Calabria. La 'ndrangheta possiede esplosivo c3 e c4. Decine di bazooka. Perche', allora, far esplodere una bomba artigianale davanti alla Procura, quasi fosse una lettera da imbucare? Evidentemente non volevano colpire duramente, ma lanciare un primo segnale, dare inizio a un "confronto militare". Anche l'operativita' potrebbe essere stata di una sola famiglia, con una sorta di silenzio-assenso delle altre che in questo modo hanno reso il gesto collettivo. Ora bisogna accendere una luce su ogni angolo della Procura generale, stare al fianco di chi sta attuando questo cambiamento. Capire se le 'ndrine vogliono che una corrente prevalga sull'altra. Capire, parlarne, dare visibilita' alla Calabria, alle dinamiche che legano imprenditoria, criminalita', massoneria, politica in un intreccio che fattura miliardi di euro di cui nessuno viene investito in Calabria e tutti fuori. Da Montreal a Sidney. E alla solita idiozia che verra' ripetuta a chi scrive di questi temi, ossia di essere "professionisti dell'antimafia", occorre rispondere che il vero problema e' che esistono troppi "dilettanti" dell'antimafia. Le mafie stanno alzando il tiro. O almeno, si sente in diversi territori una forte tensione. Dovuta a diversi motivi, non ultima la chiusura di importanti processi, come il terzo grado del processo Spartacus di cui fra pochi giorni verra' pronunciata la sentenza. I Casalesi potrebbero agire militarmente dopo una condanna definitiva. Avevano nei loro referenti politici - spiega Saviano su LA REPUBBLICA - una sorta di garanzia che si sarebbero occupati dei loro processi. In caso di ergastoli, gli inquirenti temono risposte e l'attenzione mediatica dovrebbe essere massima, ma non lo e'. A Reggio Calabria l'arresto di Pasquale Condello, nel giugno dell'anno scorso, fatto dai Carabinieri comandati da una leggenda del contrasto alle 'ndrine, il colonnello Valerio Giardina, ha rotto gli equilibri di pace. Pasquale Condello detto "il supremo" era riuscito a mettere pace tra le 'ndrine di Reggio dopo una faida tra 1985 e il 1991 tra i De Stefano-Tegano e Condello-Imerti che aveva portato ad una mattanza di piu' di mille persone. Condello faceva affari ovunque: senza un suo si o un suo no nulla sarebbe potuto accadere a Reggio. Quindi e' anche alla sua famiglia che bisogna guardare per capire da dove e' partito l'ordine della bomba. La sua capacita' di aprire verticalmente e orizzontalmente i propri affari era la garanzia di pace. All'inizio di ottobre, la famiglia Condello e' persino riuscita ad ottenere la lettura delle parole di felicitazione di Benedetto XVI trasmesse nella cattedrale di Reggio Calabria da don Roberto Lodetti, parroco di Archi, agli sposi Caterina Condello e Daniele Ionetti: la prima, figlia di Pasquale; il secondo, il figlio di Alfredo Ionetti, ritenuto il tesoriere della cosca. "Increscioso e deplorevole" ha definito l'episodio il settimanale diocesano l'Avvenire di Calabria. La prassi vuole che quando gli sposi desiderano ricevere un telegramma o una pergamena del papa, ne facciano richiesta al parroco o ad un prete di loro conoscenza, il quale trasmette la richiesta all'ufficio matrimoni della Curia. Non e' il telegramma a destare scandalo quanto piuttosto il via libera dato dalla Curia reggina per le nozze in cattedrale di due rampolli di una potentissima 'ndrina calabrese. Difficile credere che non si sia prestata attenzione ai cognomi dei due sposi. Anche perche' Caterina Condello e Daniele Ionetti sono cugini di primo grado e il diritto canonico (art. 1091) consente un matrimonio tra consanguinei solo con motivata dispensa richiesta dal parroco e sottoscritta dal vescovo. Il clan Condello da oltre 25 anni ha comandato a Reggio. I matrimoni dovrebbero essere molto controllati e i preti dovrebbero davvero interessarsi alla motivazione delle unioni. Nel 2003 fu sequestrata una lettera a Cesena a casa di Alfredo Ionetti, lettera scritta dalla moglie del Supremo, Maria Morabito. In questa lettera spedita a un'amica si parlava dell'altra figlia femmina, Angela: "Cara Anna (...) mia figlia ha dovuto lasciare un bel ragazzo solamente perche', nel passato, alcuni suoi parenti erano nemici di mio marito (...) Non c'e' stato niente da fare, hanno dovuto smettere (...) Avevo sperato in un futuro migliore per mia figlia, che sarebbero stati bene insieme. (...) Ma dobbiamo portare la nostra croce...". Le famiglie di Reggio vivono di questi vincoli, e spesso le prime vittime sono i familiari. In questo contesto, rompere il ruolo del sacramento religioso come patto di sangue tra mafiosi e' qualcosa che solo i sacerdoti coraggiosi - e per fortuna ce ne sono - possono fare. E' importante che le istituzioni diano una risposta forte dopo la vicenda dell'attentato in Calabria. Quindi e' bene che Maroni visiti Reggio, ma dovrebbe farlo anche il Ministro della Giustizia. Ai messaggi mafiosi bisogna rispondere subito, duramente, e soprattutto comprendendoli e non lasciandoli passare come un generico assalto alle istituzioni. Le mafie - prosegue Saviano su LA REPUBBLICA - sanno che la piu' grande tragedia e la piu' grande festa non durano per piu' di cinque giorni. Quindi l'attenzione si abbassa, il giunco si cala e passa la china. Oggi la situazione storica sembra pericolosamente somigliare a quella gia' passata in Sicilia. Non e' questo un governo con la priorita' antimafia, non e' questa un'opposizione con una priorita' antimafia. Nonostante gli sforzi degli arresti. Ad esempio: la legge sulle intercettazioni. Nella lotta alla mafia sono uno strumento indispensabile. E ora diviene talmente difficile poterle fare e ancora piu' poterle far proseguire per un tempo adeguato per ottenere dei risultati, che la macchina della giustizia viene nuovamente oberata di burocrazia, rallentata. Si rischia di privare gli inquirenti dell'unico strumento capace di stare al passo con una criminalita' che dispone di ogni mezzo moderno per continuare a fare i propri interessi. Se i magistrati si trovano davanti a grossissime limitazioni nell'uso delle intercettazioni, e' come se dovessero tornare a combattere con lo schioppetto contro chi possiede nel proprio armamentario ogni sofisticato dispositivo tecnologico. L'altro problema sta in ogni disegno che cerca di accorciare i tempi processuali. Abolito il patteggiamento in appello, resta in vigore il rito abbreviato. Per un mafioso e' conveniente: cosi' - fra vari sconti e discrezionalita' della pena valutata dai giudici - va a finire che spesso un boss puo' cavarsela con cinque anni di galera. Per lui e il suo potere non sono nulla, anzi sono quasi un regalo. E questa situazione col disegno sul processo breve cambia, ma solo in peggio. Per i reati di mafia bisogna fare il contrario: creare un sistema piu' certo e piu' serio delle pene, tale da rendere non conveniente essere mafiosi. La pena deve essere comminata in dibattimento, senza possibilita' di abbreviazione del rito. Lo stato non puo' rinunciare a celebrare processi regolari contro chi si macchia di certi reati e, peggio ancora, inquina il suo stesso funzionamento. Non si tratta di giustizialismo, ma semplicemente dell'esigenza che una condanna equa scaturisca da un processo fatto come si deve. Questo governo agisce soprattutto a livello di ordine pubblico. In primo luogo con gli arresti, che divengono l'unica prova dell'efficacia della lotta alla mafia. Ma l'esecutivo non ha approntato strumenti per colpire il punto nevralgico delle organizzazioni criminali: la loro forza economica. Si' certo, i sequestri di beni ci sono, ma i sequestri dei beni materiali sono il risultato di imprese che invece ancora proliferano e di un sistema economico che non e' stato affatto aggredito. Sul piano legislativo sarebbe gravissimo reimmettere all'asta i beni dei mafiosi. Li acquisterebbero di nuovo. Lo scudo fiscale per le mafie e' un favore. E questa e' la valutazione di moltissimi investigatori antimafia. Bisogna fare invece altro. Intervenire sul piano legislativo altrove. Cominciare col mettere uno spartiacque tra i reati comuni e quelli della criminalita' organizzata. Ma bisogna anche smettere una volta per tutte di definire "diffamatori" coloro che accendono una luce sui fenomeni di mafia. Anche perche' - conclude Saviano su LA REPUBBLICA - non e' purtroppo con l'episodio di Reggio che si chiude una vicenda. Questo e' soltanto l'inizio".

Contenuto Redazionale AVVISO AI NOSTRI LETTORI

A causa del considerevole afflusso di domande in questi primi giorni dell'anno, invitiamo tutti i lettori che hanno delle domande in sospeso ad avere la pazienza di rintracciare le relative risposte pubblicate in area DISCUTI del sito.

Ci scusiamo per  il disguido ma stiamo provvedendo ad una ristrutturazione di sostanze.info proprio per ovviare a disguidi come questo, ampliando e rendendo più facilmente reperibili le risposte pubblicate nei COMMENTI RECENTI e in area DISCUTI.

Grazie e buon anno a tutti,

La Redazione

Giochi d'azzardo legali: nel 2009 53,4 miliardi, +12,3%

53,4 miliardi di euro e' quanto hanno raccolto giochi e scommesse legali durante il 2009. Agipronews, agenzia specializzata, sui dati Aams relativi ai primi 11 mesi ha fatto alcune proiezioni, con una crescita di 5,9 miliardi rispetto all'anno precedente, cioe' il 12,3% in piu'.

NOTIZIARIO ADUC

Contenuto Redazionale buon 2010 a tutti i nostri lettori!!

buon 2010 a tutti i nostri lettori!!

CyberSex Addiction: ChatSex Addiction e CyberPorn Addiction Analisi e valutazione preliminare del fenomeno

Con “nuove dipendenze” ci si riferisce a quei comportamenti messi in atto in maniera patologica e che, col tempo, innescano un meccanismo di dipendenza. Questo tipo di dipendenze, rispetto alle “vecchie”, che avevano come oggetto l’abuso di sostanze, possono essere legate all’abuso di comportamenti ritenuti in genere “normali”. Infatti, la difficoltà nel riconoscerle è racchiusa nella normalità di queste azioni! E’ difficile stabilire il confine tra normalità e patologia di un disturbo comportamentale: come si fa a stabilire chi usa troppo il computer, chi compie acquisti in maniera compulsava, chi gioca troppo d’azzardo, chi pensa e mette il atto il sesso in modo patologico ? In realtà, sono queste persone a riconoscersi per prima come disturbate dal loro comportamento, perché si rendono conto, gradualmente, di perdere il controllo della propria vita e di non riuscire più né a dominarla, né a controllare il loro comportamento.

Questo è ciò che avviene nelle vite dei CyberSex Addict, stretti in un vortice di dinamiche sessuali che (............)

l'articolo segue su

http://www.dipendenze.com/nuovedipendenze/sessovirtuale.asp

 

 

 

Repubblica Ceca: fissati i quantitativi minimi per gli stupefacenti

Nella repubblica ceca la depenalizzazione degli stupefacenti per uso personale non è più una novità già dalla fine degli anni Novanta ma si è dovuto aspettare fino allo scorso dicembre perché il governo facesse chiarezza sull’espressione “maggiori di modeste”, riferita alle quantità oltre le quali la detenzione diventa reato e, quindi, penalmente perseguibile. L’ambiguità di significato ha infatti lasciato spazio all’interpretazione dei giudici e a continue controversie tra questi e la polizia. A pacificarle, lo scorso primo gennaio è entrato in vigore l’emendamento al codice penale che, sulla base della giurisprudenza, fissa in modo inequivocabile le quantità ammesse: non più di un grammo e mezzo di eroina, un grammo di cocaina, due di metamfetamine. Tra gli altri, è stato fissato un limite anche per l’ecstasy, non più di quattro pasticche, e la cannabis, massimo 15 grammi; in alternativa, sul balcone non si potranno avere più di cinque piante di marijuana di cui è stata regolamentata la coltivazione insieme ad altre piante psicotrope. Il programma Espad (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs), di monitoraggio dell’uso di sostanze illecite tra i giovani secolarizzati, nella sua più recente indagine, condotta nel 2007 in 35 Paesi europei, colloca la repubblica ceca al primo posto per il consumo di cannabis. Su Internet qualcuno suggerisce già di aggirare il limite dei cinque arboscelli pro capite facendone diventare coltivatori amici e familiari.

http://www.poliziadistato.it/poliziamoderna/articolo.php?cod_art=1819

La terza industria del Paese

 

Il gioco d’azzardo è illegale. E comunque anche quello considerato 'non d’azzardo', attraverso il quale lo Stato percepisce entrate fiscali da capogiro, è un’indecenza. Con oltre 53 miliardi di euro di raccolta, questo business costituisce una percentuale vicina al 4% del Pil nazionale: rappresenta la terza industria del Paese. Le entrate dello Stato derivanti dalla raccolta sono lievitate dai 3,5 miliardi di euro del 2003 ai 7,7 miliardi del 2008, con un tasso di crescita complessivo del 121,1%. A giocare di più sono individui tra i 25 ed i 44 anni e oltre i 65, questi ultimi pensionati. In Italia il gioco d'azzardo si sta diffondendo e sta avendo un impatto fortemente negativo su numerose fasce sociali: da quella degli studenti, che compromettono la riuscita dei propri studi, ai pensionati che finiscono in mezzo ad una strada, alle unioni familiari distrutte per il 'vizietto' di mamma e papà. Il profilo è quello del sognatore con un reddito modesto che tenta la fortuna ma scivola poi nella nullatenenza. E' stato riconosciuto dal CNR e diversi studi che il gioco-scommesse è un’attività che crea dipendenza come le droghe, il fumo, l'alcol. Non voglio con questo precludere la libertà di un cittadino di poter scommettere o meno. Sto dicendo che al cittadino non può essere venduto il gioco come miraggio di vincite milionarie (in realtà dalle probabilità infinitesimali) e come alternativa ad una vita basata sul lavoro e sulle proprie capacità.

Le norme in materia di gioco e scommesse vanno equiparate a quelle sul fumo in termini pubblicitari, ossia ne dovrebbe essere proibita la promozione. I controlli sull’età di chi gioca devono essere stringenti per impedire a minorenni e persone senza un proprio reddito di accedervi. Le licenze e gli apparecchi installati nei punti di accesso al gioco, che con una normativa più permissiva dal 2003 hanno proliferato a dismisura, devono essere ridotti e la diffusione legata alla demografia. Lo Stato dovrebbe farsi promotore di campagne progresso contro il gioco-scommesse poiché può provocare danni alla salute e alla psiche dei cittadini favorendo, nella maggior parte dei casi, il dissesto economico individuale e familiare.

Qual è la differenza agli occhi dello Stato tra chi si gioca un appartamento a poker tra mura domestiche e chi spende la sua pensione euro su euro al SuperEnalotto? Il fatto che uno non ne versi una parte all’erario e l’altro si? E’ solo nell’erario? Ma perché non applicare allora lo schema “legalizziamo-incassiamo” anche per la prostituzione, riaprendo le case chiuse, oppure anche per le droghe? Evidentemente dietro al gioco-scommessa ci sono dei valori sociali che ora mi sfuggono: ma quali? I governi non possono anteporre gli interessi economici a quelli dei cittadini, così come hanno dimostrato con la progressiva legalizzazione delle scommesse adducendo come alibi la necessità di sottrarne semplicemente il controllo alla criminalità organizzata. Non è il controllo economico il driver delle decisioni dello Stato ma la tutela della comunità e della sua salute. Se da una parte si normano gli aspetti fiscali, dall’altra bisogna curarsi anche di eventuali effetti sociali.

 

http://www.youtube.com/watch?v=8nbzTAmKWPI

 

SULLA DROGA E' L'ORA DI CAMBIARE

di Fabrizio Faggiano, docente di Igiene all'Università del Piemonte Orientale A. Avogadro di Novara. E' responsabile scientifico dell'Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze ­ OED Piemonte. E' membro editoriale del Cochrane Drugs and Alcohol Review Group.

L'Italia è ai primi posti in Europa per consumo di cannabis, cocaina ed eroina. Eppure le politiche sulla tossicodipendenza del nostro paese continuano a essere improntate al proibizionismo. Ma è un modo di affrontare il problema che a livello internazionale è stato abbandonato proprio perché non ha dato grandi risultati. Tanto che l'Osservatorio europeo sulle droghe auspica ora l'adozione di interventi rivolti alla prevenzione e alla riduzione del danno. Raccomandazioni che il nostro paese è ben lontano dall'ascoltare.

La Relazione annuale dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, da poco pubblicata, delinea il radicale ripensamento delle politiche sulle droghe, dopo le scelte proibizionistiche degli ultimi quindici anni che hanno prodotto scarsi risultati. (1) L’Italia ha ancora molto da lavorare per aderire a queste raccomandazioni.

L’ITALIA E IL CONSUMO DI DROGHE

L’Italia è ai primi posti in Europa per consumo di cannabis, dopo Spagna, Repubblica Ceca e Francia: ne fanno uso l’11,5 per cento dei giovani (vedi tabella). I consumatori di cocaina sono invece l’1,2 per cento e gli eroinomani lo 0,6 per cento, ma anche per queste sostanze il nostro paese è fra quelli con i più alti consumi. Sempre più frequente, poi, il policonsumo e in particolare l’associazione di alcol e droghe: è un fenomeno rilevato da numerosi sistemi di sorveglianza che registrano un aumento, per l’alcol, del consumo a rischio fra i giovani, cioè fuori pasto e con episodi di ubriachezza.Il consumo di cannabis nel nostro paese è non solo elevato, ma anche in aumento, in controtendenza rispetto all’Europa dove ormai da qualche anno si registra una riduzione. Le altre droghe mostrano un andamento stabile, analogamente a quanto osservato nel resto d’Europa. Stabile anche il consumo di cocaina, che invece spesso si ipotizza sia in crescita ed è presentato dai media come un fenomeno diffuso e socialmente non condannato.

MORTALITÀ CORRELATA ALLA DROGA

Il quadro degli effetti sulla salute è sorprendentemente meno grave che in altri paesi, e in particolare lo è quello della mortalità correlata alla droga, dovuta soprattutto a eroina e a cocaina. Il tasso annuale di decessi per droga è intorno a 15 per milione in Italia, mentre più della metà dei paesi europei registrano tassi superiori a 20 per milione e in tre paesi è persino sopra i 70 per milione.Come spiegare la discrepanza fra prevalenza e rischio di morte? La risposta è che a determinare il rischio di morte per droga concorrono altri fattori oltre all’incidenza del consumo. Ha un ruolo rilevante il sistema dei servizi perché influisce sul grado di protezione della popolazione di utilizzatori, e l’Italia è considerata un paese con pieno accesso a tutte le principali strategie terapeutiche, quelle psicosociali e sostitutive in particolare. Ma va considerata anche la struttura del mercato illegale che determina la variabilità della purezza della sostanza al dettaglio, causa principale della overdose, e il mercato italiano viene considerato stabile. Infine, non si può escludere una scarsa accuratezza dei dati perché la qualità delle statistiche è decisamente migliorabile. In ogni caso, si tratta di un argomento che meriterebbe di essere approfondito.

IL CAMBIAMENTO DELLE POLITICHE

Intanto, le politiche sembrano avviarsi verso una nuova fase: il documento europeo prende atto del cambiamento in corso a livello internazionale sancito dalla valutazione negativa che lo United Nations Office on Drugs and Crime (Unodc) ha dato delle politiche fortemente proibizionistiche ereditate dagli anni Novanta, e auspica una nuova politica “in cui la riduzione della domandaacquisisca un’importanza maggiore” e in cui “la riduzione del dannosia inclusa a tutti gli effetti”.In Italia c’è molto da fare per aderire a queste raccomandazioni: la riduzione della domanda soffre di molti limiti. In particolare, la prevenzione è ancora considerata una specie di pratica taumaturgica, diffusa virtualmente in tutte le scuole, ma con interventi che sono in gran parte lezioni di una mattinata, meramente informativi sulle droghe e i relativi danni: cioè proprio quegli interventi che il documento europeo esplicitamente stigmatizza. Eppure, la comunità scientifica ha dimostrato l’efficacia di numerosi interventi, scolastici, famigliari e ambientali, a partire ad esempio da regolamenti scolastici che impegnano i docenti ad atteggiamenti ritenuti preventivi.Gli interventi di riduzione del danno, come la distribuzione di siringhe e preservativi, di Narcan per l’overdose da eroina, di metadone a bassa soglia, poi, sono svolti in modo sporadico da enti pubblici e privati su base quasi volontaristica, e a malapena sono stati fino ad ora tollerati dai ministeri competenti. Si tratta di interventi pragmatici, mirati alla salvaguardia della salute, e sono un obiettivo fissato dalla EU Drugs Strategy 2005-2012. (2)Gli interventi di prevenzione e di riduzione del danno sono tecnologie sanitarie in senso proprio: possono avere effetti positivi, ma anche effetti collaterali a volte inaccettabili (si pensi a un intervento di prevenzione che aumenta l’uso di sostanze). È dunque auspicabile che si intraprenda formalmente un percorso che permetta di identificare le pratiche che hanno dimostrato una maggiore efficacia, attraverso valutazioni scientifiche rigorose. Servono poi finanziamenti adeguati per diffondere quelle pratiche, e un’organizzazione che assicuri la qualità e l’omogeneità sul territorio nazionale degli interventi. Percorso che è ancora ben lungi dall’essere stato scelto dall’Italia.

(1) www.emcdda.europa.eu(2) www.emcdda.europa.eu/html.cfm/index6790EN.html

 

http://www.lavoce.info/lavocepuntoinfo/autori/pagina1101.html

 

 

LE FANTASIE SESSUALI E L’ADDICTION

Simona Zanda(psiconautica) - L’ecstasy è capace di indurre potenti sensazioni di empatia e di contatto interpersonale e all’epoca in cui venne dichiarata illegale (1985), si era già saldamente installata nella cultura dei gay club di New York. Tra le motivazioni che spingono all’assunzione di questa e di altre sostanze all’interno delle discoteche e nei Rave party, vi è il superamento delle inibizioni sessuali. L’uso di sostanze di apertura verso l’inconscio (entactogene) e verso gli altri (empatogene) è tipica dei rituali dove la musica agisce da promotore per stati modificati di coscienza. Se si considerano attentamente gli effetti neuro-psichici delle sostanze psicoattive, si può osservare come buona parte di essi rientrino proprio nell’ambito degli Stati Modificati di Coscienza (SMC): alterazione della percezione del tempo, dispercezioni visive, aumento della coscienza delle emozioni, alterazioni nelle percezioni dei rapporti spaziali, perdita del limite tra sé e gli altri,modificazione del pensiero con spostamento dell’attenzione verso l’interno e l’inconscio. Il legame fra musica, capacità di indurre stati modificati di coscienza e assunzione di sostanze psicoattive è molto stretto e può portare a considerare i rave party e le discoteche come vere e proprie officine della dissociazione. Gli stati di “trance” vengono favoriti da induttori come la musica, l’assunzione di droghe e il ballo e producono una molteplicità di Io. Se il presupposto ora definito è plausibile, possiamo sostenere che in alcuni casi la dissociazione può essere utilizzata per celare tratti di identità sessuale gay, troppo angoscianti per essere dichiarati sia pubblicamente sia a sé stessi a causa dell’omofobia internalizzata. Molti uomini gay, a causa dello stigma sociale che li accompagna, hanno avuto ripetute esperienze di eventi traumatici, il cui ricordo, ha generato, una tendenza a rimuovere, in quanto legato a sensazioni di vergogna e angoscia, i vissuti legati alla propria identità sessuale, producendo così un evidente rinforzo delle attività dissociative. In questa cornice la ricerca di uno stato “altro” sembra dunque favorire la possibilità di espressione di un sé decentrato e multiplo che altrimenti non sarebbero accettabili all’individuo. A questo punto l’uso di droghe diventa una risorsa per intrattenere particolari fantasie a sfondo omosessuale o transessuale, che altrimenti risulterebbero terrificanti per il soggetto stesso. Il setting adeguato per la messa in atto di tali fantasie è proprio la discoteca, cioè un ambiente trasgressivo per eccellenza, dove si ha la possibilità di giocare una nuova identità. L’uso di droghe aggressive è associato con fantasie di odio e violenza, oltre che a forme di sessualità illecita. E’ da sottolineare che nell’esperienza clinica alcune forme e tipi di omosessualità sono strettamente associate all’addiction da droghe. Le persone che sono addicted alle droghe, sono soprattutto addicted alle fantasie e alle compulsioni ad esse associate e facilitate dall’uso di droghe. Tramite l’uso di droghe l’addicted riesce ad evitare le ansie associate a queste fantasie e compulsioni che sono basate sul concetto di un “desiderio temuto. Le fantasie caratterizzate da temi omosessuali risultano particolarmente spaventose, e sono associate a sentimenti di vergogna e di colpa. Il terrore di essere omosessuali deve essere compreso non solo in termini di ansie risvegliate da specifici atti sessuali (come nel caso della sodomia, in quanto forma di sottomissione e di costrizione che può portare alla perdita dell’identità sessuale), ma anche dalle ansie risvegliate dalla violazione delle norme prevalenti sull’orientamento e il comportamento sessuale, e l’identità di genere in generale (per esempio, l’omosessualità causa vergogna, abbassando quindi l’autostima). Il terrore di essere omosessuale ha origine precocemente nello sviluppo di una persona, probabilmente quando sono compiuti degli sforzi per integrare l’identità di genere, sessuale e l’identità in generale. Lo spostamento dall’omosessualità latente a quella manifesta può svilupparsi anche in forma solo di fantasia, senza ricorre ad azioni particolari, ma risulta essere sempre associato con il terrore di essere omosessuale, oltre che all’ansia secondaria che deriva dalla paura di violare le norme e i valori prevalenti. Come esistono svariate forme di omosessualità, esistono anche molteplici forme di fantasie associate all’omosessualità. Le droghe che possiedono delle specifiche proprietà farmacologiche facilitano la produzione, lo sviluppo, il sostenimento e il controllo di specifiche fantasie. Gli addicted divengono presto abili ad usare droghe particolari in modi particolari per indurre, sostenere e controllare tali fantasie; quanto detto è uno dei motivi per cui queste persone scelgono una droga piuttosto che un’altra, o perché cambiano sostanza a seconda delle alterazioni del loro stato d’animo. Gli uppers (droghe dette “aggressive” come la cocaina, ecstasy, ecc.) tendono a produrre fantasie con temi e immagini violenti e paranoici, causando la ricerca difensiva di temi e immagini di tipo sessuale. La vita di fantasia di un addicted da droghe aggressive è caratterizzata da scene molto elaborate di pratiche omosessuali sadomasochiste, ed essi usano le droghe per regolarle in modo tale che possano sia averle, che non averle,nel senso che tendono a controllare le scene, e in modo particolare nelle loro conclusioni. In ogni modo, gli addicted alla cocaina soffrono di ansie derivate da scenari paranoici di base, oltre che a quelli omosessuali difensivi. Diversamente, la fantasia di un addicted all’eroina (downers o droghe regressive) è caratterizzata dalla fantasia inconscia di essere una donna. Durante l’analisi, gli addicted all’eroina divengono più coscienti delle loro fantasie, tanto che possono cominciare a parlarne. Può anche capitare che durante fasi di profonda regressione, gli addicted da droghe aggressive tendano a sostituirla con l’eroina e nelle loro fantasie, questa viene associata con spostamenti a forme di omosessualità più paranoiche, e le perversioni a forme narcisistiche più transessuali. L’addicted da uppers ha bisogno di nutrire le sue fantasie omosessuali paranoiche come difese contro le sue ansie depressive, e di tentare a proteggersi contro l’odio e la violenza. Il suo pattern è associato ad un elemento di “pro-attività”, tipico della sua concezione della mascolinità, mentre l’addicted da eroina è associato con la “passività”, tipico della concezione di femminilità. Questi pattern possono considerati validi sia che si parli di addicted di genere maschile o femminile. Si può dire che l’addicted usa particolari tipi di droghe per facilitare la produzione di fantasie e di perversioni dalle caratteristiche omosessuali. Quindi non si tratta solo di usare una droga per erigere una difesa maniacale. Questo è semmai un tentativo da parte degli addicted di attribuire la responsabilità di tali fantasie ad una droga. Tutto ciò li rende capaci simultaneamente di provare sollievo derivato dalla riduzione delle ansie sottostanti e di provare piacere dalle fantasie stesse, e di evitare, se non ridurre, i sentimenti di terrore, vergogna e colpa associati. Sembra comunque che le perversioni e la creatività siano strettamente correlate. E’ possibile intendere certi pattern di azioni ripetitive nei termini di una compulsione a mettere in scena fantasie e ricordi delle quali le persone sono inconsce. Tali pattern possono comportare tentativi di cercare il coinvolgimento e/o la partecipazione di altre persone alle loro messe in scena . Le motivazioni per mettere in scena le compulsioni delle fantasie inconsce sono i desideri di comunicare, espellere ed evacuare le ansie, e di controllare gli oggetti interni ed esterni. Queste messe in scena sono create per evitare o prevenire che la piena e cosciente esperienza emotiva venga associata alle fantasie sottostanti. L’uso di droghe comporta messe in scena di fantasie compulsive, fino a diventare parte dell’addiction stessa. Le fantasie e gli impulsi omosessuali inconsci sono i principali temi delle azioni riguardanti l’uso di droghe.BibliografiaAbraham, K. (1926). The psychological relations between sexuality and alcoholism. International Journal of Psychoanalysis, 7: 2-10.Abraham, K. (1907). The experiencing of sexual traumas as a form of sexual activity. In: Selected Papers. London: Hogarth Press, 1927, pp. 47-63.Benedek, T. (1936). Dominant ideas and their relation to morbid cravings. International Journal of Psychoanalysis, 17: 40-56.Berthelsdorf , S. (1976). Survey of the successful analysis of a young man addicted to heroin. Psychoanalysis Study Child. 31: 165-191.Blaine, J. e Julius, D. (1977). (EDS). Psychodynamics of Drug Dependence. NIDA Research Monograph 12, US, Dept of Health, Education and Welfare Politic Health Services US Government Printing Office, Washington DC.Blatt, S. J. et al. (1984b). Psychodynamic theories of opiate addiction: new direction for research. Clinical Psychological Rev., 4 : 159-189.Blatt, S. J. et al. (1984b). The psychoanalysis of opiate addiction. Journal of Nervous and Mental Disorder, 172: 342-352.Burgner, M. (1994). Working with the HIV patient: a psychoanalytic approach. Psychoanalysis and Psychotherapy, 8: 201-213.De Zulueta, F. (1993). From Pain to Violence: The Traumatic Roots of Destructiveness. London: Whurr.Drescher, J. (1988). Psychoanalythic Therapy & Gay Man, The Analythic Press, Hillsdale, NJ.Duster, T. (1970). The Legislation of Morality: Low, Drugs and Moral Judgment. London: Collier Macmillan.Edgcunbe, R. e Burgner, R. (1975). The phallic-narcissistic phase: The differentiation between pre-oedipal and oedipal aspects of development. Psychoanalysis Study Child., 30: 161-180.Edwards, G. et al. (1987). Drug Scenes: A Report on Drugs and Drug Dependence by the Royal College of Psychiatrist. London: Gaskell.Evans, K. e Sullivan, J. M. (1995). Treating Addicted Survivors of Trauma. New York: Guilford Press.Fenichel, O. (1945). Drug addiction. In The Psychoanalytic Theory of Neurosis. New York: Norton, pp. 377-379.Freud, S. (1928). Dostoevsky and parricide. S. E. 21.Freud, S. (1932). New Introductory Lecture on Psychoanalysis. S. E. 22.Freud, S. (1985). The Complete Letters of Sigmund Freud to Wilhelm Fliess, 1887-1904, ed. J. M. Masson. Cambridge, MA: Belknap Press.Gaddini, E. (1992). A Psychoanalytic Theory of Infantile Experience, ed. A. Limentani, London: Routledge.Glasser, M. (1979). Some aspects of the role of aggression in the perversions. In Sexual Deviations, ed. I. Rosen. Oxford University Press, pp. 278-305.Glover, E. (1932a). Common problems in the psychoanalysis and anthropology: drug ritual and addiction. British Journal Medical and Psychological, 12: 109-131.Glover, E. (1932b). On the aetiology of drug addiction. International Journal of Psychoanalysis, 13: 298-328.Hartmann, H. (1925). Kokainismus und homosexualitat. Zeitschrift fur Psychiatrie und Neurologie, 95: 79-94.Hopper, E. (1981).Form of instrumental adjustment. In Social Mobility: A Study on Social Control and Instability. Oxford: Blakwell, pp. 225-241.Hopper, E. (1991). Encapsulation as a defence against the fear of annihilation. International Journal of Psychoanalysis, 72: 607-624.Hopper, E. (1995). A psychoanalytical theory of drug addiction. International Journal of Psychoanalysis, 76: 1121-1142.Hopper, E. (1996). The social unconscious in clinical work. International Journal of Psychoanalysis, 79: 456-475.Hyatt-Williams, A. (1994). Manoscritto non pubblicato..Jacobson, B. et al. (1987). Perinatal origin of adult self-destructive behavior. Acta Psychiat. Scandinavica, 76: 364-371.Krystal, H. (1966). Withdrawal from drugs. Psychosomatics, 7: 299-302.Laufer, E. (1981). Female masturbation and development of the relationship to the body. Non pubblicato.Laufer, E. (1976). The central masturbation fantasy fhe final sexual organization, and adolescence. Psychoanalytic Study Child, 31: 297-396.Limentani, A. (1966). A revaluation of acting out in relation to working through. International Journal of Psychoanalysis, In Between Freud and Klein. London: Free Association Books.Limentani, A. (1973). Psicoanalisi e dipendenza dalla droga nei giovani. Enciclopedia. Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana: pp. 403-416.Limentani, A. (1979). Toward a unified conceptions of the origins of sexual and social deviancy in young persons. International Journal of Psychoanalysis and Psychotherapy, 10: 383-401.Limentani, A. (1986). On the psychodynamics of drug dependence. 5: 48-65. In Between Freud and Klein. London: Free Association Books.Limentani, A. (1989). Clinical types of homosexuality. In Between Freu and Klein. London: Free Association Books.Mechanic, D. (1962). Students Under Stress. New York: The Free Press.Meyer, R. E. (Ed.) (1986). Psychopathology and Addictive Disorders. New York: Guilford Press.Moreau de Tours, G. (1997). L’Haschis, Sensibili alle Foglie, Roma.Morgenthaler, F. (1982). L’omosessualità, Psicoterapia e Scienza umana,1, pp.3-37.Morgenthaler, F. (1984). Sessualità e Psicoanalisi, Psicoterapia e Scienze Umane, 2, pp.3-28.Montecchi, L. Officina della Dissociazione-Transiti Metropolitani, Bologna. Pitagora EditriceNagera, H. (1971). Comments. In Review of psychoanalytical theory in light of current research in child development. P. Wolff, Reporter. American Journal of Psychoanalysis and Assessment, 19, 565-577.Ovesey, L. (1969). Homosexuality and Pseudo-homosexuality. New York: Science House.Parin, P. (1985). “The Mark of Oppression”. Psicoterapia e Scienza Umana, 4, 1985.Radford, P. et al. (1972). A study of “mind line” heroin addiction: a preliminary report. Psychoanalysis Study Child, 27: 156-180.Rado, S. (1926). The psychic effects of intoxicant. International Journal of Psychoanalysis. 7: 396-413.Rodriguez de la Sierra, L. (1994). Manoscritto non pubblicato.Rosenfeld, H. (1949). Remarks on the relation on male homosexuality to paranoia, paranoid anxiety and narcissism. International Journal of Psychoanalysis, 30: 36-47.Rosenfeld, H. (1960). On drug addiction. International Journal of Psychoanalysis. 41: 467-475.Rosse, R. et al. (1994). The relationship between cocaine induced paranoia and compulsive foraging: a preliminary report. Addiction, 89: 1097-1104.Salk, L. et al. (1985). Relationship of maternal and perinatal conditions to eventual adolescent suicide. The Lancet. 16: 624-627.Segal, H. (1957). Notes on symbol formation. International Journal of Psychoanalysis, 38: 391-397.Segal, H. (1983). The function of dreams. In Dare I Disturb the Universe? Ed. James Grotstein. London: Karnac, pp. 579-587.Socarides, C. W. (1988).The Pre-Oedipal Origin and Psychoanalytic Theory of Sexual Perversions. Madison, CT:Int.Univ. Press.Tustin, F. (1991). Revised understanding of psychogenic autism. International Journal of Psychoanalysis, 72: 585-591.Winnicott, D. (1965). The Maturational Processes and the Facilitating Environment. New York: Int. Univ. Press.World Health Organization (1992). Classification of mental and behavioural disorders: Clinical descriptions and diagnostic guidelines. World Health Organization.Wurmser, L. (1981). The Hidden Dimension: Psychodynamics of Compulsive Drug Use. New York: Jason Aronson.Wurmser, L. (1987). Fights from conscience: Experiences with the psychoanalytic treatment of compulsive drug abusers. Journal of Substance Abuse Treatment, 4: 169-179.Yorke, C. (1970). A critical review of some psychoanalytical literature on drug addiction. British Journal of Medicine and Psychology, 43: 141-159.Zanda, S. (2004). Identità Sessuale, Abuso e Dipendenza da Sostanze Stupefacenti. Tesi di laurea. Urbino.Zinberg, N. (1975). Addiction and ego function. Psychoanalytical Study Child, 30: 567-588http://www.psicoterapie.org/291.htm

Poker, scommesse, lotterie l'industria del Gioco ha fatto boom

di FABIO FELICI, repubblica.it

 

<b>Poker, scommesse, lotterie<br/>l'industria del Gioco ha fatto boom</b>

Oltre 53 miliardi di euro di raccolta ed un incremento del +12,5% rispetto all'anno precedente. Sono questi gli straordinari "numeri" registrati dal comparto dei giochi in Italia nel 2009. Quello che sta per concludersi sarà insomma un nuovo anno da record per il settore del gambling italiano, mercato che ha praticamente raddoppiato il proprio valore in appena 5 anni. Nel 2009 l'offerta di gioco in Italia ha avuto un forte impulso sia dal punto di vista della quantità dei giochi praticabili sia come impatto economico coinvolgendo, in modo sporadico o più continuativo, circa 30 milioni di persone. A fine anno avremo speso quasi 900 euro a testa per dare la caccia alla dea bendata, dato che ci pone fra i primi 5 paesi al mondo per spesa pro capite per il gioco. Insomma il 2009 è stato un anno d'oro per il comparto dei giochi pubblici, ma quali sono i concorsi preferiti dagli italiani? A farla da padrone - secondo i dati elaborati dall'agenzia specializzata Agicos - sono gli apparecchi da intrattenimento (le cosiddette newslot che troviamo sempre più spesso nei bar ed in vari esercizi pubblici) che quest'anno faranno segnare incassi per oltre 24.8 miliardi. Al secondo posto lotterie e gratta e vinci che raccoglieranno oltre 9,3 miliardi, mentre il terzo gradino del podio spetta al Lotto con quasi 6 miliardi. Anche i giochi a base sportiva registrano risultati più che soddisfacenti, con una raccolta che va oltre i 4.1 miliardi di euro (gran merito va dato alle scommesse sportive, mentre il Totocalcio è ormai in crisi profonda). Ai giochi numerici, tra i quali Superenalotto e Win for Life i due concorsi più praticati in questa seconda parte dell'anno, spetta una raccolta di oltre 3,7 miliardi. Per il poker on line "a soldi", grande protagonista del 2009 ed attualmente il gioco più praticato in assoluto su internet, l'ammontare è di circa 2,2 miliardi. Risultati invece poco soddisfacenti per i giochi a base ippica (poco oltre i 2 miliardi) e del Bingo (quasi 1,5 miliardi). Sempre secondo le stime elaborate da Agicos, la raccolta dei principali giochi continuerà a crescere anche nel 2010. L'incremento più interessante dovrebbe venire dal poker su internet, che nel 2010 dovrebbero superare agevolmente i 3 miliardi di raccolta, ma anche per scommesse, lotterie, bingo e giochi numerici dovrebbe proseguire la tendenza al miglioramento. Non mancano le incognite, rappresentate ancora dall'ippica (nel 2010 è previsto ancora un ulteriore calo della raccolta) e dagli apparecchi da intrattenimento, sul quale pesa il rischio "cannibalizzazione" proveniente dalle nuove VLT (le videolottery, la cui partenza dovrebbe avvenire nella prossima primavera, sulle quali si potranno praticare molti giochi e metteranno a disposizione degli utenti jackpot accattivanti). Scendendo sul territorio, è la Lombardia la regione dove si è giocato di più (10,6 miliardi di euro), seguita da Lazio (6,3) e Campania (5,2). Nelle 3 regioni è quindi passato oltre il 40% dell'intero volume delle giocate effettuate nel nostro paese nel 2009. Ma la graduatoria cambia mettendo a confronto i dati di quest'anno con i 12 mesi precedenti. La crescita maggiore (+17,2%) si è infatti avuta nel Lazio, seguito da Sardegna (+14,7) ed Abruzzo (+14,2%).

(Agicos)

 

Contenuto Redazionale AUGURI da LA REDAZIONE

AUGURI da LA REDAZIONE

Contenuto Redazionale riceviamo e volentieri sottoscriviamo: IN DIFESA DI FACEBOOK (e di noi tutti)

Facebook è da poco divenuto il primo social network al mondo. Viene utilizzato da circa 350 milioni di iscritti, poco meno dell’intera popolazione europea e più di quella degli Stati Uniti. E’ una sorta di mondo paralello dove ogni giorno si intrecciano milioni di messaggi, milioni di nuovi gruppi nascono e altrettanti ne muoiono.
Sebbene virtuale, Facebook è talmente vasto da vivere di vita propria, tanto che il suo stesso inventore, Mark Zuckerberg ammette di non comprenderne appieno l’evoluzione e il suo staff è continuamente mobilitato allo scopo di interpretare e correggere fenomeni indesiderati.
Essendo un mondo grande e complesso come un continente e affollato da centinaia di milioni di esseri umani, Facebook riproduce ogni aspetto della realtà, il bene e il male, l’odio e l’amore, la generosità e l’egoismo, la legalità e il crimine.
Tanto per dirne una i tribunali australiani hanno cominciato a ritenere Facebook uno strumento adeguato per le notifiche alle parti in causa. Se si viene convocati in aula da un messaggio via Facebook si è obbligati a comparire. D’altro canto Facebook è stato bandito in molti uffici pubblici americani come fonte di distrazione durante l’orario di lavoro.
E’ un fatto recente di cronaca italiana quello di una ragazza stuprata al rientro da una festa a Bollate, che identifica e fa arrestare il colpevole grazie al suo profilo su Facebook. D’altro canto sono ormai migliaia i divorzi dovuti a litigi esplosi tra mariti e moglie a causa delle amicizie e dei messaggi sul social network.
Facebook è divenuto da tempo uno degli strumenti principali per la raccolta di fondi per cause umanitarie o benefiche: dalla raccolta di sangue per un’operazione urgente fino a imponenti progetti di aiuto per il Darfur o per le vittime dell’uragano Katrina. Poi, come nel mondo reale, su Facebook ci sono i gruppi che negano l’Olocausto, i gruppi filo-nazisti o quelli a favore della discriminazione razziale.
La scorsa settimana l’Fbi americana è stata messa in allarme per la diffusione di un sondaggio su Facebook che chiedeva: “Bisogna uccidere Obama?”. Non erano poche le risposte del tipo: “Sì, se tocca la mia assicurazione sanitaria”. Gli investigatori Usa hanno preso sul serio la minaccia, hanno rapidamente rintracciato l’autore del sondaggio e oltre ai provvedimenti di legge ne hanno chiesto il bando perenne dal Facebook ai responsabili del sito.
Nessuno ha però pensato a restrizioni generalizzate, nessuno ha accusato Facebook di essere la causa di quella campagna di odio e neppure di essere responsabile di “aggregare” i violenti. Nelle democrazie che funzionano si agisce rapidamente sui responsabili non si fanno generalizzazioni colpevoliste.
Gli unici paesi dove fino ad oggi Facebook è stato bloccato – e ad intermittenza – sono il Vietnam, la Siria, la Cina e l’Iran perché Facebook si era rivelato uno strumento di democrazia e di conoscenza, un pericolo per le dittature.  I violenti e gli istigatori d’odio vanno tenuti sotto controllo e puniti ogni volta che commettono un reato ma è sbagliato credere che una tecnologia come quella di Facebook li favorisca o li potenzi. Puo’ accadere, come può accadere il contrario. Così come un telefono cellulare può salvare una vita in condizioni di emergenza o può servire ad innescare una bomba a distanza per un attentato. A nessuno verrebbe in mente per questo di vietare l’uso dei cellulari.
Violenti, criminali e terroristi sono sempre esistiti e hanno sempre trovato modi di “aggregarsi” e organizzarsi adeguati ai loro tempi, negli anni 70 come oggi, in Italia come ovunque.  Ma non si contribuisce a un mondo migliore e meno violento se si colpevolizzano e si restringono gli spazi di libertà.
 
 
 

 

Condividi contenuti