Back to top

l'astinenza da alcol con che sintomi si presenta? grazie

Risposta 

L’astinenza da alcool può assumere delle caratteristiche molto gravi, più gravi di quelle dell’astinenza da oppiacei.
I sintomi principali sono il sudore, l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, il tremore, l’agitazione, le contratture muscolari, i dolori diffusi, una eccitazione psico-motoria che può arrivare fino al terribile quadro del cosiddetto “delirium tremens”. Lo stato di eccitazione del sistema nervoso centrale può portare chi viene colpito fino a vere e proprie crisi epilettiche con pericolo di morte, questo rischio è assente nella crisi d’astinenza da oppiacei. Il pericolo di morte in caso di uso di oppiacei è invece presente in maniera importante a causa della sindrome da sovradosaggio (overdose): anche per il consumo di alcolici sussiste, ma è difficile che si verifichi in quanto la persona beve l’alcool a poco a poco e spesso si ferma prima di aver raggiunto una dose mortale per la comparsa di una forte ubriacatura, questo non significa però che non possa succedere.
Ma torniamo al tema della domanda, la sindrome d’astinenza da alcool. Gli aspetti sono quelli che abbiamo scritto, si deve però tenere presente che non tutti i casi hanno delle caratteristiche così “dirompenti”: questo succede soltanto nei casi più gravi, quando, cioè, la tolleranza all’alcool è molto forte e avviene una brusca sospensione dell’assunzione della sostanza. Questo tipicamente può avvenire in seguito a situazioni particolari in cui l’alcolista perde le sue capacità di scelta (carcerazioni, ricoveri ospedalieri, incidenti con perdita temporanea della coscienza) e si verifica quindi la comparsa dei sintomi da astinenza. Nella maggior parte dei casi i sintomi astinenziali si limitano a sudore, tachicardia e ipertensione, tremori, insonnia, agitazione. La situazione però può progressivamente peggiorare e quindi è meglio rivolgersi al medico.
La sindrome d’astinenza alcolica può essere curata con farmaci di vario genere a seconda dei casi e della gravità.

Aggiungi un nuovo commento