Back to top

Novità psicofarmaci

dipendenza cannabis,risposta al dott.Scelfo

non è la prima volta che lo faccio...purtroppo no...sono farmaci che mi sono stati prescritti per curare una depressione insieme ad altri,quando raggiungo momenti di disperazione ne ingerisco a grandi quantità...sono dipendente dalla cannabis da quattro anni,so che può sembrare una scemenza ,ma non lo è,ogni volta che smetto sento un grandissimo vuoto dentro di me...e non riesco a stare meglio,piango,litigo,mi dispero...la cannabis mi ha cambiata,mi ha rovinata socialmente e nello studio,non sono più brillante come una volta,sono a pezzi,questa depressione non passa più,a volte penso di far

Funghi psichedelici contro la depressione

Il New York Times parla della speriementazione con i funghi psichedelici del tipo psilocybe: già testati con risultati considerevoli nella terapia contro la cefalea e grappolo e come "cura psicologica" dall'alcolismo e dal tabagismo, mostrerebbero importanti effetti anche contro la depressione, senza la dipendenza e la tossicità di molti psicofarmaci attualmente legali e in uso.

A differenza degli altri paesi scandinavi, la Svezia ha una legislazione ultraproibizionista. Un uomo che aveva cominciato a disintossicarsi dagli psicofarmaci grazie alla cannabis, e che dopo l'arresto è stato costretto a tornare alla dipendenza, si sta battendo per la legalizzazione dell'uso terapeutico di canapa.

Più psicofarmaci, meno crimini

Coloro che prendono antipsicotici nell’ambito di un programma terapeutico hanno meno probabilità di commettere atti violenti e reati. È ciò che sottolineano i ricercatori in un articolo pubblicato su The Lancet, che hanno analizzato i dati di circa 80.000 pazienti svedesi sottoposti a terapie farmacologiche a base di antipsicotici e stabilizzatori dell’umore. Rispetto ai periodi in cui la terapia veniva sospesa, il tasso di criminalità si riduceva del 45% con l’assunzione di antipsicotici e del 24% con la somministrazione degli stabilizzatori.

VORREI ESSERE FELICE. SUBITO

Gli antidepressivi? Prescritti a tutti. Non sempre efficaci. Caricati di troppe aspettative di Elisabetta Muritti DRepubblica

Circa il 10% della popolazione mondiale soffre di depressione. In Europa il malessere cresce del 20% all'anno Quante volte è definita depressiva una situazione che in realtà  è un'altra patologia. L'intervallo tra la prima assunzione del farmaco e l'inizio dei suoi effetti rappresenta il momento più difficile della cura, un intervallo in cui non si sa come intervenire.