Back to top

Più votate alcol

ALCOL: A RISCHIO 1,5 MLN GIOVANI TRA 11 E 24 ANNI

(AGI) – Roma, 3 ott. – Ragazzi che alzano il gomito fino a diventare soggetti a rischio. Sono un milione e mezzo, in Italia e tra i piu’ sinceri che dichiarano di ubriacarsi con una certa frequenza, il 42% sono minorenni; il 28% ragazze. Emerge nel corso del talk show ‘Alcol e fumo… lontano dai giovani’ che questo pomeriggio a Roma, all’interno de ‘La 3 giorni per la salute’, ha fatto incontrare personaggi dello sport, dello spettacolo ed esperti.

Spagna. Le sbornie estreme degli adolescenti

Meno polvere bianca, piu' sbornie. Cala  l'uso di cocaina tra gli adolescenti spagnoli, in compenso sale l'abuso d'alcol. Non che aumenti tanto il numero di chi beve, piuttosto chi beve lo fa in modo eccessivo fino a ubriacarsi. Un ragazzo su tre dai 14 ai 18 anni ammette d'essersi ubriacato nel mese precedente la Encuesta estatal sobre uso de drogas en ensenanzas secundarias. In quanto alla cannabis, sebbene sia la sostanza illegale piu' usata, il consumo rimane stabile. Segue la cocaina, con il 5,1% (nel 2006 era il 5,6%).

“ALLA CATTOLICA SEMINARIO SUL CAPITALE SOCIALE”

Venerdì 2 marzo 2012 a partire dalle ore 14,30 presso l'Università Cattolica di Milano si terrà il seminario "Il Capitale Sociale nei Club Alcologici Territoriali ", in cui sarà presentato e discusso il lavoro di ricerca sul tema, svolto dall'èquipe della facoltà di Sociologia della medesima Università coordinata da Fabio Folgheraiter in collaborazione con l'AICAT.

ALCOLISMO: SCOPERTI NUOVI TIPI DI RECETTORI

CeSDA - La difficoltà riscontrata nel recupero dall’alcolismo in alcuni soggetti, sembrerebbe essere legata alla presenza di una maggiore espressione di una particolare variante genetica del recettore D2 del sistema neurotrasmettitoriale dopaminergico da anni considerato dalla comunità scientifica responsabile delle sensazioni di piacere e benessere.

La Repubblica -  ROMA -A fine pasto, con il conto anche l' alcol-test. Una richiesta che potremmo sentire ripetere agli avventori di ristoranti, trattorie e osterie e bar, a chi si ferma davanti a un chiosco o un baracchino. Ai clienti di enoteche, alberghi e agriturismi, a quelli che vanno a una fiera o una sagra paesana. Un servizio in più e una "strada" per educare al bere in modo responsabile.