Back to top

Più votate altro

Il summit mondiale dei tossici

Il summit mondiale dei tossici

giugno 20, 2013

Di Max Daly

Sono stato al Radisson Hotel di Vilnius, la capitale della Lituania, per uno dei più grandi raduni internazionali di tossicodipendenti ed ex-tossicodipendenti. Ci sono eroinomani dagli slum di Nairobi, mangiatori di oppio dalle strade del Nepal e fumatori di crack di Kabul, fianco a fianco con medici, operatori per i diritti umani e politici.

Giorgio Samorini, il “drogologo” contemporaneo

Giorgio Samorini, famoso e attivo ricercatore nel campo dell’etnobotanica e dell’etnomicologia, è conosciuto in tutto il mondo per aver studiato le relazioni di vari popoli con le droghe facendo delle scoperte a dir poco illuminanti. “Animali che si drogano” è uno dei suoi libri più conosciuti e apprezzati, pubblicato recentemente in edizione aggiornata dopo 13 anni.

(ASCA) - Roma - Sembra proprio un mercato non in crisi anche in Italia dove, purtroppo, si fanno largo nuove e pericolose tendenze come la diffusione delle sostanze sintetiche. E' quello della droga secondo l'analisi sviluppata nel Rapporto annuale della Dcsa, la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga resa nota oggi.

 L'anoressia cambia 'forma'. Sempre più spesso il problema riguarda adolescenti che non mostrano i segni dell'estrema magrezza tipica della malattia. Un fenomeno al centro di uno studio australiano pubblicato su Pediatrics e guidato da Melissa Whitelaw, del Royal Children's Hospital di Melbourne, in cui la studiosa registra un aumento delle adolescenti 'normopeso' ricoverati tra il 2005 e il 2009 , la cui proporzione si è moltiplicata nel periodo studiato per 6 volte.

 

di Giulio Manfredi (Segreteria dei Radicali Italiani)

 

Notiziario Aduc, 31 gennaio 2008

 

Capisco che le traversie giudiziarie di Lady Mastella o il delitto di Erba siano più eccitanti ma la notizia ufficiale (fonte Ministero degli Interni) che dal 1992 ad oggi ben mezzo milione di cittadini italiani sono stati segnalati alle Prefetture per detenzione di quantitativi minimi di sostanze stupefacenti mi pare degna di qualche considerazione e non del silenzio con cui è stata accolta.

  CeSDA - È aumentato, negli ultimi tre anni, per le imprese, il rischio di cadere vittime nell’usura. Non solo per le micro realtà, ma anche per quelle più strutturate. Colpa di un mix di fattori che vanno dalla recessione economica al razionamento dell’accesso al credito, all’accumulo di sofferenze e insolvenze.

Piacere il mio nome è Marijuana Pepsi

BPiacere il mio nome è Marijuana Pepsi/B

Non ha mai fatto uso di droghe e la sua bevanda preferita è l'aranciata, eppure questa ragazza del Wisconsin combatte fin da bambina con l'ironia che genera il suo nome di battesimo: "Piacere, mi chiamo Marijuana Pepsi Sawyer". E se in gioventù il bizzarro nome non creava troppi problemi oggi che Marijuana è una docente, quel connubio esplosivo inizia a pesare. "Sono una persona tenace", ha dichiarato la donna "ma a volte mi domando come mai i miei fratelli si chiamino semplicemente Robin e Kimberly".

repubblica.it