Back to top

Più votate cocaina, Articolo

COCAINA LIQUIDA, LA NUOVA FRONTIERA DEI NARCOS

 In America Latina i narcotrafficanti sono alla continua ricerca di modi per ingannare le autorità, soprattuto quando di mezzo c’è la cocaina.

Nel weekend le autorità argentine hanno annunciato di aver sventato un piano per produrre e trasportare due tonnellate di cocaina liquida negli Stati Uniti e in Europa. Il carico, ha dichiarato il ministro della Sicurezza argentino, Sergio Berni, aveva un valore potenziale di 40 milioni di dollari.

Nuovo composto contro la dipendenza da cocaina

Sviluppato un nuovo composto, ad azione piu' rapida, per prevenire le ricadute dei tossicodipendenti da cocaina. Il composto, realizzato dai chimici della University of Kansas (Stati Uniti) potrebbe migliorare i trattamenti attuali contro l'abuso di questa droga. "Le terapie attuali si focalizzano sui recettori Kappa oppiodi (Kor) del cervello, e possono durare settimane", ha spiegato Jane V.

 Guido Olimpio e Gianni Santucci per "Il Corriere della Sera- La Lettura"

«Aquí, bombardean...». La mano dell'investigatore scorre sulla carta geografica appesa alla parete. Sfiora il colore turchese: acque basse. Passa sul verde vivo: coste rigogliose, poco popolate. A Santo Domingo i narcos bombardano. Piccoli aerei da turismo, tipo Cessna. Scaricano balle da cento chili di cocaina (dentro c'è un segnalatore Gps). I complici a terra vanno a recuperarle.

Roma, 22 set. (Adnkronos Salute) - Fiumi di cocaina in Italia. E' aumentato in maniera esponenziale il numero di persone che l'hanno provata almeno una volta, mentre resta costante quello di coloro che la usano abitudinariamente, una o più volte al mese. Nel complesso, i consumatori di polvere bianca nella Penisola sono 1 milione e 300 mila, in forte crescita, soprattutto tra i giovani.

La fine del cocainismo? Non credo

La fine del cocainismo? Non credo.Scritto da Uriel Fanelli Quando si parla di "Berlusconismo", qualsiasi cosa si voglia intendere, si finisce con l'indicare una cultura diffusa tra i "rampanti", i "vincenti", quelli che si identificarono col boom degli anni '80, e che poi finirono col costituire l'armatura portante di quello che viene definito "Berlusconismo", il cui media si ritiene essere stato la TV commerciale.