Back to top

Più votate eroina

ex tossico.

Ciao sono rudi da venezia e sono un ex tossicomane.Ho appena finito Di leggere per la prima volta su questo sito,che trovo molto interessante.la.mia storia inizia molto giovane non accettando le regole e i paletti che tutti mettono e vogliono, in maniera da risultare il bravo bambino o adolescente che la fam.

Pluridipendenza

Salve, ho 35 anni e ho la tipica storia del tipico tossicodipendente. Faccio uso di qualsiasi cosa da quando avevo 16 anni, anche se ultimamente mi sono molto calmato, grazie anche all'ausilio del SERT dove 7 anni fa mi sono recato spontaneamente per non pagare più il subutex ed averlo gratuitamente. Ho anche scalato da 8 mg a 4 durante l'estate. Ho avuto un forte ricaduta con uso di crack e cocaina anche endovena. Sono tre mesi che non faccio uso di alcun tipo di sostanza illecita, tranne rivotril e sub 4 mg.

d. è morto

Il 28 giugno è morto l'amico piu caro che avessi al mondo. 7 settimane fa. Lui ha assunto coca e ero insieme per endovena....Io solo eroina, non so specificare la quantità ma era la solita dose, quella di una volta ogni tanto. Entrambi andiamo al sert in cura di suboxone. Abbiamo assunto verso le 11 di sera e poi di nuovo alle 5 tornati a casa , lui ha anche bevuto parecchio. Siamo andati a dormire e la mattina successiva quando volevo svegliarlo l'ho trovato morto. Ci conoscevamo da17 anni ....

 I detenuti con diagnosi di tossico-alcoldipendenza potranno accedere alle misure alternative al carcere ed essere accolti nelle strutture gestite dagli enti aderenti al Ceart (Coordinamento degli Enti Ausiliari della Regione Toscana). Un intervento straordinario che coinvolgerà tra 50 e 60 detenuti toscani, e per il quale la Regione destina un finanziamento di 1 milione e 500mila euro per il biennio 2014-2015. L'intervento è previsto da una delibera approvata recentemente dalla giunta su proposta dell'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni.

L'amore e le droghe non saranno mai amici

Lo conobbi durante un viaggio: lui era l'autista e io una ragazzina che si era concessa il piacere di un viaggio. Forse cercavo me stessa, o forse, fuggivo dalla mia vita. Non importa. Quattordici anni di differenza tra me e lui. Inizialmente io vedevo solo un ragazzo attraente e interessante, nulla di più, anche se con il senno di poi, ho potuto constatare che non si trattava di un semplice ragazzo. Con il tempo, abbiamo continuato a sentirci, ci siamo visti e siamo caduti fisicamente in tentazione.

La denuncia del fondatore Massimo Barra: "L'ultima delibera della Regione è scaduta il 3 agosto e non è stata ancora rinnovata. Da allora abbiamo continuato a somministrarlo a nostre spese, senza avere il rimborso.Ma ora i fondi sono finiti"

A.I.D.S. - Il pericolo strisciante (film 1986)

A.I.D.S. - Il pericolo strisciante (film 1986): utilizzando il pretesto dell'ambulatorio medico in cui diversi pazienti chiedono informazioni sulla malattia ad un consulente sanitario il film mostra alcune situazioni di persone che in modo diverso devono fare i conti con la sieropositività e l'Aids, in prima persona o in riferimento a conoscenti.

Fuori vena (film 2005)

Fuori vena (film 2005): quando l'ago non penetra la vena si verifica il pericoloso fenomeno del fuori vena. Se la sostanza da iniettare è tossica arriva nei tessuti vicini alla vena che si ammalano. La pelle si necrotizza e si formano ferite aperte, infezioni e ulcere. L'esordio nel lungometraggio di Tekla Taidelli è un viaggio nel mondo dei giovani che vivono "fuori": fuori dagli schemi imposti dalla società, fuori dalla normalità imperante, fuori dai binari prestabiliti.

Amore Tossico (film 1983)

Amore Tossico (1983): un gruppo di tossicodipendenti romani, tra cui Cesare, Enzo, Roberto detto Ciopper, Michela e Loredana, trascorrono la propria drammatica routine tra la spiaggia di Ostia e la capitale attraverso il consumo degli stupefacenti, i piccoli litigi, i piccoli furti e i guai con i poliziotti e la fioca speranza di poter cambiare vita e di disintossicarsi.