Back to top

Più votate eroina, Articolo

Tossicodipendenza, a casa si cura meglio

di Gian Ugo Berti

Indagine GfK Eurisko: favorevole il 60% dei medici. Minori costi e rischi di spaccio o uso improprio. Vantaggi psicologici per i pazienti. Il ruolo dei nuovi farmaci. I dati del consumo di droga nel nostro Paese

(Repubblica Salute)

 

ROMA - Curarsi a casa, anche nella tossicodipendenza, può essere un valore aggiunto,sia sotto il profilo della sicurezza terapeutica, che nella lotta al traffico clandestino. Lo dimostra la crescita delle percentuali per uscire dal tunnel della droga:dal 61% del 2008 al 75% del 2009. In pratica, tre pazienti su quattro gestiscono ora la propria terapia a domicilio ed oltre la metà si rivolge ai SerT per ritirare i farmaci solo una volta la settimana. A sottolineare la tendenza positiva è una ricerca di GfK-Eurisko, condotta fra cento operatori medici del settore in Italia e presentata a Roma. Ma c'è dell'altro. Favorevole il 60% dei medici - Due medici su tre, in sostanza, ritengono che le nuove cure disponibili consentano d'affidare i farmaci con maggiore sicurezza e minori rischi. E' un importante passo avanti sostenuto,però, dall'innovazione farmacologica che ha reso disponibile il ricorso, nel nostro Paese, all'associzione buprenorfina e naloxone. Un insieme, capace di renderne difficile l'uso improprio e,di conseguenza,lo spaccio sul mercato clandestino. La combinazione dei due principi attivi si rivela,infatti, particolarmente inadatta alla vendita sul circuito. E' proprio nelle vicinanze dei SerT, ha precisato Claudio Leonardi,dell'ASL di Roma C, che si concentra l'attività di spaccio e, quindi, anche i rischi di possibile ricaduta. Vantaggi economici e gestionali - Si alleggerisce così la pressione sulle strutture sanitarie di settore,evitando le lunghe code quotidiane per il ritiro dei farmaci e ridurre i costi a medio e lungo termine. Si ha, in tal modo, un risparmio globale di risorse umane ed economiche, impiegabili in alternativa ad attività diverse,dalla dispensazione del farmaco, al supporto psicologico,alla riabilitazione.

Lavoro non più a rischio - Anche i tossicodipendenti avrebbero vantaggi. L'affido del farmaco a domicilio, pur mantenendo la centralità del SerT,favorisce il loro recupero, consentondo di trovare e mantenere più facilmente un lavoro,di reinserirli nella società e tornare ad una vita normale,limitando l'afflusso ai Centri. Rinascita psicologica - Dalle interviste, emerge in particolare il segno di una vera e propria rinascita psicologica,una prova della capacità di essere più forti della droga e della fiducia che si può riporre nei loro confronti.

Continua a leggere l'articolo

La politica delle stanze del consumo per tossicodipendenti da eroina ha portato a una grande riduzione dell'uso di droghe e della piccola criminalità. Il progetto pilota, parte del quale è stato sperimentato a Brighton, permette ai tossicodipendenti di somministrarsi l'eroina o una sostanza sostitutiva sotto il controllo del sistema sanitario nazionale. I risultati dimostrano che lo stato di salute generale di coloro che vi hanno partecipato ha subito un "netto miglioramento".

Trash - i rifiuti di New York (film 1970)

Trash - I rifiuti di New York (film 1970): film diretto da Paul Morrissey, presentato nella Settimana Internazionale della Critica al Festival di Cannes 1971. È la seconda parte della trilogia prodotta da Andy Warhol, che comprende anche Flesh e Calore.« Non vuol dire che una cosa è un rifiuto solo perché l'hanno buttata fra i rifiuti. »   Vita quotidiana di un drogato divenuto impotente e della sua compagna, che, in realtà, è un travestito.

FIRENZE – “La Toscana ha sempre rifiutato di partecipare a qualsiasi nostro progetto”. E’ quanto afferma Giovanni Serpelloni, capo dipartimento politiche anti droga, all’indomani della diatriba tra le due istituzioni in merito alla prevenzione sulle droghe. 
“Su un totale di 221 progetti nazionali attivati e coordinati dal Dpa – spiega Serpelloni - partecipano ben 20 regioni ai coordinamenti o ai progetti nazionali, tranne la Toscana che si è autoesclusa”.

 Cala il consumo di cocaina, eroina e metamfetamina. Aumenta quello di ketamina ed ecstasy. Mentre l'uso di cannabis rimane stabile con variazioni da città a città. A rilevarlo sono le analisi delle acque reflue prelevate per sette giorni consecutivi nei depuratori dalll'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano con il Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha monitorato 17 città italiane.

A.I.D.S. - Il pericolo strisciante (film 1986)

A.I.D.S. - Il pericolo strisciante (film 1986): utilizzando il pretesto dell'ambulatorio medico in cui diversi pazienti chiedono informazioni sulla malattia ad un consulente sanitario il film mostra alcune situazioni di persone che in modo diverso devono fare i conti con la sieropositività e l'Aids, in prima persona o in riferimento a conoscenti.