Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

effetti delle sostanze

Domanda: Salve, si vede negli esami delle urine la nicotina e il thc?

Devo fare un esame delle urine perché ho la febbre da 10 giorni per eventuali infezioni È possibile che vadano a cercare o che si veda la nicotina e il thc?

Risposta:

 no

Domanda: Buonasera assumo 37 mg di lauda al giorno vorrei sapere se nel test del sangue e delle urine per il lavoro rimane traccia.

Risposta:

 lauda? che roba è?

Domanda: Uso marijuana in età adulta

Salve a tutti. Sono un adulto (ho più di 30 anni) che fa uso di marijuana da qualche anno. Non ho mai fumato durante l'adoloscenza. Non sono mai andato oltre qualche tiro (forse un paio di volte l'anno) tra i 25 ed i 30 anni. Ho cominciato a fumare regolarmente passati i 30 anni. Fumo normalmente un paio di volte a settimana (3-5 tiri per volta), da una canna o da una pipa metallica, sempre e solo erba (non fumo mai tabacco). Non ho mai avuto paranoie o disturbi della personalità, ma ultimamente quando fumo mi sento "commosso" e piango facilmente. Potrebbe trattarsi di una forma di paranoia? Visto l'utilizzo abbastanza moderato e limitato all'età adulta, quali rischi posso correre nel lungo periodo? Non uso altre sostanze a parte un limitatissimo consumo di alcoolici. Grazie per le informazioni.

Risposta:

Ciao rispetto alla domanda sul tuo sentirti più sensibile e disposto a commuoverti più facilmente direi che non è strano, visto che il THC facilita e "apre2 la tua sensibilità. Da quì a dire che sia un effetto di paranoia mi pare arduo e scorretto perchè sentirsi più sensibili
non è indice di paranoia ma è un indice di una maggiore apertura e anche fragilità, in sostanza calano delle difese che solitamente non ti fanno sentire così esposto agli eventi che ti accadono attorno. Probabilmente è un periodo un po’ difficile per te e ne emerge una maggiore fragilità.
Considerato questo anche che è normale avere dei periodi di maggior fragilità fumare non aiuta a riprendere equilibrio e quindi può essere il caso di sospendere un po’ e per qualche tempo. i rischi che si possono correre nel lungo periodo sono quelli che il consumo diventa
una routine e una forma dipendnednte di comportamento è bene cercare di mantenere la situazione sotto controllo e prendersi tempi di stacco ogni quando se ne riesce ad avvertire il bisogno.

Domanda: Per combattere l’insonnia causata da disintossicazione da Suboxone,è meglio il Tavor o il Talofen ?

Salve,da 5 gg il mio ragazzo non assume più suboxone,lo ha scalato gradualmente e sotto stretto controllo medico;non sta avendo grossi problemi a livello di dolore fisico di giorno ,tutto sommato,sta benino,i veri problemi però si presentano di notte von un’importznte Insonnia e irrequietezza negli arti (gambe principalmente). Recatosi nuovamente al Serd,la dott gli ha prescritto prima del tavor (2 compresse ,2 ore prima di dormire),es oggi anche 10 gocce di Talofen(un farmaco esclude L altro chiaramente). Siamo entrambi molto preoccupati ,temiamo cioè una “nuova dipendenza”,cosa ci potete dire in merito??? È meno dannoso assumere del tavor o del Talofen?e soprattutto,dopo quanto tempo il corpo si abitua a queste sostanze??e ancora,dopo quanto tempo riuscirà a dormire senza L aiuto di questi farmaci??? Cosa ci consigliate??? Grazie

Risposta:

 Dei due farmaci quello che può dare dipendenza è il tavor. Il talofen no. Il genere l'insonnia dopo la disintossicazione da un oppiaceo dura alcune settimane. Se l'uno o l'altro farmaco vengo o assunti per poche settimane non ci sono problemi particolare, sempre tenendo conto di quanto ho scritto prima.

Domanda: Salve. Oggi mi hanno comunicato la data degli esami causa ritiro patente per alcol dopo un incidente.lunedi ho gli esami. Bevo regolarmente vino e qualche luquore... Quanto tempo devo astenermi...

Risposta:

 dalle tre alle quattro settimane prima dell'esame

Domanda: Cannabis light

Buongiorno, ho smesso di fumare hashish da più o meno 2 settimane. Dopo un 5/6 anni di uso giornaliero. Non ho più l’ansia dei primi giorni, ma non chiudo ancora occhio la notte. Non fumavo sigarette se non per le 2/3 canne serali. Può la cannabis light aiutarmi a dormire oppure me ne sconsigliate l’uso? Grazie, Angelo.

Risposta:

Buongiorno a te. Come detto altre volte, la cannabis light e il cbd - che è
il princio attivo principale - ha un effetto prevalentemente rilassante e scarsamente un effetto euforizzante. Può quindi servire da questo punto di vista a aiutare il sonno.

Il punto critico è che si mantiene lo stesso rapporto con la sostanza, si fuma etc nelle sue ritualità e routine e questo può essere un problema proprio per staccarsi se si vuole dal meccanismo rituale e dipendente. se questo è un aspetto poco presente o controllabile puoi provare ma se si mantengono le routine e i suoi vincoli allora è peggio e ti consigliamo di resistere un po’ che poi il sonno ritorna.

Domanda: Bungiorno..bere alcool quando fai uso di coca aumenta la permanenza nel sangue della sostanza? Grazie

Risposta:

 

Sì, sopratutto si potenziano a vicenda liberando una sostanza che è più potente di cocaina e alcol singolarmente. E anche molto più pericolosa per quanto riguarda i danni agli organi

Domanda: È possibile rintracciare winstrol pasticche nell' esame antidoping a tre settimane dalla sua somministrazione?

Risposta:

 ci spiace, ma non diamo informazioni sulle sostanze dopanti

Domanda: Cannabis light contro l’astinenza da thc

Buongiorno, da circa 10 giorni ho smesso di fumare hashish dopo un uso regolare di circa 6 anni. Ho quasi 40 anni, e ho preso la decisione ( sofferta) perché ultimamente mi spegneva un po’ troppo... I primi giorni ero tesissimo, addominali contratti, ansia , agitazione. Insomma soliti sintomi che avevo già provato quando avevo smesso la prima volta più di 10 anni fa. Ora non sono più teso, ma dormo 3 ore per notte, e facendo un lavoro impegnativo di tante ore sono uno straccio... anche se sono molto più attivo , vigile e ho un sacco di voglia di fare. Questa parte di me mi mancava e sinceramente sono convinto della mia scelta. Non ho mai fumato sigarette, se non un paio al giorno per mista. Ora la domanda è, può fumare la cannabis light aiutarmi a dormire ? O rischio di fare dei passi indietro e ritardare solamente la disintossicazione del corpo? Sennò sto valutando di prendere dei blandi sonniferi sotto prescrizione medica. Grazie , Angelo

Risposta:

Ciao angelo credo che si possa dire che il CBD, cioè la cannabis light, può aiutarti a rilassarti e quindi a dormire, non vedo controindicazioni se non nel fatto che può essere un modo di rimanere dentro una ritualità di gesti e strumenti che ti fa restare legato alla tua esperienza con la cannabis che ora vuoi interrompere. Questo comunque sei tu che puoi e devi valutarlo, riguardo a come e quanto era importante la ritualità e la routine che avevi nel modo di fumare e che mantieni o meno. È solo uno spunto su cui puoi pensare. Rispetto ai sonniferi che dire se sono e rimangono limitati ad un uso occasionale  o comunque contenuti nel tempo puoi usarli ma direi di porre attenzione a porre un limite. In ogni caso il problema della perdita di sonno si risolverà in un tempo abbastanza breve.

Domanda: qualcuno può spiegarmi se pensieri e paranoie possono essere generati da sostanze anche non durante l'effetto?

Buongiorno, Sono un ragazzo di 25 anni, studente di architettura presso lo IUAV di Venezia, città in cui attualmente vivo da fuori sede come studente e lavoratore in uno studio di Architettura. Ho iniziato a fumare Marijuana e Hashish circa 10 anni fa, forse 11. Da 8 anni ne faccio uso abituale. Fino a 4 anni fa ne abusavo fumando anche 5 canne al giorno, in questi ultimi anni invece mi capita di fumare 1/2 canne al giorno durante la settimana; nel weekend anche di più. In ogni caso mi è capitato raramente di rimanere giorni interi senza fumare. Le droghe e il fumo non hanno mai influenzato il mio rendimento scolastico e universitario e sono sempre riuscito a raggiungere i piccoli obbiettivi che mi prefiggevo. Negli ultimi anni però, mi sono ritrovato spesso preda di pensieri estremamente negativi e paranoie ingiustificate come: sfiducia totale nella mia ragazza (specialmente ora che si trova in Erasmus), nella mia famiglia e nei miei amici. Cosa strana perché non mi sembra di essere mai stato una persona del genere. Faccio fatica ad essere sereno per una giornata intera, mi sento sempre molto solo e i sento sempre come se gli altri mi vogliano fare soltanto del male, sopratutto dal punto di vista emotivo o sentimentale. Faccio fatica a dare fiducia alle persone anche se mi sono vicine da tanto tempo (per esempio alla mia ragazza con cui sto da circa un anno e mezzo). Ricercando una risposta da solo sono giunto alla conclusione che possano essere tutti effetti negativi legati al fumare canne. È possibile? Vorrei giusto capire se ci possa essere effettivamente una correlazione tra le paranoie e i cannabinoidi per capire un po’ come cominciare a gestire la situazione e con essa tutta la mia vita. Inoltre, la domanda reale è: smettendo di fumare per un po’, è possibile ritrovare la fiducia in me stesso oramai andata un po’ perduta, e con essa anche quella negli altri? Oppure tutto questo stream of consciousness è l’ennesimo frutto di una sfera emotiva molto debole legata solamente alla mia persona? “Smettere” potrebbe essere la svolta cambiare atteggiamento nei confronti della vita e delle persone che mi sono accanto? Aspetto risposta con fiducia. Ho veramente bisogno di capire, sarà almeno 1 anno che faccio fatica a vivere serenamente. Grazie. D.B.

Risposta:

 

Ciao DB se ci chiedi se fumare cannabinoidi può avere influenza nei tuoi stati emotivi la risposta è sicuramente sì e credo tu ne sia consapevole. Invece rispetto alla domanda più diretta che collega la tua situazione di malesserre, mancanza di fiducia in te e gli altri etc, credo si possa solo dire che fumare può avere un effetto sulle tue paranoie nel senso che può incrementarle, espanderle, rinforzarle ma non si può certo dire che ne possa essere la causa. Su questo la questione è sicuramente più complessa e necessita se vuoi approfondimenti con uno psicologo. Riguardo all’ipotesi di smettere credo sia utile per te provare a interrompere e vedere l’effetto che questo ha sul tuo umore nel breve e poi nel medio termine. Sicuramente recuperare una dimensione diciamo più lucida può essere uno stimolo e forse un aiuto a capire qualcosa di più sulle tue paranoie.
Stefano Bertoletti

Condividi contenuti