Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

effetti delle sostanze

Domanda: possono rimanere degli effetti o danni a vita della cannabis? Oltre alla memoria corta.

Risposta:

 raramente, ma succede.

Domanda: Scrivo qui perché non ho ricevuto risposta alla domanda che iniziava con "Salve. Intanto vorrei farvi i complimenti e ringraziarvi per il servizio che offrite. Vorrei raccontare la mia esperienza"

Io penso che le sostanze abbiano contribuito insiemi ai vari altri fattori che ho elencato a far insorgere questi attacchi di panico, non penso che siano IL motivo per il quale ho avuto attacchi di panico. Penso che nell'ultimo anno ho accumulato ansie e stress e che il tutto sia stato sprigionato dal mio organismo in questa maniera. Effetti pesanti nei giorni a seguire dopo l'assunzione quest'anno non ne ho mai avuti, gli attacchi di panico sono insorti dopo 1 mese che avevo assunto l'ultima volta qualcosa. Allo psicologo ho parlato della marijuana ma ho evitato di parlare del resto, sicuramente sono informazioni importanti. Ovviamente so che farei meglio a lasciar perdere e evitare di assumere mdma a capodanno (molto probabilmente eviterò), ma quello che vorrei sapere è un parere meramente scientifico: vado incontro inevitabilmente ad altri attacchi di panico, magari di entità maggiore, o è un qualcosa che dipende soltanto dalla mia suggestione e dal mio autocontrollo? Non sono molto spaventato dagli attacchi che ho avuto, li inquadro come qualcosa di naturale e non grave. E' per questo motivo che vi pongo la domanda, vorrei prendere una decisione ferma a riguardo proprio per evitare di cadere in tentazione per il fatto di non temere conseguenze. Grazie di nuovo.

Risposta:

Ti avevamo già risposto e pubblicato, ma se non metti la tua mail - come hai fatto adesso - non riesci a trovare la risposta. Volentieri la ripubblichiamo

 Ciao, parli di uso moderato e consapevole di sostanze. Nonostante tutto però sembra che queste stiano prendendo il sopravvento sul controllo che fino ad oggi ritienevi essere in grado di esercitare nel gestirle.

E non tanto per la frequenza nell'uso, quanto nella pesantezza degli effetti. Ovviamente non si può parlare di cronicità nell'uso (o abuso) di questa sostanze, ma di effetti collaterali piuttosto frequenti e pesanti dopo il oro utilizzo (ansia e attacchi di panico).

Se utilizzare sostanze alla fine dell'anno? In un certo senso la risspota te la sei già data quando dici che a mente lucida non riesci a fare a meno di pensare che le sostanze siano legate agli effetti pesantemente negativi che hai già provato.

Lo psicologo può averti tranquillizzato, ma la sua diagnosi à priva di una informazione fondamentale per essere credibile: il tuo uso di sostanze.

 

Domanda: Ci sono delle madicine che aiutano a diminuire gamma.gt,transferina???Grz.Auguri u buone feste

Risposta:

 no, auguri anche a te

Domanda: sapete spiegarmi il seguente esito del test cannabisnoidi: ESITO PISITIVO 50 <100 che significa? grazie mille

Risposta:

 Beh, positivo significa positivo, gli altri segni non saprei (però 50 è sempre minore di 100).

Domanda: Mi hanno fatto una flebo di cortisone (non so quanti ml ma la boccietta era piccola) , stasera posso fumare canne?

Risposta:

 no

Domanda: Malessere post cannabis

Salve, sono un ragazzo di 18 anni. Ho iniziato a fare uso di cannabis un anno fa, all'incirca. Non ho mai presentato alcun malessere dopo aver fumato, se non ultimamente. Non ho mai fumato regolarmente lo stesso quantitativo di marijuana, capitava la giornata in cui fumavo un paio di canne, capitava quella in cui ne fumavo molte di più o di meno. La situazione ha iniziato a degenerare solo ultimamente. Ogni volta che provo a fare più di qualche tiro insignificante, presento diversi malori. Inizio a sudare freddo (specialmente dalle mani), il volto si sbianca, tremolii improvvisi e difficilmente controllabili mi attraversano il corpo accompagnati da un forte senso di disagio e da una fastidiosissima tachicardia . Le prime volte era terribile, la sensazione era quella di morire. Non riuscivo a controllare i tremolii che spesso si trasformavano in vere e proprie convulsioni. La prima volta che mi successe chiesi a chi era con me di chiamare un'ambulanza (e ciò è un dato rilevante, dato che non ho mai chiesto di farlo, anche in casi estremi). Ho provato a smettere (senza alcun problema), poi a fare qualche tiro. Ma ogni volta si ripete tutto questo. Solo che adesso, conoscendo gli effetti, cerco di stare tranquillo e aspettare che passi. Ho fatto addirittura dei tentativi per osservare e riuscire a descrivere meglio ciò che provavo in quel momento. La durata di questo malessere varia dai 10 ai 30 minuti. Nei primi minuti i malori sono più marcati e meno controllabili, man mano che aspetto diminuiscono tachicardia e convulsioni, fino ad essere controllabili. I consigli che mi hanno dato sono stati, ovviamente, tutti riconducibili al fatto di smettere di fumare per un periodo più lungo, poi nel caso, riprovare. Ma la mia domanda più che un consiglio è soprattutto questa, a cosa è dovuto tutto questo? Perché improvvisamente il mio corpo reagisce così? Vi ringrazio in anticipo, sia per l'attenzione che per la risposta :)

Risposta:

 Ciao, quello che ti succede è piuttosto frequente tra le persone che ci scrivono: la marijuana può dare reazioni psico-fisiche molto intense, anche dopo un periodo in cui l'uso non aveva dato problemi. Il perchè di questo cambiamento è da ricercare a diversi livelli: 1) un dosaggio superiore o una maggiore concentrazione della sostanza rispetto a quello abituale; 2) un contesto in cui non eri a tuo agio; 3) uno stato emotivo di vulnerabilità dovuto ad un periodo di stress e ansia. E' ragionevole pensare che ci sia un misto dei tre aspetti, per cui l'effetto di una canna più forte, a cui non eri preparato, genera uno stato d'ansia/panico con i vari sintomi che hai descritto e innesca un circolo vizioso in cui da quel momento associ le canne successive alla brutta esperienza provata. E' per questo che l'unico consiglio corretto è quello che hai già ricevuto. Se l'aspettativa è quella di tornare a provare gli effetti iniziali, quelli piacevoli, la realtà invece è che una volta innescato questo meccanismo, la risposta ansiosa si ripete, anzi, rischia di diventare stabile (e presentarsi anche senza fumare). Prova davvero a smettere per un po', drasticamente, perchè così giri il coltello nella piaga.

Domanda: Cocacola

Salve, io ho sempre fatto un'uso molto sporadico della cocaina. Ieri e l'altro ieri ne ho assunti due grammi suddivisi in: 0.5 al pomeriggio e 0.5 la sera, ieri sera un grammo sempre in tre, dalle 21 alle 2. Ho fatto uso anche di cannabis per attenuare gli effetti a fine serata, ho fatto tutta la sera a chiacchierare e giocare a carte non mi sono alzato, sentivo abbastanza freddo alle mani ed al naso, il naso e i denti erano addormentati e io non ne ho leccata nemmeno un po', la gola era intorpidita mentre la lingua e la mascella le muovevo in continuazione mi sudavano anche un po i baffi, tipico da cocaina. a fine serata Appena salito in macchina, avevo dolori al muscolo del collo ed alle spalle, penso perché ero stato tutta la sera seduto a giocare, arrivato a casa avevo ancora il naso e la bocca addormentati, ho fatto la canna e mi sono messo a letto, ho preso sonno subito perché ero molto stanco fisicamente ma non tanto mentalmente, sentivo un freddo pazzesco, mi sono svegliato alle 9 di mattina che mi sembravano le 5 di pomeriggio ma non sono riuscito nemmeno a guardare l'orario che sono ricrollato, mi sono svegliato alle 3 ma mi sembravano le dieci di sera! Esco e ho fatto uso di cannabis, in quanto ne assumo giornalmente. Appena rientrato ho notato che nella parte inferiore della lingua cioè quella più vicina alla gola, ho delle bollicine, ma non sono sicuro che lo siano.. Non mi danno molto fastidio ma le sento come se l'avrei infiammata, mi sarà capitato una volta con una coca fortissima, mi si è infiammata la tonsilla e mi sono venute ste bollicine, ma non capisco perché? A cosa è dovuto? Poi volevo capire anche perché da un po' di tempo sono più bianco, anni fa prendevo l'abbronzatura velocemente quantomeno nella norma, ora non mi abbronzo più, mi sono venute le occhiaie, ma dormo abbastanza la carne la mangio 2 volte alla settimana.. Saranno i valori sballati dovuto ad un'uso di cannabis giornalmente? Grazie in anticipo

Risposta:

Caro lettore, provo a rispondere alle tue domande. Per quanto riguarda le bollicine sulla lingua (che hai ma forse no) è impossibile darti una risposta. Occhiaie e rallentamento dell'abbronzatura sono dei segni molto generici (ma sarà poi vero che l'abbronzatura è inferiore a prima o è solo una tua impressione?). Il racconto che invece fai degli effetti conseguenti all'uso di cocaina è legato ai comuni effetti di essa. La sensazione che ricevo dal tuo racconto è il fatto che il tuo stile di vita (in particolare l'associazione tra le sostanze) sia in generale rischioso. Ti stai sottoponendo cioè a poco a poco all'effetto tossico delle sostanze che usi. In particolare tendi a fare dei pensieri ansiosi e stressanti. Gli effetti anestetizzanti e vasocostrittori che ti provoca la cocaina probabilmente sono dovuti ad una dose superiore quella a cui sei abituato. Ed anche questo è rischioso.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

 

Domanda: Salve

Lunedì sera ho bevuto vodka birra e ho fatto solo un tiro alla canna sono quattro giorni che mi sento la testa pesante (sono anche raffreddatato) vorrei sapere se e il raffredore a farmi sentire cosi o il tiro alla canna

Risposta:

 curati il raffreddore e bevi meno alcolici e vedrai che come per incanto la testa pesante torna a essere leggera leggera....

Domanda: con la sudorazione si puo espellere la cocaina?? in quanto tempo??? grazie

Risposta:

 non si espelle tramite sudorazione, è una stupidaggine

Domanda: salve mi e sorto un dubbio:

vorrei sapere se le droghe pesanti tipo lsd,anfetamine,mescalina ecc contengono il glucosio 6-fosfato-deidrogenasi ovvero l'enzima che manca ai fabici?

Risposta:

 Nessun enzima è contenuto nelle sostanze di abuso. Se ti riferisci invece al fatto che le sostanze d’abuso citate possano scatenare una crisi emolitica, nelle persone affette da carenza di glucosio 6-fosfato-deidrogenasi, non saprei risponderti con certezza. So solo che fra i farmaci incriminati possono esserci molti antimalarici, gli antiinfiammatori non steroidei ed alcuni antibiotici. Dato che quasi mai si può conoscere l’esatto contenuto delle sostanze acquistate per strada, in base al principio di precauzione, io eviterei di assumerle.

Roberto Baronti medico sostanze.info

Condividi contenuti