Back to top

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: buongiorno, assumo brintellix e citalopram, quando farò dei test tossicologici verranno ricercate anche tali sostanze tra quelle "psicotrope" per la visita del medico del lavoro?

problemi legali
Risposta 

dipende dalla Commissione. Alcune richiedono analisi anche per la ricerca della presenza di antidepressivi (SSRI)

Domanda: Salve, A causa di problemi d’ansia assumo al bisogno (circa 3/4 volte a settimana) 7 gocce di Rivotril (non ho mai assunto più di questa dose nelle 24 H). Vorrei sapere per quanto tempo si può rintracciare nelle urine. Grazie mille

effetti delle sostanze
Risposta 

Il clonazepam (Rivotril) è una benzodiazepina a durata di azione intermedia (emivita compresa fra 24 e 48 ore) e quindi, calcolando circa 10 emivite per eliminarla completamente, ci vorranno dai 10 ai 20 giorni.

Domanda: Se ho assunto la purple drunk (codeina) e devo fare l'esame del capello specificatamente della morfina è quasi sicuro che risulto positvo?

informazioni e curiosità sulle sostanze

Circa un mese fa ho provato la purple drank (codeina) e il 19 agosto ho l'esame del capello per la patente che riguarda specificatamente Cocaina e Morfina... purtroppo mi sono informato troppo tardi e ho scoperto che la codeina è un oppiaceo derivato dalla morfina... sono già delle ore che mi informo ma tutti i test risultati positivi erano riguardanti oppiacei in generale, non solo morfina... c'è qualcuno che saprebbe dirmi con certezza se potrei risultare positivo? (il farmaco specifico non lo so, la purple drank potrebbe essere stata allungata in quanto non nella boccetta originale, il consumo è avvenuto il 5 e il 10 luglio, le dosi non saprei dirle in quanto non preparata da me... ho bevuto circa 1 lt di sprite in tutto)

Grazie molte in anticipo a chi mi risponde!

Risposta 

Può risultare una positività agli oppiacei.

Se il farmaco utilizzato per il mix contiene codeina, un oppiaceo che nell'organismo nel tempo si trasforma in morfina, si possono avere dei risultati positivi per gli oppiacei sia nel capello che nelle urine.

Domanda: Salve, assumo psicofarmaci e spesso mi capita di esagerare con l'alcool. Se dovessero fermarmi, i farmaci possono far aumentare o variare il tasso alcolemico?

Risposta 

no, ma provocano un mix penale - nel caso di accertamenti - tale da farti scordare la patente per mesi e mesi 

Domanda: Ciao io volevo sapere mi hanno sospeso la patente io prendo i pisicofarmaci devo fare la visita dall medico legale me l a darranno la patente

consigli medici
Risposta 

se li cercano e li trovano, no, dato che si tratta di farmaci non compatibili con la guida.

Domanda: Se non si riesce a sopportare da soli gli effetti collaterali del tapering da benzodiazepine , esistono dei centri in Italia in cui si viene seguiti per scalare alte dosi di benzodiazepine?

consigli medici
informazioni sui servizi sociali e di recupero
Risposta 

Molto all'avanguardia è il reparto di Medicina delle Dipendenze dell' Ospedale di Verona, e puoi accedervi anche su semplice richiesta del tuo medico di base.

Ce n'è un'altra a Modena, si chiama Villa Egea, e funziona allo stesso modo, è anch'essa convenzionata ASL.

Domanda: Se non si riesce a sopportare da soli gli effetti collaterali del tapering da benzodiazepine , esistono dei centri in Italia in cui si viene seguiti per scalare alte dosi di benzodiazepine?

consigli medici
informazioni sui servizi sociali e di recupero
Risposta 

Molto all'avanguardia è il reparto di Medicina delle Dipendenze dell' Ospedale di Verona, e puoi accedervi anche su semplice richiesta del tuo medico di base.

Ce n'è un'altra a Modena, si chiama Villa Egea, e funziona allo stesso modo, è anch'essa convenzionata ASL.

Domanda: Buongiorno a tutti.. volevo sapere una vostra opinione al riguardo della mia esperienza. Ho iniziato a fumare cannabis(hashish) il 31 ottobre 2018 dopo quasi ben un anno a fumare 10/12 canne al giorno(variano dal periodo e da tanti altri fattori) inizió a

consigli medici
effetti delle sostanze

venirmi qualcosa di strano, delirii, comportamento strano, percezione non reale della realtà, pensavo cose strane, un sacco di cose..però ho continuato a fumare un altro mesetto quando arrivato il 13 settembre 2019 ho avuto pure delle allucinazioni non erano gravi però erano pur sempre delle allucinazioni così mi hanno ricoverato al reparto psichiatrico per 14 giorni. Dopo l'uscita dall'ospedale ho continuato a prendere psicofarmaci e ansiolitici fino a febbraio/marzo. Ho provato di nuovo una canna a febbraio e dopo di che ho fumato qualche cannetta in questi mesi(giugno/luglio).. la mia paura è se possa ritornare di nuovo la psicosi e se dovesse ritornare sapendo già i sintomi se posso curarla in tempo da solo...perché la voglia di fumare ce l'ho però ho molta paura.. di solito nel mio paese non gira erba di altissima qualità ma a ferragosto dovrei andare a Catania 4 giorni e siccome lì c'è erba di altissima qualità (skunk,amnesia e gorilla glue) volevo sapere se c'è rischio di un eventuale psicosi. Potrei fumarmi qualche canna a ferragosto o niente di niente? Grazie in anticipo 

Risposta 

per chi ha avuto come te dei veri e propri attacchi psicotici provocati dalla sostanza, qualsiasi assunzione in qualisasi momento può provocare lo scatenarsi di quanto già successo nel 2019. E senza "avvertirti prima" per essere in grado di curarti da solo.

Domanda: Buongiorno a tutti.. volevo sapere una vostra opinione al riguardo della mia esperienza. Ho iniziato a fumare cannabis(hashish) il 31 ottobre 2018 dopo quasi ben un anno a fumare 10/12 canne al giorno(variano dal periodo e da tanti altri fattori) inizió a

consigli medici
effetti delle sostanze

venirmi qualcosa di strano, delirii, comportamento strano, percezione non reale della realtà, pensavo cose strane, un sacco di cose..però ho continuato a fumare un altro mesetto quando arrivato il 13 settembre 2019 ho avuto pure delle allucinazioni non erano gravi però erano pur sempre delle allucinazioni così mi hanno ricoverato al reparto psichiatrico per 14 giorni. Dopo l'uscita dall'ospedale ho continuato a prendere psicofarmaci e ansiolitici fino a febbraio/marzo. Ho provato di nuovo una canna a febbraio e dopo di che ho fumato qualche cannetta in questi mesi(giugno/luglio).. la mia paura è se possa ritornare di nuovo la psicosi e se dovesse ritornare sapendo già i sintomi se posso curarla in tempo da solo...perché la voglia di fumare ce l'ho però ho molta paura.. di solito nel mio paese non gira erba di altissima qualità ma a ferragosto dovrei andare a Catania 4 giorni e siccome lì c'è erba di altissima qualità (skunk,amnesia e gorilla glue) volevo sapere se c'è rischio di un eventuale psicosi. Potrei fumarmi qualche canna a ferragosto o niente di niente? Grazie in anticipo 

Risposta 

per chi ha avuto come te dei veri e propri attacchi psicotici provocati dalla sostanza, qualsiasi assunzione in qualisasi momento può provocare lo scatenarsi di quanto già successo nel 2019. E senza "avvertirti prima" per essere in grado di curarti da solo.

Domanda: Scalaggio Tramadolo con supporto medico di base, sto agendo in modo corretto?

consigli medici
effetti delle sostanze

Salve, mi chiamo Stefania e ho 35 anni. Da molti anni soffro di coliche renali con cistite cronica, essendo intollerante ai fans mi fu prescritto Contramal senza le avvertenze sugli effetti di dipendenza che poi sono insorti l ultimo anno dopo 2 aborti spontanei con peggioramento delle coliche renali e infezioni alle vie urinarie ( ora parzialmente risolte) . Sono in terapia con Entact gtt e Valium per tendenza ad umore basso e ossessivo ( di famiglia ) - dopo aver risolto il problema coliche ho deciso che non si poteva andare avanti con Contramal, senza rendermene conto ero arrivata ad assumerne 20-25 gtt 4/5 volte al gg. Essendo stata lasciata sola dal precedente medico di base lunedì ho cambiato medico su raccomandazione di amici e martedì mi sono rivolta su appuntamento alla nuova dottoressa.

Ha impostato un piano terapeutico a scalare in base ai dosaggi assunti da me fino a quel momento. Quindi ok Valium 20 gtt x 3 al giorno x ora ( x tamponare i sintomi astinenziali).

Il 'problema' è che sul momento non mi ero resa conto quanto spesso lo assumersi, me lo ha fatto notare il mio compagno ieri sera, non 2/3 volte ma 4/5 , quindi ho ricontattato via mail la dottoressa per informarla.

Il piano terapeutico iniziale era contramal 20 gtt + 15 gocce, e ogni settimana scalare la prima assunzione di 2 gtt, e scalare la seconda di 5 gtt , ogni 7 giorni - deve ancora rispondermi alla mail inviatole oggi ma presumo che mi reimposti il piano includendo una terza assunzione, altrimenti quando si fanno le 23 circa inizio a tremare, respiro corto, crampi.

Ho molta fiducia nel nuovo medico ma vorrei una seconda opinione: vi sembra un piano repentino oppure sono sulla buona strada?

La determinazione c'è. Voglio essere libera!

Scusate per il lungo messaggio,

Vi ringrazio tanto se mi risponderete eventualmente con un consiglio 

Risposta 

ci sembra che la proposta del tuo medico curante (soprattutto se sarà reimpostata in base alle ulteriori precisazioni che le hai comunicato) sia assolutamente adeguata. E quindi da seguire per uno scalaggio efficace e sicuro

Domanda: Scalaggio Tramadolo con supporto medico di base, sto agendo in modo corretto?

consigli medici
effetti delle sostanze

Salve, mi chiamo Stefania e ho 35 anni. Da molti anni soffro di coliche renali con cistite cronica, essendo intollerante ai fans mi fu prescritto Contramal senza le avvertenze sugli effetti di dipendenza che poi sono insorti l ultimo anno dopo 2 aborti spontanei con peggioramento delle coliche renali e infezioni alle vie urinarie ( ora parzialmente risolte) . Sono in terapia con Entact gtt e Valium per tendenza ad umore basso e ossessivo ( di famiglia ) - dopo aver risolto il problema coliche ho deciso che non si poteva andare avanti con Contramal, senza rendermene conto ero arrivata ad assumerne 20-25 gtt 4/5 volte al gg. Essendo stata lasciata sola dal precedente medico di base lunedì ho cambiato medico su raccomandazione di amici e martedì mi sono rivolta su appuntamento alla nuova dottoressa.

Ha impostato un piano terapeutico a scalare in base ai dosaggi assunti da me fino a quel momento. Quindi ok Valium 20 gtt x 3 al giorno x ora ( x tamponare i sintomi astinenziali).

Il 'problema' è che sul momento non mi ero resa conto quanto spesso lo assumersi, me lo ha fatto notare il mio compagno ieri sera, non 2/3 volte ma 4/5 , quindi ho ricontattato via mail la dottoressa per informarla.

Il piano terapeutico iniziale era contramal 20 gtt + 15 gocce, e ogni settimana scalare la prima assunzione di 2 gtt, e scalare la seconda di 5 gtt , ogni 7 giorni - deve ancora rispondermi alla mail inviatole oggi ma presumo che mi reimposti il piano includendo una terza assunzione, altrimenti quando si fanno le 23 circa inizio a tremare, respiro corto, crampi.

Ho molta fiducia nel nuovo medico ma vorrei una seconda opinione: vi sembra un piano repentino oppure sono sulla buona strada?

La determinazione c'è. Voglio essere libera!

Scusate per il lungo messaggio,

Vi ringrazio tanto se mi risponderete eventualmente con un consiglio 

Risposta 

ci sembra che la proposta del tuo medico curante (soprattutto se sarà reimpostata in base alle ulteriori precisazioni che le hai comunicato) sia assolutamente adeguata. E quindi da seguire per uno scalaggio efficace e sicuro

Domanda: Buonasera volevo sapere se nei test delle urine per il lavoro l'entact viene trovato, sono sotto cura con 10mg al giorno da più di un anno e dato che devo guidare il carrello mi devono fare il drug test. Grazie per la disponibilità!

problemi sul lavoro/a scuola
Risposta 

in generale l’ Entact non viene rilevato nei comuni esami delle urine o negli esami tossicologici delle urine.