Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 52730 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: ecstasy

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: che effetti ha l'interazione del buscopan con droghe come la cocaina o lì mdma?

Risposta:

Il Buscopan può provocare  secchezza delle fauci, alterazioni della sudorazione, aumento della frequenza cardiaca, aumento del diametro della pupilla, sonnolenza. Dosi elevate possono provocare stimolazione del sistema nervoso centrale ed in certi casi alche alterazione nello stato di coscienza e la funzione cardiorespiratoria.
Risulta evidente quindi che in alcuni casi può mimare o modificare l’effetto di cocaina o mdma come di altre droghe. L’effetto sulla frequenza cardiaca si può sommare allo stesso effetto provocato da cocaine ed mdma aumentandone la pericolosità.

Domanda: effetto ecstasy

Salve, vorrei porre il seguente quesito: possibile che in seguito ad assunzione di ecstasy le capacità di risoluzione di esercizi matematici siano calate.....dopo aver assunto sta roba mi sembra che sia meno performante a livello cognitivo per la risoluzione di esercizi in ambito scientifico....può esserci un legame fra le medesime cose? Saluti

Risposta:

 

Dopo l’assunzione di ecstasy il livello di serotonina si abbassa per cui può succedere quello che tu descrivi per cui non mi preoccuperei più di tanto devi lasciare un po’ di tempo al tuo organismo perché si riequilibri la serotonina. Un tempo che può variare dalle due settimane ad un mese 40 giorni


Domanda: Quali sono gli effetti precisi dell md? Grazie

Domanda: EFFETTI MD

Ciao, non sono una consumatrice di droghe (ogni tanto qualche cannetta), ma il mio ragazzo (29 anni), oltre a fare uso abituale di cannabis, assume saltuariamente MDMA (non in pasticche, a quanto ne so) da molti anni. Lui dice di "reggerla" benissimo, ma io vorrei sapere quali sono realmente i possibili effetti di questa sostanza: soprattutto perché non credo ci sia modo di accertarsi della sua purezza e temo venga tagliata con sostanze sconosciute e nocive. La tecnica del "la annuso" o "guardo il colore" mi pare francamente una gran stronzata E poi: se lui ha sempre reagito bene, non è detto che la cosa non cambi nel tempo, immagino. Tra l'altro, sta vivendo un periodo di grande ansia e incertezza lavorativa e non vorrei che questi fattori influenzassero negativamente i suoi "viaggi". Molte grazie

Risposta:

 

Ciao ha ragione quando pensi che saggiare la qualità di una sostanza come l’MD  con gusto e colore non sia molto serio né affidabile bisognerebbe fare dei test anche colorimetrici con reagenti disponibili anche su internet. Però non sono cose di facilissimo accesso e gestione. È possibile che il tuo ragazzo abbia ragione nel dire che ha retto bene le esperienze con MD però vanno considerati i rischi maggiori di questo tipo di consumo. Ad esempio è una sostanza che agisce sullequilibrio della serotonina e quindi necessita periodi di stacco tra un assunzione ed una altra di un mese e mezzo perlomeno. Bisogna evitare alcuni mix e il consumo combinato di alcool e pensare che va assunta acqua in abbondanza durante il consumo attivo, e altri fattori che comunque regolano l’effetto di una droga assunta, il set cioè come si sta in quel momento periodo (lo stato dell’umore etc) il Setting dove e con chi si è .. è un discorso lungo e ti consiglio, se lo vuoi approfondire con info dettagliate sui rischi specifici di andarti a vedere il sito in italiano danno.ch . In generale se dici che non è un grande periodo per lui, fai bene a consigliarli di essere cauto e moderato con le sostanze di quel tipo ci possono essere effetti non attesi e anche spiacevoli.
Stefano Bertoletti, redazione sostanze.info
 

Domanda: Buongiorno. Due settimane fa esatte ho assunto mdma (non ricordo la quantità). Ad oggi riscontro una leggera ansia e un'insonnia direi alquanto ostinata.Vorrei sapere se si tratti di danni irreversibili o meno. Grazie in anticipo

Risposta:

Niente di irreversibile, può ancora essere che il ritmo sonno veglia sia alterato e non rimesso a posto, cosa che succede di solito in breve tempo ma può durare anche settimane. Questo è un motivo evidente per cui il tempo minimo di ripresa dopo l’assunzione di md è di un mese/40 giorni

Domanda: Salve se assumi ecstasy e ti fanno l esame delle urine per la cocaina l ecstasy esce nelle urine ?

Risposta:

 no

Domanda: Quante volte suggerite di utilizzare mdma nella propria vita? Sembra generico ma per non pentirmi di aver cominciato quanti utilizzi mi consigliate? A che età fermarsi? Io ho 20 anni e l'ho assunta 8 volte

Vi sembrera stupida come domanda ma ho sentito mille volte gente dire che è una cosa da fare poche volte in quanto resta comunque un'esperienza intensa. Premetto di essere uno che con qualsiasi sostanza sta attento alla riduzione del rischio, e provo sempre per quanto possibile a divertirmi in modo sicuro. Detto ciò la mia domanda è secondo le vostre esperienze quante utilizzi fare per non pentirsene, io preferisco lasciar passare 2 mesi da un utilizzo all'altro. Se anche voi siete dei consumatori un po' attenti, ogni quanto ci può stare farlo secondo voi, io nel giro di un'anno dalla prima volta l'ho usata 8 volte, quest'anno ho intenzione di ridurre a 4 utilizzi annuali e proseguire con questa frequenza fino ai 25 anni, ci può stare secondo voi? È troppo? O avrei anche un margine di sgarro? Sembra un po maniacale programmarsi i consumi ma si parla di droga e ne va della salute quindi vorrei fare le cose fatte bene

Risposta:

Ciao la tua prospettiva è un po’ inusuale perché è difficile incontrare qualcuno che sui propri consumi di droghe fa programmazioni così a lungo termine. Quello che posso dirti, rispetto alla logica della riduzione dei rischi, in fondo lo sai già: si consiglia di mantenere i due mesi di pausa tra due assunzioni successive perché questo è il tempo minimo che occorre all’organismo per riequilibrare i propri bilanci di serotonina etc...  Dunque, è vero che se uno prende alla lettera questo può fare come fai tu - un programma a lungo termine programmando i propri 5 anni di consumi - ma questo a me non pare corretto anche perché è difficile prevedere che influenza possa avere questo consumo sulla propria vita, intendo a livello psicologico e relazionale. Tu dai per scontato che tutto sia sempre ok ma non è detto e poi perché fare di un occasione una routine?

"per 5 anni 5 volte l’anno consumerò MDMA", ti tranquillizza ? a mio avviso per fare le cose per bene e rispettare la salute puoi fare di più che rispettare una routine utile per evitare rischi maggiori e fare le tue scelte via via. Tranquillizza meno ma è bene che sia così forse?

Domanda: Dopo aver assunto mdma è passata una settimana e mi sento ancora stanco e intontito con leggere emicranie e rigidità muscolare, inoltre sono sensibile alla luce e vedo in maniera diversa è normale? Consigliate un consulto medico?

Risposta:

Come forse saprai l’MDMA ha un effetto importante sulla serotonina che normalmente produciamo e che ci regola lo stato dell’umore. Si consiglia infatti di lasciare 45 giorni come minimo tra due assunzioni per dare il tempo di riequilibrarsi a livello fisico e mentale. Stanchezza e i segnali che indichi si spiegano con questo, quindi direi niente di troppo strano, ma considererei il fatto che sono effetti di down un po troppo lunghi, può essere utile che, se fra qualche giorno non sono rientrati, sia opportuno un consulto medico. E comunque questo è un segnale che questa sostanza ti provoca effetti eccessivi sul recupero successivo. Ci possono essere altri fattori che influenzano tutto ciò, es hai passato un periodo faticoso ed eri troppo stanco, ne hai assunto più del tuo normale etc...


Domanda: Continuo domanda su esito diagnosi

Avevo scritto che il medico di base aveva diagnosticato l' inutilità della risonanza magnetica, in quanto, anche se avessi avuto qualcosa, l' esame non avrebbe riscontrato nulla. Pertanto, immagino che se avessi qualcosa, in quanto non diagnosticabile, debba passare il resto della mia vita con questa incongruenza eventualmente presente. Oppure posso rasserenarmi che non abbia veramente nulla,ovvero la mia capacità cognitiva è sempre la stessa prima delle assunzioni

Risposta:

Puoi rasserenarti, visto che fino ad oggi non sono comparsi danni organici evidenti, non ti arriveranno improvvisamente fra capo e collo. Ovviamente interrompendo l'assunzione della sostanza.

 

 

Domanda: Pochi assunzioni di ecstasy fanno diminuire la capacità cognitiva dell' individuo

Salve, avevo inserito una domanda precedente relativa alla possibilità che l' ecstasy possa provocare una diminuzione delle capacità cognitive a chi l' assume. Io ne ho assunta poche volte. Avendo questo dubbio, mi consultai con un neurologo e successivamente uno psichiatra, i quali mi dissero che nel mio caso non si evidenziava nessuna problematica. Il neurologo mi prescrisse una risonanza magnetica solo per riassicurarmi sulla situazione. Andando dal medico della mutua per farmi prescrivere l' esame, lo stesso non me lo prescrisse in quanto per poche assunzioni, anche se ci fosse stata qualche problematica, l' esame non avrebbe riscontrato nulla. Può essere lecita la diagnosi elaborata sul mio caso?

Risposta:

 assolutamente si

Condividi contenuti