Back to top

Novità alcol, Esperienza

+
-318
-

Ho fumato cannabis e ho avuto uno svenimento

Ragazzi ho 21 anni e fumo cannabis abitualmente da quando ne ho 18. Ieri ero ad una serata con i miei amici premetto che la sera non sono riuscita a cenare quindi ero a stomaco vuoto e a questa serata c'era molta gente. Comunque mentre ballavo con i miei amici, abbiamo bevuto un drink e fumato una canna.

+
-450
-

Sono uscita da una relazione con una persona tossicodipendente ormai 3 anni fa ma torno sul forum con costanza settimanale e leggo quasi tutto, sicuramente tutto quello che riguarda l'eroina, la cocaina, il metadone. Se qualcuno sa intuire meglio di me perché lo faccio sono felice di sapere cosa ci vedete. Sono stata una crocerossina, ho sperimentato con le sostanze molto più dopo aver chiuso con il mio ex e oggi mi sento più o meno libera, ma ho paura, e credo di venire qui così spesso per non sentirmi sola.

Ho bisogno di aiuto

Da quando è morto papà pian piano siamo sprofondati. Abbiamo cercato di cambiare vita andando fuori, in Spagna,  aprendo un locale ma abbiamo perso solo dato anche dal fatto che io ero privo di interessi seri, pensavo a divertirmi,  spendere soldi, rubarli a mia mamma e giocarli. Sono tornato in Italia ed ho iniziato a lavorare,  pian piano mi sentivo meglio.  Anche se ero perennemente stanco senza una vita sociale mi sentivo bene.  Ma a casa la situazione non era così semplice, con mia mamma non andavo d'accordo, provavo un senso di odio ingiustificato anche se nel profondo la amavo.

+
-198
-

Sfogo e depressione?

Salve a tutti, come molti di voi sono qui per raccontare le mie vicissitudini perché non ho con chi parlarne, non mi voglio lamentare ma solo sfogarmi; c'è sicuramente chi sta peggio. 

Inizierò facendo una breve panoramica della mia situazione. 

Sono un a ragazzo di 18 anni, vivo con mia madre e mio fratello, mio padre morì quando avevo compito da pochissimo 8 anni. Mia madre è mio fratello litigano in continuazione e spesso vanno a finire col picchiarsi ed io sto la che guardo con le cuffiette aspettando che tutto finisca. 

+
-193
-

Droghe per non soffrire d'amore

Quanti hanno iniziato fra voi a fare uso di sostanze per non soffrire d'amore?

In realtà il processo psicologico

Ha il disegno di sostituire il BISOGNO

DELLA PERSONA CHE NON TI AMA PIÙ 

E/O TI HA LASCIATO CON UN BISOGNO

DIFFERENTE, alternativo.

Tutto questo quando sai che ti ha lasciato

E non puoi farci nulla.

Ci sarebbe tantissimo da scrivere.

+
-146
-

un vuoto incolmabile

Ciao a tutti, ho 38 anni, una storia come tante: uso di sostante in adolescenza e gioventù, soprattutto cannabis e psicofarmaci mischiati con alcool. Ho provato un pò tutto, ma il mio sballo preferito era tutto ciò che mi spegneva. Ho smesso dopo aver visto i miei amici finire in comunità e dopo aver lasciato un fidanzato che era andato troppo oltre ed era diventato violento. nel frattempo ho cambiato vita, amicizie, mi sono sposata ed ho un bimbo di 6 anni.

+
-115
-

Abuso di alcol in coppia

Buonasera, la farò breve.

Dall'età di 18 anni ho iniziato a soffrire di diversi disturbi psichici per approdare a 30 anni alla diagnosi di bipolarismo con incastri tipo disturbo da evitamento sociale, condotte borderline e tanto altro. Sono riuscita a arrancare sempre tra psicofarmaci usati come droghe e abuso di alcol per periodi più o meno lunghi alternati a periodi di cui riuscivo a smettere di bere.

Sono tre anni ormai che sono vicina a un uomo che amo molto e che mi ama da morire ma insieme siamo caduti dell'alcolismo più devastante. 

+
-397
-

Io sono per la libertà fino alle estreme conseguenze. >ma questo è il mio racconto. Ho sempre saputo, sin da bimbo, che avrei raccontato storie. Amavo scrivere. L'ho sempre fatto. 3 a matematica ma 8 a lettere e sono sempre passato. Al liceo già fumavo canne e leggevo Burroughs e Buckowski. Ero convinto che avrei scritto anche io. Bevevo, e tanto. Fumavo. Tantissimo. Ho fatto tutte le droghe che mi sono passate davanti.  Tanti acidi. Per fare esperienza, mi dicevo. Poi scrivevo. Poi l'acool è diventato da una compagnia a una necessità. E mi sono impelagato.