Back to top

Novità alcol, Esperienza

+
-206
-

Ho bisogno di aiuto

Da quando è morto papà pian piano siamo sprofondati. Abbiamo cercato di cambiare vita andando fuori, in Spagna,  aprendo un locale ma abbiamo perso solo dato anche dal fatto che io ero privo di interessi seri, pensavo a divertirmi,  spendere soldi, rubarli a mia mamma e giocarli. Sono tornato in Italia ed ho iniziato a lavorare,  pian piano mi sentivo meglio.  Anche se ero perennemente stanco senza una vita sociale mi sentivo bene.  Ma a casa la situazione non era così semplice, con mia mamma non andavo d'accordo, provavo un senso di odio ingiustificato anche se nel profondo la amavo.

+
-247
-

Sfogo e depressione?

Salve a tutti, come molti di voi sono qui per raccontare le mie vicissitudini perché non ho con chi parlarne, non mi voglio lamentare ma solo sfogarmi; c'è sicuramente chi sta peggio. 

Inizierò facendo una breve panoramica della mia situazione. 

Sono un a ragazzo di 18 anni, vivo con mia madre e mio fratello, mio padre morì quando avevo compito da pochissimo 8 anni. Mia madre è mio fratello litigano in continuazione e spesso vanno a finire col picchiarsi ed io sto la che guardo con le cuffiette aspettando che tutto finisca. 

+
-244
-

Droghe per non soffrire d'amore

Quanti hanno iniziato fra voi a fare uso di sostanze per non soffrire d'amore?

In realtà il processo psicologico

Ha il disegno di sostituire il BISOGNO

DELLA PERSONA CHE NON TI AMA PIÙ 

E/O TI HA LASCIATO CON UN BISOGNO

DIFFERENTE, alternativo.

Tutto questo quando sai che ti ha lasciato

E non puoi farci nulla.

Ci sarebbe tantissimo da scrivere.

+
-223
-

un vuoto incolmabile

Ciao a tutti, ho 38 anni, una storia come tante: uso di sostante in adolescenza e gioventù, soprattutto cannabis e psicofarmaci mischiati con alcool. Ho provato un pò tutto, ma il mio sballo preferito era tutto ciò che mi spegneva. Ho smesso dopo aver visto i miei amici finire in comunità e dopo aver lasciato un fidanzato che era andato troppo oltre ed era diventato violento. nel frattempo ho cambiato vita, amicizie, mi sono sposata ed ho un bimbo di 6 anni.

+
-143
-

Abuso di alcol in coppia

Buonasera, la farò breve.

Dall'età di 18 anni ho iniziato a soffrire di diversi disturbi psichici per approdare a 30 anni alla diagnosi di bipolarismo con incastri tipo disturbo da evitamento sociale, condotte borderline e tanto altro. Sono riuscita a arrancare sempre tra psicofarmaci usati come droghe e abuso di alcol per periodi più o meno lunghi alternati a periodi di cui riuscivo a smettere di bere.

Sono tre anni ormai che sono vicina a un uomo che amo molto e che mi ama da morire ma insieme siamo caduti dell'alcolismo più devastante. 

+
-402
-

Io sono per la libertà fino alle estreme conseguenze. >ma questo è il mio racconto. Ho sempre saputo, sin da bimbo, che avrei raccontato storie. Amavo scrivere. L'ho sempre fatto. 3 a matematica ma 8 a lettere e sono sempre passato. Al liceo già fumavo canne e leggevo Burroughs e Buckowski. Ero convinto che avrei scritto anche io. Bevevo, e tanto. Fumavo. Tantissimo. Ho fatto tutte le droghe che mi sono passate davanti.  Tanti acidi. Per fare esperienza, mi dicevo. Poi scrivevo. Poi l'acool è diventato da una compagnia a una necessità. E mi sono impelagato.

+
-281
-

Abuso di alcol

Ciao, volevo confrontarmi con voi su un problema che ormai si protrae da molto tempo e ultimamente sento che mi sta sopraffando: il mio abuso di alcolici. Ogni giorno bevo due birre doppio malto una di seguito all’altra e a volte anche più. È diventato un rito ormai. Il fine settimana e ogni volta che esco con qualcuno è sempre un occasione di bere. Sono in terapia con diversi psicofarmaci per problemi di ansia e depressione. L’alcol è diventato una necessità per me, non riesco più ad apprezzare la vita senza, mi sembra spenta e monotona.

+
-348
-

COSA MI STA SUCCEDENDO?

È il 6 Aprile 2019,quando, dopo che mia madre se ne va di casa e resto da solo con mio padre,affetto da un bipolarismo molto grave. Dopo averlo visto stare male per l’ennesima volta cerco di staccare la testa e vado sul balcone a fumarmi una canna. A metà circa comincio a svarionare un po’ e decido di finire di fumare la canna il giorno dopo. La mattina,prima di andare in UNI, accendo la canna e dopo due tre tiri comincio a sentirmi strano, a sudare freddo e ad avvertire un forte senso di incapacità di controllare il mio corpo: mi rendo conto di essere preda di un attacco di panico.

+
-134
-

Ho bisogno d aiuto

Ciao avrei bisogno di un confronto.
Bevo 3 volte la settimana inizio la mattina alle 10 e finisco di bere quando sto a pezzi in media 2 litri di vino. Non divento aggressiva anzi tendo a mantenere il controllo ma qualche castroneria che mi fa salire l ansia il giorno dopo Be la faccio. Vorrei smettere di bere per il bene anche della mia famiglia.